Categorie
8 - Liberi Pensieri Blog Punti di vista

C’era una volta…la scuola

Non sono un astronauta, un astrofisico, un astrologo né tanto meno un astronomo.

Non ho mai preso un aereo, un elicottero, un dirigibile, un razzo spaziale (visto che va di moda) e credo di aver paura di volare anche se non l’ho mai fatto, chissà…

Mi piace guardare le stelle nel firmamento, questo sì, riconosco le costellazioni (alcune), l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore e la Stella Polare ma a parte questa mia digressione sul tema, la domanda è: “Perchè allora vedo così tanti buchi neri?”

Risposta: sto pensando alla scuola.

Già, ho parlato diverse volte di questo argomento e non solo perché mi sta tanto a cuore ma per il semplice fatto che sono fermamente convinto che senza cultura non si vada da nessuna parte.

Direte: sei un secchione!

No, non sono un secchione, ma se per secchione si intende una persona a cui piace studiare, scoprire, imparare cose nuove, magari inventare, migliorare quel che c’è, costruire e non distruggere, non prendere per intoccabile quello che qualcun altro passa come verità assoluta, oro colato, così e basta, senza discussione e senza mettere (soprattutto) in discussione allora sì, sono un secchione e di questo me ne vanto.

La scuola? Era già distrutta l’anno scorso e quello scorso ancora e ancora e ancora… ma ormai non è più neanche rasa al suolo o smantellata, è stata cancellata dalla faccia dell’universo, colpo di grazia? Tre lettere in questo caso insignificanti: DAD!, ciliegina sulla torta, con le sue piattaforme di condivisione (ahahah, scusate mi viene da ridere, è uno scherzo, vero? No? Allora piango.) che hanno fatto scoprire a insegnanti con anni di esperienza un mondo – quello di internet – che magari non conoscevano ed esaltato, ubriacato, i nuovi insegnati, quelli più giovani e cresciuti già con un po’ più di “tecnologia” alle spalle o per lo meno vista crescere e diffondersi…ahimé, credo che questi ultimi facciano parte della mia generazione ma come è possibile? Inutile, io sono diverso, ho a che fare ogni giorno con pc, software e altro ma posso garantire di essere il primo a volerne fare a meno, è troppa e degenerativa, al momento credo che un passo avanti tecnologico corrisponda a due indietro della persona e delle sue capacità di pensare, discutere, fare ragionamenti e crescere…

Va bene, è stato un anno difficile per tutti, la scuola (“s” minuscola d’obbligo) è ripartita o per lo meno così dicono ma conserva tutti i postumi di questa “sbornia” da DAD introdotta da un anno a questa parte.

Ho le prove, sapete? E’ questo che mi ha spinto a scrivere e infatti ora arrivo al succo della questione…

  • Come è possibile assegnare dei compiti da svolgere a casa su una piattaforma, allegare dei video da Youtube o dei documenti in pdf-doc-xml-ecc…, pretendere un riassunto sull’argomento e soprattutto l’arrivo in classe dei ragazzi “belli”, preparati, in parole povere padroni della materia?

Per me questo non è insegnare.

O peggio…

  • Come è possibile assegnare questi compiti in tarda serata, segnalarli sul registro di classe elettronico (altra pugnalata alla scuola ma considerato documento ufficiale) e pretendere che i ragazzi li svolgano e arrivino sempre preparati in classe? Non si vive sempre connessi o no?!!

Aaaaah! Ma il professore si è dimenticato, li ha inseriti tardi…

Ah! E perché non l’ha fatto subito dopo aver finito la lezione? Andava bene anche un’ora, due dopo, senza fretta per carità…il problema è che per questa sua dimenticanza, il giorno dopo l’intera classe ha avuto 4! Media rovinata dei più bravi, media gettata nel cestino di chi si arrangia.

Per me questo non è insegnare.

Allora, credo che questo sfogo (mio) sia giustificato, che vadano riviste tante e tante cose e soprattutto vadano messe delle regole se proprio si vuol imporre l’utilizzo della “tecnologia” al posto degli insostituibili e incancellabili registri e dei libri di testo – ahimé, anche se questi ultimi non sono più come una volta…e ci sarebbe altro da dire in proposito… tanto da dire… la prossima volta magari, ora vado a cena! 😉