Categorie
2050 Blog Cristiano Torricella Punti di vista

T.C. V.S.D.I. 2050 e la Statistica Attuariale del Dissenso

T.C. V.S.D.I. 2050 e la Statistica Attuariale del Dissenso

(“Esagerato Show 2050 – Teatro del Dissenso”)

“L’attuario si pone modernamente ed utilmente in un mondo in cui di sicuro ci sono solo La Morte e Le Tasse”  (Benjamin Franklin – citazione citabile)

“Sol di Morte e Tasse siam Noi Moderni certi? Certo che no! Elementare… Watson!”

(T.C. V.S.D.I. 2050 – da: “Teatro del Dissenso” – opera citata – citazione citabile)

“Questi sono gli uomini che rispettavamo, le nullità d’un percorso ignoto, proprio questi, che morirono uccisi dalla bassa marea; proprio questi, che ci insegnarono l’inutilità della vita.” (Cristiano Torricella – frammento poetico tratto dalla poesia spirituale: “La mente Libera – Mandala Verde” – opera citata – citazione citabile

***

In cotal maniera pontificava – il Super-Infallibile Artista Statistico Attuariale T.C. V.S.D.I. 2050 – al Sindacato dei Benemeriti Fratelli Statistici al potere nel 2051 venuti ad applaudire il suo celebre “Esagerato Show 2050 – Teatro del Dissenso” con cui T.C. V.S.D.I. 2050 aveva innovato il paterno e storico “Teatro del Nonsenso di fin ‘900 ed oltre”:

Esimi Signore e Signori Paganti Biglietto Elettronico buongiorno a tutti!

Le seguenti statistiche – che sciorinerò di seguito con dovizia d’inutili particolari  – riguardano l’Italia di fin ‘900 ed oltre a partire dall’Anno Domini 1964.

Adeguando i dati storici esposti ad un Criterio Massimamente Razionale.

Come vedete nel Magico Istogramma ivi rappresentato, solo due metropoli italiane – Roma e Milano – superano tuttora il milione di abitanti ma nemmeno La Capitale raggiunge i quattro milioni di abitanti ivi residenti.

L’istogramma si riferisce infatti agli abitanti delle principali metropoli italiane. Nel 1871 nel Lazio le donne si sposano (mediamente) a 22,9 anni d’età partorendo – per la loro giovane età – molti più figli rispetto al 2051 ed oltre.

Un secolo dopo – nel 1971 – le automobili circolanti in Italia sono soltanto 209 per ogni 1000 abitanti ma nel 2011 sono già esponenzialmente aumentate raggiungendo i dato record di 1921 autovetture circolanti.

Nel 2009 nella Capitale d’Italia ci sono ben 695,1 auto in circolazione per ogni 1000 abitanti residenti nell’Urbe, con ciò che ne consegue a livello di smog urbano e della continua crescita delle malattie respiratorie, allergiche, cardiovascolari e cronico-degenerative di origine urbana.

Il maggior numero di temporali scatenatisi nella Capitale del Mondo (Roma Caput Mundi…) si ebbe invece nel lontanissimo Anno Domini 1921.

Il campione è un gruppo di persone scelto per le indagini statistiche.

Il numero che specifica quante volte avviene un certo dato è detto frequenza.

La media aritmetica si calcola invece sommando i valori di tutti i dati fratto (dividendo) il loro risultato per il numero totale dei dati ivi presenti.

Per scrivere i risultati in percentuale bisogna infatti spesso approssimare.

La Lombardia ed il Veneto producono la maggiore percentuale di produzione di mais in Italia ma converrete tutti con me che fino ad ogginel 2050 ed oltre – nessuno di Noi e di Voi  ha mai visto piovere polenta giù dal Cielo!

(applausi scroscianti da parte degli astanti)

Approssimando i risultati statistici ad un Ordine Ragionevole, nel 1969 il numero di ingressi nei cinema italiani era (mediamente) di 10,3 persone (me compreso) ma, nel 2009, era già drammaticamente sceso a sole 1,8 persone paganti me compreso (anche stavolta).

La famosa crisi dei cinematografi e della sale cinematografiche suppongo!

Nel 1971, in Italia, gli analfabeti erano ancora il 5% della popolazione.

Dal 1974 al 2003 l’atavico consumo di Vino – in Italia – diminuiva del 51% e quello di birra aumentava del 131%!

Nel 2009 i Parlamentari Italiani erano 630 alla Camera e 315 al Senato!

Sicchè se due terzi dei Parlamentari approvavano un disegno di legge costituzionale la Costituzione potevano  modificarla a (loro) piacimento!

Di quanto è diminuita la superficie totale coltivata ad Uva Da Vino in Italia?

Signori e Signore… nella migliore delle ipotesi…. del 15%!

Nel 1999, infatti, vi erano ancora 836500 ettari coltivati ad Uva Da Vino!

(grida di approvazione ed applausi da parte degli astanti)

Nasceva in un anno bisestile (divisibile per quattro…) prima del 1730 ma moriva precocemente – prima del 1800 – a soli 35 anni d’età… chi era Costui?

Ma nientepocodimeno che… Volfango Amadeus Mozart!

(applausi da parte del colto ed erudito pubblico plurilaureato presente in sala)

Nel 2005 i turisti stranieri in vacanza nello Stivale Tricolore erano (me escluso… visto che sono italiano di nascita…) ben 88.300.000 persone!

Ma nel lontanissimo anno 2006 solo un quarto della popolazione italiana visitava un museo (me compreso) mentre tre su quattro no (Ignoranza Culturale? Povertà? Analfabetismo di ritorno? Pigrizia Intellettuale? Bho…).

Tornando però al 1997 le famiglie che allora possedevano un pc (me compreso) erano solo il 17% dell’itala popolazione totale.

Nel 2001 la popolazione di Roma “Caput Mundi” (me escluso perchè trasferitomi ai Castelli Romani dal 1994 in poi) contava 2.546.800 abitanti.

E nel 2007 noi lavoratori italiani di ogni età (me compreso) eravamo ben 24.700.000 individui (di più degli attuali lavoratori del 2050 ed oltre… ).

Allora in Italia – mi riferisco statisticamente al 2010 – eravamo ben 60 milioni di abitanti (me compreso) con una percentuale di stranieri uguale al 7% della popolazione (non come avviene oggi con picchi del 17-20%…).

Il fiume Nilo è lungo 6695 chilometri, il Rio delle Amazzoni 6300 chilometri,  il Mississippi 5971 chilometri e il Tevere della super-barocca Fontana dei 4 fiumi di piazza Navona a Roma… scusate ma ho un vuoto di memoria e – data la mia veneranda età – non lo ricordo più con precisione!

(scroscianti applausi, risate, fischi e grida di giubilo da parte del pubblico)

L’Uomo Primitivo si è evoluto in Africa oltre 100000 anni fa ed ha invaso l’Europa 40000 anni fa.

L’Ultima Glaciazione – che l’Umana Storia narra – avveniva 10000 anni fa.

La comparsa dei virus informatici sui pc risale al 1987-fine anni ottanta.

Un 13,5% di italiani soffrono di allergie respiratorie mentre la popolazione italiana nel gennaio del 2011 era di 60.626.442 abitanti residenti in loco.

Concludendo questa brevissima e non esaustiva carrellata statistica su come fosse diversa da oggi l’Italia dei decenni precedenti, voglio ricordare a tutti gli astanti che nel 2010 la Provincia di Roma era – allora – la provincia più popolata d’Italia annoverando ben 4.194.000 abitanti totali (me compreso…).

Infine, nel 2021 (l’Anno del Cigno Nero…) – come ben sapete anche Voi – venivamo tutti vaccinati contro la pandemia di Covid-19 e successivamente nel 2050 accadeva – purtroppo – il devastante il disastro nucleare di Milano.

Per stasera è tutto ed il mio intervento statistico-attuariale termina qui.

Grazie per la cortese attenzione fin qui prestata.

Lascio ora la parola al prossimo relatore – l’esimio scienziato Torricella da Roma – che avrà il difficile compito d’illustrarVi le ultime novità sulla Duale Natura Scientifica (sia corpuscolare che elettromagnetico-ondulatoria) della Luce Solare che giunge quotidie (quotidianamente) sul pianeta Terra.

Arrivedoorci! (tratto da Stanlio ed Ollio – citazione citabile)

Arrivedooorci a Voi tutti!

Arrivedooorci nel futuro 2052… al Dio dell’Universo sempre piacendo!”.

T.C. V.S.D.I. 2050

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.