Informatica – Gestire i punti di ripristino di Windows

(0 commenti) | Commenta | Inserito il mag 7, 2014 in Blog, Informatica e Web

Prima di presentare il programma di cui vorrei parlare, mi sembra giusto spiegare brevemente cosa siano i “famosi” Punti di ripristino del sistema, come crearli, perché sono importanti e quando utilizzarli.

Ebbene, un punto di ripristino non è altro che un programma – già incluso in Windows, in questo caso – che contiene una serie di informazioni utili sullo stato del nostro pc, cosa funziona e cosa non funziona, quali programmi sono installati sul computer e le ultime operazioni svolte. Potrebbe sembrare una specie di file di log (elenco delle azioni svolte, detto sinteticamente) ma è molto di più ed è più importante in quanto, a seguito di mal funzionamenti, errori e via dicendo, permette di ripristinare il sistema ad uno stato precedente senza perdere alcun dato o programma installato.

Generalmente Windows crea automaticamente dei punti di ripristino ogni qualvolta siano disponibili degli aggiornamenti del sistema da installare ma non solo. Questa operazione automatica se positiva sotto certi aspetti, è negativa in altri. Tra le note negative c’è sicuramente l’accumulo di questi punti di ripristino che a lungo andare non fanno altro che occupare spazio nel disco rigido con conseguente diminuzione delle dimensioni da dedicare, magari, ai propri file. Ciò avviene perché se non impostata l’opzione di sovrascrittura del punto di ripristino, si crea una lista sempre più grande di file con dimensione sicuramente non trascurabile.

Per creare un punto di ripristino manualmente è necessario seguire il seguente percorso:

Pannello di controllo → Protezione del sistema → Crea

Nella voce immediatamente sopra (Configura) è possibile settare lo spazio sul disco rigido riservato ai punti di ripristino (aumentarlo o diminuirlo, a seconda delle proprie esigenze) ed eliminare tutti i punti creati in automatico.

Attenzione! Cancellare tutti i punti di ripristino è un’operazione da ponderare con molta attenzione perchè in caso di mal funzionamento del sistema non sarà più possibile il recupero. E allora come fare a cancellare solo i più vecchi?

Tra i tanti programmi aggiuntivi che gestiscono i punti di ripristino, oggi voglio presentarvi QRM Manager Plus – software gratuito e di facile utilizzo (link per il download del programma da Softpedia – enciclopedia dei software)

QRM Manager Plus è un gestore manuale – ci tengo a sottolinearlo – dei punti di ripristino del sistema, permette di creali e cancellarli in maniera selettiva, di cancellare magari i più vecchi per dare spazio ai più recenti, in questo modo si libera spazio sull’hard disk senza alcun rischio.

QRM Manager Plus è un programma di piccole dimensioni che una volta installato aggiunge una voce al menù contestuale (menù che compare con il tasto destro del mouse e di cui ho parlato in questo articolo) e può essere richiamato solo quando necessario. Inoltre, se il Ripristino configurazione di sistema fosse disattivato, quando si tenta di creare un punto di ripristino, il programma visualizza un messaggio che chiede l’attivazione della funzione.

Concludendo:
1. Il punto di ripristino è un componente molto importante per aumentare, in parte, la tranquillità e la sicurezza di riuscire a rimediare a errori che a volte si manifestano e generano all’interno del pc.
2. Eliminare tutti i punti di ripristino è un’opzione da prendere in considerazione ma con ponderazione.
3. Conservare i punti di ripristino più recenti (ad esempio gli ultimi due) è sicuramente meglio perché così facendo si recupera un po’ di spazio sul disco rigido che vi ringrazierà di sicuro. ;)

Scritto da Mac La Mente

QRM-Plus-Manager_2

Tags : , , , , ,

 

Programmi – Aprire in sicurezza una chiavetta USB

(0 commenti) | Commenta | Inserito il feb 23, 2013 in Blog, Informatica e Web

Capita sempre più spesso di salvare, trasportare da un pc a un altro, copiare e cancellare dati da una chiavetta USB, così come capita spesso di accedere a tutti i contenuti in essa contenuti (perdonate il gioco di parole) senza fare la minima attenzione alla sicurezza, si dà quasi per scontato che l’utilizzo sia sicuro ma non è così. Può capitare, infatti, che i dati, per un motivo o per l’altro, vengano in qualche modo compressi e siccome i virus sono sempre in agguato, anche questi vengono trasferiti sul pc ospite.

I virus su chiavetta USB sfruttano il famoso AutoRun di Windows, l’apertura istantanea per intenderci, quello che permette di accedere ai file presenti sulla USB o di selezionare il programma con il quale leggere i dati.

Come fare? La soluzione è abbastanza semplice: prima di aprire la chiavetta USB una scansione con il proprio antivirus sicuramente non fa male o meglio ancora disabilitare l’AutoRun. A volte però non si sa come fare e serve una soluzione più efficace e studiata appositamente.

usb-av_antivirus_311488In aiuto arriva un antivirus leggero e semplice da utilizzare chiamato USB-AVsito ufficiale del prodotto.

USB-AV è disponibile sia nella versione gratuita – l’aggiornamento è manuale e non automatico, piccolo prezzo da pagare in questo caso – che a pagamento.
Questo antivirus disabilita l’apertura automatica della chiavetta, riconosce se un dispositivo viene collegato al computer e fa partire un controllo sui contenuti, avvisa se riscontrate minacce e si comporta di conseguenza tramite una finestra di pop-up che compare sul desktop.

Terminata la scansione e se non sono state trovate minacce, proprio a causa della disabilitazione dell’AutoRun, basta accedere alla chiavetta tramite Risorse del Computer – Esplora risorse o con un semplice doppio-click.

Certo, i tempi si allungano ma credo sia importante stare e sentirsi sicuri anche nelle semplici operazioni come questa.

L’antivirus è scaricabile dal sito ufficile del prodotto a questo link – sito ufficiale

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , ,

 

Programma: Ascii Generator 2 – Trasformare immagini in caratteri

(1 commento) | Commenta | Inserito il gen 11, 2013 in Blog, Informatica e Web

Ho girato in lungo e in largo per trovare questo programma, fatto ricerhe e visionato tanti tanti siti, non riuscivo a trovarlo! Eppure sapevo della sua esistenza perchè tempo fa, in questo articolo, ne avevo parlato brevemente.

Ora son qui e spendo un paio di parole in più perchè, anche se rientra nella categoria dei programmi utili e dilettevoli, è una forma d’arte davvero interessante e dai risultati sorprendenti.

Volete stupire con effetti speciali? Bene, Ascii Generator 2 fa al caso vostro! E’ un programma di elaborazione delle immagini ma non come tanti altri, permette di generare a partire da un’immagine una copia convertita con i soli caratteri che vediamo tutti i giorni quando utilizziamo il computer, con i caratteri della tastiera.

Il suo funzionamento è semplicissimo, una volta scaricato e decompresso il file .zip dal sito ufficiale che lo distribuisce, basta mandarlo in esecuzione, scegliere l’immagine interessate e aspettare il risultato, sorprendente!

Ascii Generator 2 è anche localizzato in italiano, il file è disponibile separatamente, basta copiarlo nella cartella per avere così la versione italiana.

Una volta generata l’immagine si può scegliere se salvarla o meno a seconda del risultato ottenuto, se venuta male o se non soddisfa le aspettative basta cambiare un paio di impostazioni e riprovare.

Per rendere meglio un’idea di quello che si può ottenere, ecco qui due immagini. L’immagine di partenza è a colori, quella generata, naturalmente è in bianco e nero e formata dai soli caratteri (clicca per ingrandire).

Link per il download: Ascii Generator 2

Tulips

fiore_1

Tags : , , , ,

 

Programmi – Product Key Finder di Dave Hope

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 23, 2012 in Blog, Informatica e Web

A volte capita, avendo a che fare con i computer e con il mondo dell’informatica, di arrivare al punto in cui è necessario cancellare tutto e ricominciare e così via con i cd di installazione, con il recupero delle licenze dei software installati, con il download dei programmi e tanto altro ancora…

A me personalmente è capitato spesso ed essendo un disordinato cronico sono stato lì ad impazzire per ritrovare il numero di licenza, magari scritto da qualche parte o sulla scatola del software che puntualmente non trovo. Come fare? Il tempo perso è veramente tanto ma quel determinato programma serve e così via con la ricerca, con la speranza di ritrovare l’informazione necessaria per poter continuare.

Fortunatamente oggi tutto questo è diventato più facile grazie ad un programmino, disponibile sia in versione di prova che a pagamento (ad un costo di soli 24,95 dollari – meno di 20,00 euro) che analizza e recupera tutti i numeri seriali di licenze (product key) dei software installati sul nostro computer.

Il programma, Product Key Finder, sviluppato da Dave Hope e scaricabile direttamente dal sito web dello sviluppatore a questo indirizzo: Product Key Finder, è molto semplice da utilizzare e installare, praticamente fa tutto “lui” una volta mandato in esecuzione, a noi basta stampare i risultati, magari salvarli su di un file – anche se conservarli nel pc non è molto sicuro – o semplicemente prendere nota su un foglietto da conservare accuratamente per non impazzire poi…

E’ un programma intuitivo, una lista di licenze e numeri che all’occorrenza ritorneranno sicuramente utili.

La schermata si presenta “scarna” ma con le informazioni più importanti.

Schermata del programma:

…e non occupa neanche tanto spazio nel computer, giusto un paio di Megabyte sia in download che per l’installazione.

La versione di prova rileva le licenze del sistema operativo (parliamo di Windows), del pacchetto Microsoft Office, di Adobe, di circa 200 programmi installati mentre la versione a pagamento arriva a oltre 3000 numeri di licenza, non male!

L’ho provato per un paio di giorni e sono soddisfatto dei risultati, ora ho tutti i numeri che mi servono su un foglio di carta che sicuramente è più affidabile di un file memorizzato sul pc…almeno per me!

…come si diceva tempo fa: “provare per credere!;)

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , ,