/ Febbraio 20, 2011/ Blog, Poesie della domenica/ 0 comments

Ritorna puntale, come ogni domenica, il nostro appuntamento fisso con la poesia.

Questa volta il nostro giro ci porta in Francia e ben due secoli fa quando un poeta di inestimabile valore – Charles Baudelaire (1821 – 1867) – scrisse poesie davvero sublimi che ancora oggi vengono ricordate.

Forse non è tra le sue più famose, ma affascinante di sicuro: Tristezze della luna.

Tristezze della luna

Nei suoi sogni la luna è più pigra, stasera:
come una bella donna su guanciali profondi,
che carezzi con mano disattenta e leggera
prima d’addormentarsi i suoi seni rotondi,

lei su un serico dorso di molli aeree nevi
moribonda s’estenua in perduti languori,
con gli occhi seguitando la apparizioni lievi
che sbocciano nel cielo come candidi fiori.

Quando a volte dai torpidi suoi ozi una segreta
lacrima sfugge e cade sulla terra, un poeta
nottambulo raccatta con mistico fervore

nel cavo della mano quella pallida lacrima
iridescente come scheggia d’opale.
e, per sottrarla al sole, se la nasconde in cuore.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.