/ Settembre 1, 2012/ Blog, Cronaca/ 5 comments

Per scelta ma non per importanza tratto poco e scrivo poco su quello che avviene in generale in Italia e in particolare nel paese in cui vivo, Monopoli – Bari – Puglia, e non perchè non sia informato o non mi interessi, anzi, al contrario, sono particolarmente sensibile ai fatti, alle iniziative e a tutti quello che il vivere comune, il senso civico, il benessere del cittadino – spesso dimenticato e calpestato, chissà da chi, eh?! – comportano, ma questa volta non riesco proprio a resistere e improvvisandomi “giornalista” vorrei mettere in evidenza proprio questo ultimo aspetto: il benessere del cittadino. Non è dell’adulto che paga le tasse per intenderci ma di colui/colei che deve ancora formarsi, che va difeso con qualsiasi mezzo possibile e in qualsiasi modo possibile proprio perché non ancora in grado di difendersi: i bambini.

Bambini e chiodi. Come mai questo titolo? Lo spiego subito e lo racconto nel miglior possibile per far aprire gli occhi e per dovere perché lo sento; in questo mondo ci vivo e di cose assurde ne ho viste e sentite tante e continuo, purtroppo, a vederle.

Prima di tutto vorrei che osservaste questa foto scattata ieri pomeriggio a Monopoli in Piazza Vittorio Emanuele con il cellulare.

 

 

 

Si commenta da sola, vero? Già, ci sono chiodi sparsi ovunque che andrebbero rimossi il prima possibile. I bambini in questa piazza ci giocano, corrono, si inseguono e se mai qualcuno di loro dovesse cadere potrebbe farsi male sul serio, finire in ospedale e chissà che altro visto che i chiodi sono acuminati, lunghi e alcuni anche arrugginiti! E se dovessero raccoglierli? Aiuto!

Sono giorni che nessuno fa niente, che i vigili non intervengono nonostante le diverse segnalazioni dei cittadini e che il materiale ferroso giace inerme e (quasi) abbandonato.

Sono finiti lì a seguito dello smantellamento del chiostro costruito per le diverse manifestazioni musicali-bandistiche che si sono alternate questa estate e che ora sono finite. Sono finiti lì perché gli operai che han smontato la struttura sono stati poco accurati – e mi dispiace dirlo. Sono ancora lì perché nessuno si sforza di rimuoverli…domani (domenica 2 settembre) lo faccio io e spero che altri vedendomi mi aiutino.

E’ davvero inaccettabile una situazione del genere e prima che avvenga qualcosa di serio, e solo in questo caso poi si farà qualcosa, meglio eliminarli definitivamente.

Perchè deve essere sempre così? Prima l’incidente e poi il rimedio. Non lo capirò mai.

I bambini vanno tutelati e protetti, e spero che molti siano d’accordo su questo, e se non ci pensano gli adulti, chi? Da non-genitore mi sento male al sol pensiero di un incidente, figuriamoci se lo fossi, vedrei rosso e mi arrabbierei tantissimo e questo è il minimo che farei.

Ok, il fatto è diventato un piccolo sfogo, scusate! Ma ci sono cose che non tollero e mai tollererò.

Spero di aver dato voce a chi di parole e suoni ne pronuncia tanti e ci fa sorridere con la sua tenerezza: i bambini.

E’ vero, il discorso si potrebbe estendere per altri casi ma questa volta ho voluto parlare “in piccolo” poi…si vedrà.

Scritta da Mac La Mente (Andrea, dalla parte dei più piccoli)

Share this Post

5 Comments

  1. Bene, ho finito! Come ho scritto ieri nell’articolo sono andato a raccogliere i chiodi e l’ho fatto uno per uno. Sono 400gr. di chiodi e ferri lasciati in mezzo alla piazza alla mercé di tutti.

    Scandaloso!

  2. Bravo Mac! Cittadini che pensano ai cittadini, è così che si fa.

  3. Bravissimo Mac, Mac hai fatto un’ottima cosa, anzi due.

    – Ottima la tua denuncia di quanto accaduto nel tuo comune. Non dobbiamo e non possiamo più lasciar passare neanche uno spillo delle quotidiane infinite mancanze, carenze e assurdità della burocrazia e di chi dovrebbe gestire la cosa pubblica e non lo fa.

    – Ottima la tua azione: quando c’è un problema, ci si rimbocca le maniche e lo si risolve, non si aspetta che ci pensino gli altri.
    Spetterebbe a chi ha il dovere di farlo, certo. Ma se chi ha tale dovere non agisce, che si fa? Ci lasciamo sommergere da spazzatura e problemi di ogni tipo?
    Cominciamo a intervenire noi, agiamo noi e smettiamo di pensare che tocchi sempre ad altri farlo.
    Solo se cominceremo tutti a ragionare così – e ad agire come hai fatto ottimamente tu – chi ha il dovere e la gestione delle cose, la smetterà finalmente di ritenersi autorizzato a latitare e a non risolvere i problemi.

  4. Vianne e Bancarella, grazie! Grazie per i commenti, ora sono un pochetto stanco per rispondere ma domani mattina lo farò di sicuro, ve lo prometto! 🙂

  5. Eccomi amici miei, una promessa è una promessa! 🙂

    @Bancarella: pensare a noi stessi, al bene della collettività e della comunità in cui viviamo credo sia importantissimo e se tutti danno una mano per rendere le cose migliori, si migliora! E’ una diretta conseguenza delle piccole-grandi azioni che potremmo compiere giorno dopo giorno.

    @Vianne: Grazie! Ho apprezzato molto quello che hai scritto e la penso esattamente come te. Inutile aspettare che siano sempre gli altri, chi di dovere, a fare il nostro bene – ammesso che lo facciano -, perchè le parole sono tante come sempre ma sono i fatti quelli che contano e che sistemano le cose. quello che ho fatto è un piccolissimo gesto ma sono fiero di averlo compiuto anche se i vari presenti mi han guardato strano, quasi squadrato o preso per scemo-pazzo…non mi importa minimamente e se dovesse capitare ancora lo rifarei senza problemi. Basta veramente poco per non arrivare al limite e porre rimedio prima che tutto peggiori!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.