Categorie
8 - Liberi Pensieri Blog Punti di vista

C’era una volta…la scuola

Non sono un astronauta, un astrofisico, un astrologo né tanto meno un astronomo.

Non ho mai preso un aereo, un elicottero, un dirigibile, un razzo spaziale (visto che va di moda) e credo di aver paura di volare anche se non l’ho mai fatto, chissà…

Mi piace guardare le stelle nel firmamento, questo sì, riconosco le costellazioni (alcune), l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore e la Stella Polare ma a parte questa mia digressione sul tema, la domanda è: “Perchè allora vedo così tanti buchi neri?”

Risposta: sto pensando alla scuola.

Già, ho parlato diverse volte di questo argomento e non solo perché mi sta tanto a cuore ma per il semplice fatto che sono fermamente convinto che senza cultura non si vada da nessuna parte.

Direte: sei un secchione!

No, non sono un secchione, ma se per secchione si intende una persona a cui piace studiare, scoprire, imparare cose nuove, magari inventare, migliorare quel che c’è, costruire e non distruggere, non prendere per intoccabile quello che qualcun altro passa come verità assoluta, oro colato, così e basta, senza discussione e senza mettere (soprattutto) in discussione allora sì, sono un secchione e di questo me ne vanto.

La scuola? Era già distrutta l’anno scorso e quello scorso ancora e ancora e ancora… ma ormai non è più neanche rasa al suolo o smantellata, è stata cancellata dalla faccia dell’universo, colpo di grazia? Tre lettere in questo caso insignificanti: DAD!, ciliegina sulla torta, con le sue piattaforme di condivisione (ahahah, scusate mi viene da ridere, è uno scherzo, vero? No? Allora piango.) che hanno fatto scoprire a insegnanti con anni di esperienza un mondo – quello di internet – che magari non conoscevano ed esaltato, ubriacato, i nuovi insegnati, quelli più giovani e cresciuti già con un po’ più di “tecnologia” alle spalle o per lo meno vista crescere e diffondersi…ahimé, credo che questi ultimi facciano parte della mia generazione ma come è possibile? Inutile, io sono diverso, ho a che fare ogni giorno con pc, software e altro ma posso garantire di essere il primo a volerne fare a meno, è troppa e degenerativa, al momento credo che un passo avanti tecnologico corrisponda a due indietro della persona e delle sue capacità di pensare, discutere, fare ragionamenti e crescere…

Va bene, è stato un anno difficile per tutti, la scuola (“s” minuscola d’obbligo) è ripartita o per lo meno così dicono ma conserva tutti i postumi di questa “sbornia” da DAD introdotta da un anno a questa parte.

Ho le prove, sapete? E’ questo che mi ha spinto a scrivere e infatti ora arrivo al succo della questione…

  • Come è possibile assegnare dei compiti da svolgere a casa su una piattaforma, allegare dei video da Youtube o dei documenti in pdf-doc-xml-ecc…, pretendere un riassunto sull’argomento e soprattutto l’arrivo in classe dei ragazzi “belli”, preparati, in parole povere padroni della materia?

Per me questo non è insegnare.

O peggio…

  • Come è possibile assegnare questi compiti in tarda serata, segnalarli sul registro di classe elettronico (altra pugnalata alla scuola ma considerato documento ufficiale) e pretendere che i ragazzi li svolgano e arrivino sempre preparati in classe? Non si vive sempre connessi o no?!!

Aaaaah! Ma il professore si è dimenticato, li ha inseriti tardi…

Ah! E perché non l’ha fatto subito dopo aver finito la lezione? Andava bene anche un’ora, due dopo, senza fretta per carità…il problema è che per questa sua dimenticanza, il giorno dopo l’intera classe ha avuto 4! Media rovinata dei più bravi, media gettata nel cestino di chi si arrangia.

Per me questo non è insegnare.

Allora, credo che questo sfogo (mio) sia giustificato, che vadano riviste tante e tante cose e soprattutto vadano messe delle regole se proprio si vuol imporre l’utilizzo della “tecnologia” al posto degli insostituibili e incancellabili registri e dei libri di testo – ahimé, anche se questi ultimi non sono più come una volta…e ci sarebbe altro da dire in proposito… tanto da dire… la prossima volta magari, ora vado a cena! 😉

Categorie
7 - Attualità Blog Società e politica

Scuola: Per i “sapientoni” è un’evoluzione, per me una rovina!

Generalmente non riporto per intero un articolo di giornale e qualcosa pubblicato su altri siti, preferisco scrivere di mio pugno anche se a volte non è il massimo ma questa volta faccio un’eccezione perché la “novità” che ho appena ascoltato mi ha lasciato senza parole, la considero una cosa che non sta né in cielo né in terra e ora capisco perchè sia stata mantenuta segreta dai “sapientoni”.

Contenuta all’interno della Riforma Gelmini (???), partirà dal prossimo anno scolastico ovvero tra poco più di un mese. E l’italiano? Mi domando. Ancor più maltrattato. Poveri noi.

Leggete e diffondente, è allucinante!

L’articolo qui di seguito è tratto da Corriereuniv.it

 

La novità: Scienze, Geografia, Filosofia, Matematica e Storia dell’Arte potranno essere insegnate in lingua inglese.

Storia dell’Arte, Scienze, Geografia, Matematica, Filosofia: dal prossimo anno scolastico anche materie come queste potranno essere insegnate, per una parte delle ore curricolari, in una lingua straniera nelle classi finali dei Licei e in lingua inglese nelle classi finali  degli Istituti tecnici. L’insegnamento avverrà secondo la metodologia Clil, Content and Language Integrated Learning.

Va infatti a regime, con il coinvolgimento delle classi quinte, la riforma della scuola superiore che ha introdotto l’insegnamento di Discipline Non Linguistiche (Dnl, per dirla con i docenti) in lingua straniera. Una circolare inviata agli istituti (in Allegato) spiega alle scuole come organizzarsi e quali requisiti debbano avere i docenti.

Il Clil è una modalità di insegnamento praticata in molti Paesi europei già dal 1994 e in Italia utilizzata in questi anni da molti istituti con percorsi sperimentali. Il nostro è il primo paese a introdurre il Clil a livello europeo in modo sistematico all’interno del percorso della scuola superiore. L’insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera ha già preso il via a partire dall’anno scolastico 2012/2013 nelle classi terze dei Licei linguistici. Ora approda nelle quinte superiori di tutti i Licei e degli Istituti tecnici.

Rendere più vivo l’apprendimento della lingua straniera attraverso un contenuto disciplinare, ma al tempo stesso promuovere tra i nostri studenti un vero possesso della cittadinanza europea, è lo scopo della novità che parte a settembre.

Quali materie e per quante ore?
La scelta della  disciplina da insegnare con metodologia Clil (o delle discipline nel caso dei Licei linguistici, dove dal quarto anno saranno coinvolte due materie insegnate in due diverse lingue straniere) è lasciata agli stessi istituti scolastici. L’obiettivo generale è arrivare a coprire il 50% delle ore in tutti gli indirizzi, ma, con un’applicazione graduale che tenga conto della situazione e delle necessità delle singole scuole. Nell’utilizzo della metodologia Clil le scuole potranno avvalersi di conversatori e assistenti linguistici, potranno prevedere un’organizzazione flessibile dell’insegnamento.

Il Clil alla Maturità
L’insegnamento della disciplina non linguistica sarà valutato anche durante l’Esame di Stato nell’ambito della terza prova scritta e della prova orale sulla base della programmazione del Consiglio di classe risultante dal documento del 15 maggio.

La formazione degli insegnanti
Da più anni il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha avviato percorsi di formazione rivolti ai docenti per l’insegnamento secondo la metodologia Clil al termine dei quali, agli insegnanti, verrà richiesto un livello di conoscenza linguistica C1 e una specifica competenza metodologica. Tra le iniziative del Miur anche la promozione di Reti di scuole.

 

L’articolo è tratto da Corriereuniv.it

Categorie
8 - Liberi Pensieri Blog Personal-mente

Personal-mente: C’era una volta…la scuola

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.

(L’infinito – Giacomo Leopardi)

 

logo scuolaamicaCominciare con una poesia credo sia il modo migliore per introdurre l’argomento che mi accingo ad affrontare per l’ennesima e non ultima volta, purtroppo.

Perché cominciare con L’Infinito di Giacomo Leopardi? E’ una domanda che mi sono posto anch’io e diverse sono le risposte che mi sono dato.
Innanzitutto per un valore sentimentale, è una delle prime poesie che ho studiato e mi rimanda indietro nel tempo a quando tutto era più semplice e poi mi viene naturale L’infinito – quando penso alla scuola penso alla Poesia.
Poesia non intesa e interpretata come versi da imparare a memoria di grandi poeti e scrittori, magari non come una cantilena ripetuta senza capirne e carpirne il senso ma come Poesia vera e propria.

La Poesia – anche se in questi anni per me si è trasformata per questioni professionali e per passione nella parola codice (Il codice è poesia), codice inteso come programmazione al computer – è qualcosa che regala infinite sensazioni, apre orizzonti, trasmette, rimane e insegna.

E così come Leopardi aveva il suo posto ideale da dove guardare e dove sentirsi infinito, così era per me la scuola: un infinito luogo di infinita conoscenza dove crescere, maturare e migliorare.

Nella scuola di oggi, ahimè, trovo non ci sia più Poesia.

Già, è della scuola che sto parlando.

Ho la fortuna di seguire, nei miei limiti naturalmente, dei ragazzi nelle materie in cui risultano un po’ carenti, non sono un insegnate/professore/docente, ma quando vedo l’orrore devo dirlo, è più forte di me.

La scuola dai miei tempi è cambiata e in peggio. Se mai dovessi fare un paragone purtroppo lo farei con una banca in quanto ormai si parla solo di “debiti” e “crediti” accumulati durante tutta la carriera scolastica. Per qualcuno questo sistema è la manna scesa dal cielo, per me no.

Sono cresciuto in una scuola dove si veniva rimandati a settembre per recuperare quelle materie apprese poco durante l’anno e allora via a studiare per tutta l’estate per l’esame di riparazione: estate compromessa, mare zero, uscite quasi annullate, niente vacanza in definitiva ecc…
E’ ancora così (?) ma gli studenti maturano “debiti” e devono recuperare questa o quell’altra materia.
Ma quello che mi/vi chiedo è: “Come è possibile recuperare una materia sviluppata in un intero anno scolastico in sole tre lezioni che fanno parte dei corsi di recupero organizzati dalla scuola stessa?”

Me lo sono chiesto proprio oggi quando ho saputo che il recupero – parolone in questo caso – è organizzato così.

Esempio di cui sto parlando:

– Tre lezioni di due ore tenute dal docente entro e non oltre il 15 luglio. (Una a settimana praticamente)
– Stop di un mese e mezzo – giusto il tempo di far dimenticare quello che è stato fatto.
– Breve colloquio (proforma, direi) con il docente a fine agosto – inizio settembre.
– Promozione sicura all’anno successivo.

Pazzia? No, realtà.

Dal mio punto di vista tutto questo è assolutamente ri-di-co-lo!

Non ha senso e non riesco a trovare un senso. Il patrimonio culturale ne risente tantissimo così come ne risente la futura persona e membro della società.
Già, perché non dimentichiamolo, il ragazzo di oggi è uomo domani ma senza basi e con fondamenta appoggiate sulla sabbia, deboli e pronte a cascare giù.

Personal-mente tengo tanto alla Scuola e alla sua Poesia e vederla ridotta in questo modo mi rende triste e mi fa incazzare (scusate il termine ma è mi è venuto spontaneo).

Tutti i cambiamenti che in questi anni hanno apportato al sistema scolastico, le famose riforme (odio questo termine), pensate dai soliti sapientoni, stanno distruggendo intere generazioni. Grazie, grazie tante! Se li avessi tra le mani, oltre a dirgliene quattro, li mangerei! Grrr!

Mi dispiace professori e ragazzi ma fino a quando sarà così la situazione è davvero difficile, se non impossibile, trovare una soluzione…

Scritto da Mac La Mente 🙁