Caro Diario: aggiornamento 4.0!

(0 commenti) | Commenta | Inserito il feb 17, 2019 in 8 - Liberi Pensieri, Blog, Personal-mente

L’auto-celebrazione, l’egocentrismo e il narcisismo non fanno assolutamente parte del mio carattere e non sono aspetti che mi interessano più di tanto anche se in questo momento, per te che stai leggendo o sei semplicemente capitato per caso su questo testo, tramite combinazione di parole sul motore di ricerca – troppo spesso influente e invasivo, depistante per quanto riguarda i contenuti e discriminatorio tra il vero e il falso -, può sembrare il contrario visto che sto parlando di me.

17 02 1979 o semplicemente 17 02 79. Comunque li si consideri questi tre numeri sono miei (e di chi è nato in questo giorno, ovviamente), miei non in senso stretto del termine (vedi possedere), ma come punto di partenza di un conteggio sicuramente cominciato prima…
Numeri legati al calendario, alla vita e alla morte, a un matrimonio o un incidente, a un furto o a una vittoria, vari sono gli eventi che in questo momento ignoro, vari sono gli aspetti, mattina, sera, pioggia o sole e semplicemente un giorno come tanti altri, tutto va bene…

I tre numeri citati sono numeri primi, io per primo (sembra quasi un gioco di parole) non ci avevo mai fatto caso fino a questo momento, numeri primi che oggi “compiono” per me quarant’anni.

Cambio decennio, saluto da lontano lo zero, l’uno, il due e il tre – ahimé – e aggiorno la cifra più significativa della mia età e ricomincio a contare…

Inizio questa nuova avventura con un buon bagaglio alle spalle ma senza sentire la necessità di cambiare, anche se devo ammettere di essere un po’ cambiato sotto qualche aspetto: fisico? Sicuramente, ma frega niente…

Non so quando abbia acquisito il “diritto” di poter dire “non me ne frega un caxxo”, è accaduto prima dei quaranta e oggi non posso far altro che confermare e sottoscrivere.

Questa espressione colorita, neanche più di tanto, non implica o presuppone che le “cose” passino sotto al mio naso o vengano prese per “oro colato”, non l’ho mai fatto, ho sempre messo in discussione tutto, forse troppe volte, e non comincerò certo ora a cambiare atteggiamento.

Ho quarant’anni, faccio parte di quella generazione nata senza telefonino, quasi senza internet – Youtube non c’era, il modem 56k una Ferrari – e nonostante ora, per “deformazione professionale”, direi, ci sia dentro fino al collo, sono uno di quelli che ne farebbe volentieri a meno perché trovare tutto, essere perennemente connesso, reperibile, rintracciabile e via dicendo, lo considero più uno svantaggio che un vantaggio.
La connettività non è trovarsi, è solo un mezzo – a basso costo, forse – per abbattere le distanze e le barriere ma a volte è necessario distaccarsi (distanza) e isolarsi (barriera) per ritrovare il giusto equilibrio tra-e-con noi stessi: questo per me è importante.

Sai, vincerei facilmente in quella “gara-esperimento” letta poco tempo fa: centomila dollari in palio per rimanere due mesi senza telefonino…
Lo dimentico in macchina, il telefono, a casa, in altre stanze, non ne sentirei per niente la mancanza…e allora: dove si ritira il primo premio?

Faccio parte di quella generazione che ha visto cadere un muro (anche se ero piccolo, 1989) e innalzarne tanti altri, non in cemento o mattoni ma talmente robusti da far diventare qualcuno “matto-mattone”, incapace di ragionare, ubriaco – non di alcool, purtroppo, avrebbe fatto meno male…

Faccio parte di quella generazione, lo spero, io lo sono, è certo, che preferisce pensare con la propria testa, senza farsi mettere in testa falsi “miti”, anche se a volte ci son cascato, lo ammetto, ora non più.

Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi… (Blade Runner)
e continuo a vederle giorno dopo giorno e pensando ad alcune di esse, accidenti, sono talmente assurde da non sembrar vere, figuriamoci immaginarle, neanche negli incubi più cupi, eppur son realtà…

Quale è il mio auguro per questo passaggio di “versione”? Arriva tra un po’ l’augurio, prima però vorrei ringraziare…

Innanzitutto ringraziare un’amica (poco più avanti di me con gli anni, ehehehe) per il suggerimento dato: “non sono quaranta ma quattro”…ed io da buon smanettone-ottimizzatore ho colto la palla al balzo ed inserito un punto-zero, proprio come si fa con un programma o con un sistema operativo…e trasformato il tutto nel titolo di questo articolo…eh, la “deformazione professionale” si fa sentire…
La ringrazio con tutto il cuore per esserci ancora, qui, nel mio presente, occupa un posto importante e spero abbia la pazienza di esserci ancora tra dieci, venti, trenta e infiniti anni…e…mi fermo qui, ha capito cosa voglio dire già dall’inizio di questo breve periodo, lei è troppo forte! Credetemi! ;)

I miei genitori, certo, ci mancherebbe, li ringrazio con tre parole troppo spesso taciute o date per scontate: Vi Voglio Bene! …e potrei scrivere un libro a riguardo, sono quello che sono Grazie a loro…
Passione per la matematica, musica, rebus, enigmi, per i libri e le parole, il rumore e il silenzio…ho imparato talmente tante cose che quarant’anni non sono sufficienti per metterle in pratica, ci vuole tempo, eh sì!

E ringraziare le persone che ci sono ancora, che ci sono state e che arriveranno e incrocerò nella vita se ne avrò tempo…

Ecco, sicuramente avere tempo è un auguro che posso farmi, tempo da dedicare a tutto quello che mi interessa, tempo per leggere, scrivere, parlare, ricordare ogni singolo istante – bello o brutto che sia -, non mi importa, la vita è imprevedibile e voglio viverla giorno dopo giorno.
Vorrei accumulare esperienze e trasmetterle a chi ha voglia di ascoltare, senza insegnare a stare al mondo, ognuno ha un proprio percorso da seguire e matura in maniera differente, e se quello che ho trasmesso è un buon “input”, bene, allora sono contento…

“Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno. “ (The Big Kahuna)

In passato ho fatto parte della prima categoria, ora sono nella seconda…vado avanti.

Ricordo i dieci anni, i venti (che spettacolo, il mondo era mio), i trenta (e l’arrivo dell’ansia e degli attacchi di panico, pazienza, ma anche l’arrivo nella mia vita di Grease, la mia gatta, tra i due avvenimenti, il secondo è da ricordare e portare sempre nel cuore, l’adoro alla follia, impazzisco per lei! – cuoricino -) e i quaranta? Beh, se ci sarò tra dieci anni lo scriverò di sicuro, ora non so, non posso dirlo e prevedere non rientra nelle mie facoltà…

E vorrei augurarmi di continuare a pensare (immaginatelo scritto in stampatello maiuscolo con tanti tanti spazi – aria – tra le lettere…), di avere ancor più fantasia – unico limite –, di non essere mai e di non apparire mai ma di dare, dare tutto in tutto quello che faccio e che farò, e se non hai dato tutto non hai dato ancor… (Vinicio Capossela)

Io sono uno di quelli che crede fermamente nelle persone, che al supermercato con il carrello pieno se chi sta dietro ha un paio di prodotti lo fa passare avanti, che se incontra una signora con buste piene e ingombranti si offre di darle una mano e ricevere in cambio un sorriso è la cosa più bella che ci sia…che se incontra un bambino si mette a giocare, se incontra un amico a quattro zampe non può fare a meno di accarezzarlo e giocarci…son fatto così, prendere o lasciare…

E rivendico sempre quel “diritto” acquisito modificandolo a seconda dei momenti, delle circostanze e situazioni perchè credo non esista una verità assoluta sulle cose, è tutto mutevole proprio come il vento…

Un amico mi chiama “tristone” – per gioco – perchè magari non rido mai, sembro imbronciato, raggrinzito ecc… ma non c’è bisogno di esternare in ogni momento la propria felicità per essere felici, alla felicità preferisco la serenità, lo star bene: bene seduto, in piedi, solo o in compagnia, è questo quello che mi piace…

E mi fermo qui, la prolissità è un altro aspetto che non ho mai imparato, forse per “colpa” dei cinque meno meno nei compiti di italiano, chissà, magari miglioro da questo momento in poi in fondo…c’è sempre tempo! ;)

Tags : , , , ,