Punti di vista – Quelle piccole cose che…

(0 commenti) | Commenta | Inserito il nov 15, 2014 in 8 - Liberi Pensieri, Blog, Punti di vista

Io, asino primo.
Ai tempi delle elementari mi è stata insegnata una filastrocca che porta proprio questo titolo “Io asino primo” di Antonio Rubino e mi è stato detto, anche se non ero tanto d’accordo (inutile, alcuni insegnamenti proprio non li capivo hihihi), che non è molto corretto cominciare un discorso con “Io“. Questa volta faccio un’eccezione e faccio come dico io. ;)

Sì, sto divagando e come al solito sono partito per la tangente ma rientro in carreggiata e continuo a raccontare quello che mi è capitato una mezz’oretta fa in farmacia e con gioia infinita ogni volta che sono in compagnia di una mia carissima amica.

Io ho un’amica davvero speciale con la quale trascorro molto tempo a parlare e onestamente ne vorrei trascorrere molto molto di più, son troppo poche ventiquattro ore al giorno quando sono con lei e chissà perché il tempo accelera anziché rallentare…
Lei è sicuramente molto più informata di me, sono infinite le cose che apprendo e imparo grazie alla sua conoscenza, è stimolante, l’adoro! – è dire poco –, mi fa stare bene e di tutto questo non posso fare altro che ringraziarla con tutto il cuore. Graaaaazie! (cuoricino-che-batte)

Sono sicuro che leggerà questo articolo e spero tanto che le faccia piacere…

L’argomento è di interesse, ne parliamo tanto, a volte ci arrabbiamo e ne discutiamo animatamente in quanto i soggetti del discorso sono i “cari” sapientoni e tutto quello che fanno alla Nostra Italia.

Generalmente non parlo di queste cose ma, come ho scritto nel titolo, ci sono “quelle piccole cose che…

Senza dilungarmi troppo, credo di aver detto già abbastanza, mi son trattenuto a parlare con un farmacista e sentirgli pronunciare questa frase è stato a dir poco fantastico; il vento sta cambiando e la gente ha sempre più gli occhi aperti, qualcosa succederà perché siamo stanchi di essere presi in giro…

Il farmacista: “Il nostro capo è Angela Merkel, è lei che comanda in Italia”.

Vi lascio immaginare il proseguo del discorso…è venuto fuori tutto quello che porto dentro e non mi sono trattenuto…
L’unica cosa che posso dire è che mi fa rabbia aver scritto quel nome sul blog, non la sopporto.

Scritto da Mac La Mente – articolo un po’ criptico, mi rendo conto, ma fatto apposta a scriverlo così ;)

Tags : , , ,

 

Punti di vista – Una strana coincidenza

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ott 27, 2013 in 8 - Liberi Pensieri, Blog, Punti di vista

A volte uso il blog per mettere in evidenza argomenti che spero possano essere di interesse: suggerimenti di programmi, incipit e brevi recensioni su libri, film o musica, altre volte suggerisco “trucchetti” per il computer e per tenerlo in buona salute o riporto frasi, poesie e commenti nati in maniera naturale e spontanea, altre volte ancora scrivo qualcosa di personale.
Quest’ultimo punto è più raro degli altri, non perché non abbia niente da dire, non pensi, non mi guardi intorno o non abbia voglia di farmi conoscere, solo così, perché capita. Ed è proprio perché “capita” che oggi son qui a raccontare, sempre a modo mio, una “strana coincidenza“.

A volte si dice: “le vie del Signore sono infinite” oppure “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi“; naturalmente la seconda citazione è da leggere in maniera leggera, non parlo del diavolo e non sto definendo diavolo né la persona con cui sono venuto in contatto, né il materiale che mi ha lasciato…ma tutto questo è davvero una strana coincidenza.

Alcuni giorni fa ho terminato la lettura di un libro che, a mio parere, è secondo solo a pochi altri sia per intensità e profondità del testo che per stile, capacità di far pensare e appassionare. Ho letto questo libro con una voglia immensa soffermandomi su qualsiasi parola, forse è stata la lettura più “complicata” che abbia mai fatto ma son felice di conoscerlo meglio ora, ho aspettato tanto per questo capolavoro e lo rileggerei ancora, ancora e ancora… Il libro è tutto quello che deve essere un libro, deve raccontare ma allo stesso tempo lasciare tanto e a lungo, non avere una scadenza o “essere di moda”, deve resistere all’erosione del tempo e crescere nel tempo. Avrei molto da raccontare da questo punto di vista ma non è ora il momento, ci sanno altre occasioni.

Il libro è Il paradiso perduto di John Milton. Alla fine della lettura ma anche dall’inizio in verità, tutte le domande che già in passato mi ero fatto, domande alle quali ognuno trova una risposta diversa e personale, sono riaffiorate in superficie e allora ho cominciato a pensare…

Non metto in dubbio la mia fede perché mia e non mi interessa se diversa da quelle manifestata da altri – questa forma di libertà fortunatamente c’è ancora anche se c’è chi fa di tutto perché avvenga il contrario – ma interrogativi ne ho e sono anche tanti!

Alcuni giorni fa, non contemporaneamente alla fine delle lettura, sono stato fermato da un persona che distribuiva volantini per strada. Il volantino conteneva altre domande, che già conoscevo, sul Signore, sulla lettura della Bibbia, su come approcciarsi alla preghiera ecc…
Sicuramente avete capito quale persona mi ha fermato e a cosa mi sto riferendo, devo dire che è un peccato che andassi di fretta, un confronto l’avrei avuto abbastanza volentieri su questo argomento di cui parlo spesso, non entro neanche in discussione quando capita in quanto ho un mio modo di concepire il rapporto con Dio, con la Chiesa e con le Scritture e sono fermo sulle mie posizioni, non cambio pensiero molto spesso, ma sono aperto ai diversi modi di vedere soprattutto se sono costruttivi e analizzati da un’angolazione diversa dalla mia: considero la vita una figura geometrica solida e di forma irregolare, così come i diversi argomenti di cui si parla, la visione che vedo io non è la stessa che hai tu, ci sono angoli inesplorati, superfici nascoste e il volume non sempre è facile da calcolare e non c’è una formula fissa per questo, molteplici sono le variabili ma tutte indispensabili…sto divagando.

Al termine del libro ho pensato: “Credo che Dio (o con qualunque nome ci si riferisca a qualcosa di più grande) concependo Satana abbia commesso un errore, variabile non calcolata tra le infinite variabili possibili, eccezione, forse, non ipotesi, realtà”.

…e ancora adesso, mentre sto scrivendo, non solo penso alle domande, al volantino e alle parole in esso contenute ma anche al pensiero fatto e a tanti aforismi, citazioni che nominano Dio nelle sue diverse forme e rappresentazioni.

Ora mi viene in mente: Non si è mai disputato se c’è luce a mezzogiorno. (Voltaire)

Chissà.

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , ,

 

Quando persone e pc hanno ragione e i “sapientoni” dormono.

(1 commento) | Commenta | Inserito il set 20, 2013 in Blog, Punti di vista

computer_angry_108399Forse il titolo non è molto chiaro ma non mi veniva in mente nient’altro al momento e per la prima volta anziché anticipare l’argomento, lascio che quest’ultimo non si intuisca dalla presentazione (titolo) ma evolva piano piano nei contenuti di questo articolo-testimonianza che ho bisogno di raccontare perché ho vissuto l’accaduto in prima persona e pensare a tutto quello che c’è dietro mi innervosisce abbastanza.

Sono anni e anni, diciamo almeno due decenni, che ho a che fare con le macchine e in particolare con i computer e nonostante sia d’accordo con chi afferma che i “computer non sanno pensare e sono stupidi perché non dotati di intelletto” – è tutto da verificare, in realtà -, a volte mi stupisco del contrario: non sempre sono loro a commettere errori, non sempre la “colpa” di un mal funzionamento va scaricata su di loro, in fin dei conti eseguono soltanto istruzioni programmate, senza pensare…

Si potrebbe pensare che stia criticando i programmatori, no, non è così, perché nel mio piccolo rientro anch’io in questa categoria e, permettetemi di dirlo, una volta tanto che han ragione e fanno qualcosa di buono va quasi gridato! E’ un evento, non si verifica spesso! Battute a parte, i programmatori non hanno niente a che fare con quello che voglio raccontare…

Quel che sto cercando di dire è che al mondo ci sono persone e “sapientoni”… in che senso? E’ presto detto. Le persone sono i normali utilizzatori di un pc, gli utenti finali, e non sono tenuti a saper risolvere le anomalie che si presentano quando accendono o utilizzano un computer, non è compito loro, ma se questi errori non permettono di svolgere un lavoro? Beh, il problema è serio e sono costretti a chiamare i programmatori-tecnici per porre rimedio.

E allora ci si domanda: per quale motivo devo spendere tempo, denaro e non riuscire a lavorare? E’ presto detto anche questo. Perché ci sono i “sapientoni” che, non capendo assolutamente niente di tecnologia e vivendo in un mondo tutto loro, in un mondo che non è né virtuale e né reale (concedetemi di dirlo), non aggiornano i sistemi informatici di comunicazione che nel tempo evolvono e che richiedono una costante cura e attenzione. I “sapientoni” spendono soldi pubblici – ci tengo a dirlo – in tutt’altro perché pensano che “se il software funzionava ieri sicuramente funzionerà domani“.

Falso! Il software si evolve, furbone, e gli aggiornamenti (anche se troppo veloci e troppo frequenti) sono fatti, almeno così si dice, per migliorare…soprattutto se i dati che viaggiano in un sistema sono i dati sensibili di una persona.
Perché lasciarli in balia degli hacker? Aggiorna il sistema, sapientone!

E invece no, non si aggiorna e il risultato è che la persona (l’utente) mi chiama perché dopo aver aggiornato non riusciva più ad accedere a particolari sezioni del portale che utilizza quotidianamente per lavorare e che è gestito dai “sapientoni” e dagli enti.

Morale della favola? L’aggiornamento c’è e serve per la sicurezza ma il sistema in questione funziona solo con il software vecchio, disattivando l’antivirus – il che è assurdo – e solo con un browser specifico.

Mah, mi viene da pensare al film Blade Runner e alla frase “Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi…”

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , ,