Poesia: Roma e li Castelli (Roma ed i Castelli) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il lug 8, 2012 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

E’ arrivata un’altra domenica e la giornata porta con sé una poesia che va ad arricchire la nostra categoria Poesia della Domenica.

Roma e li Castelli (Roma ed i Castelli) di Cristiano Torricella, nostro amico, descrive un altro squarcio della Capitale e altre sensazioni che l’autore prova e racconta pensando e vedendo tutti i luoghi caratteristici e unici che ci sono. Nelle sue parole si sente tantissimo l’amore, l’attaccamento per la sua terra e per tutti i luoghi che hanno contribuito a formare la sua persona…e non c’è niente di più bello di questo!


(Monte Cavo e il Paese di Rocca di Papa, foto scattata da Grottaferrata)

 

Roma e li Castelli

 

Da circa ddieci anni risiedo a li Castelli,
ma a Roma mmia,
pe’ trent’anni,
ci ho abbitato.
De che ppaese sò, mò, ssapete,
spesso me chiedo,
ma ‘na rrisposta cchiara,
a ‘sta mia, insoluta, ddomanna,
finora, nun c’è stata!.
Li Castelli (Romani) sò molto bbelli,
ed ir dialetto romanesco mio s’è affievolito,
mischiannose, cor dialetto de i Castelli,
è diventato ‘n “rromanesco arruzzinito”!.
Mò come faccio, mò,
a fallo ripijà,
‘sto dialetto mio bbello, mmonticiano,
s’io, mò, so’ diventato “romano de i Castelli”,
e non sò più, manco, ppiù, rromano?
O Colle Oppio mio,
o Rione Monti, mio bello,
so io, mò, ppiù fijo tuo,
o più fijo, mò, de li Castelli (Romani)?
Se ‘e rovine tua,
antichissime spoije,
der Coliseo e de San Clemente,
se sa, sò sempre quelle,
tra quelle, però, io, oggi,
ner Rione, più nun ce vivo,
e mò me sento foresto,
quanno, da te, o Roma, arivo!
“Ddimentica, o ppoeta,
tutti ‘sti inutili probblemi!”
- m’ammonisce er Monte Cavo,
dar lago d’Albano, tutt’annuvolato -
“tu sii fijo de a terra che t’accoije,
tu sii fijo de ‘e tere che abbitasti,
e, se ‘n domani,
tu, Mmarino tua, lasciassi,
pe’ soddisfà ttue strane voije,
ce sarebbero, ssempre,
Ggenzano (de Roma (RM))
(e puro Roma tua),
tra loro, ‘n gara, a ditte:
“a poeta rromanesco, viè qquà!
Aritorna qqua, dda me, subbito!
Ch’ io t’arivoijo!”

 

Roma ed i Castelli

(traduzione in lingua italiana, a cura dell’autore )

 

Da circa dieci anni risiedo ai Castelli,
ma a Roma mia,
per trent’anni,
ci ho abitato.
Di che paese ora sono io, adesso, sapete,
spesso mi chiedo,
ma una risposta chiara,
a questa mia, insoluta, domanda,
finora, non c’è stata!.
I Castelli (Romani) sono molto belli,
ed il dialetto romanesco mio s’è affievolito,
mischiandosi, con il dialetto dei Castelli,
è diventato un “romanesco arrugginito”!.
Adesso come faccio, adesso,
a farlo riprendere,
questo dialetto mio bello, monticiano,
se io, ora, sono diventato
“romano dei Castelli”,
e non sono più, nemmeno, più, romano?
O Colle Oppio mio,
o Rione Monti, mio bello,
sono io, adesso, più figlio tuo,
o più figlio, adesso, dei Castelli (Romani)?
Se le tue rovine, antichissime spoglie,
del Colosseo e di San Clemente,
si sa, sono sempre le stesse,
tra quelle, però, io, oggi,
nel Rione, più non ci vivo,
ed, adesso, mi sento forestiero,
quando, da te, o Roma, arrivo!
“Dimentica, o poeta,
tutti questi inutili problemi!”
- mi ammonisce Monte Cavo,
dal lago d’Albano, tutto annuvolato -
“tu sei figlio della terra che ti accoglie,
tu sei figlio delle terre che abitasti,
e, se un domani,
tu, Marino tua, lasciassi,
per soddisfare tue strane voglie,
ci sarebbero, sempre,
Genzano (di Roma (RM))
(e pure Roma tua),
tra loro, in gara, a dirti:
“poeta romanesco, vieni qui!
Ritorna qui, da me, subito!
Che io ti rivoglio!”

Tags : , , ,