Sonetto: Ammira er Creato e magnatelo (Ammira il Creato e mangiatelo) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il giu 4, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Il cambiamento è avvenuto e siamo i primi a poterlo raccontare, Cristiano Torricella torna sul nostro sito con un sonetto tutto inedito e mai pubblicato prima, un sonetto misto, in latino-romanesco, in due sestine, contenente dodici rime baciate, con metrica AABBCC, AABBBB, mai usata prima dall’autore – Ammira er Creato e magnatelo (Ammira il Creato e mangiatelo)

Scritto il 19 maggio 2013, poco tempo fa, è l’unico sonetto romanesco, finora esistente, dell’autore Cristiano Torricella, il quale, tuttavia, scrive testi dal 1976…

Buona “degustazione”!

 

“Ammira er Creato e magnatelo” di Cristiano Torricella

Ammira cciò cche ccreò Ppatr’ Iddio, e mmagnatelo, o uom, sì mmatto …
Zole, ppioggia, nnuvvolle, ppratolline, er Ccoliseo, rrudderi dde Rroma, er
ggatto …
cce nn’è, zortanto, Uno, vvvennuto mmale, cch’a vvive ‘nn pace, nn’ è,
ppropio, ppè ggnente, bbono …
Uno, cche, qqui, a Rroma, arubba, ‘nquina, offenne, sstrilla, ssenza, ammai,
cchiede pperdono …
“cchi ssarà mmai, sto str…zo, ‘sto ffetente?
Cche ssia, fforse, ppropio ‘st’ omo, vverammente?”
Sic et simpliciter, ‘nncredibbile dictu, ppropio a mme, pporo ffillosseffo,
mmesto,
ddar Ttevere, ggiù dda Ccastello, rrampognemme, accussì, ventoso Sciro, assai
mmollesto:
“llibbero ppoè, dde Rroma bbella, e dde lli Castelli, llassà ‘sta …..
hannò ccosì, ttutto ppè sstorto, er Ccreato, cche vvoi ffà?”…
Nner mmentre, er Ggiannicolo ss’empiccia, e ss’entrommette, a ‘sparà: *
“è ll’ora dde lla ppappa, a ppoè – mm’addico – llassa pperde lli ggiocarelli,
annamo, addunque, a ccuccinnà”.

 

Traduzione in lingua italiana

Ammira il Creato e mangiatelo) di Cristiano Torricella

Ammira ciò che creò Dio Padre, e mangiatelo, o uomo, tu che sei così matto

Sole, pioggia, nuvole, pratoline (margheritine), il Colosseo, i ruderi di
Roma, un gatto …
ce n’è, soltanto, Uno, venuto male, che, a vivere in pace, non è, proprio per
niente, buono …
Uno, che, qui, a Roma, ruba, inquina, offende, strilla, senza, mai, chiedere
perdono …
“chi sarà mai, questo str…zo, questo fetente?
Che sia, forse, proprio l’uomo, veramente?”
Così e semplicemente, incredibile a dirsi, proprio a me, povero filosofo,
mesto,
dal Tevere, giù da Castel (S. Angelo), mi rimprovera, con queste sue parole,
il ventoso Scirocco, assai molesto:
“libero poeta, di Roma bella, e dei Castelli, lascia stare…..
andò così, tutto, di traverso, il Creato, che ci vuoi fare?”…
Nel frattempo, il Gianicolo s’impiccia, e s’intromette, a sparare: *
“è ora di mangiare, poeta – così, mi dico – lascia perdere i tuoi versi
(giocattoli poetici), andiamo, dunque, a cucinare”.

* nota d’autore: è usanza, a Roma, che a mezzogiorno, il cannone del Gianicolo
spari un colpo di cannone, a salve

Tags : , , , ,