Religione – La carta d’identità della Madonna

(1 commento) | Commenta | Inserito il dic 7, 2011 in Blog, Società e politica

Forse sto per toccare una nota dolente, un argomento sicuramente delicato che genererà opinioni contrastanti ma corro il rischio e vado avanti a raccontare una cosa che ho sentito, visto e toccato con mano.

Prima di esporre alcuni dubbi che, almeno in me, sono scaturiti, faccio una piccola premessa: credo in molte cose e i miei genitori oltre ad avermi insegnato le comuni regole civili, mi hanno insegnato a pensare e a dire sempre quello che penso, credo in un Dio anche se devo ammettere di non frequentare la chiesa, di farlo raramente e di essermi un po’ allontanato dopo un’attenta analisi di me stesso, del pensiero che aleggia nella religione e nella Santa Sede di Roma ma non è di questo che vorrei parlare…

Il quesito che principalmente vorrei enunciare in questo articolo, che spero si capisca sia riflessivo, è il seguente: E’ giusto fare durante il catechismo a bambini di seconda elementare una carta d’identità della Madonna? Alcuni di voi diranno certo, non c’è niente di male, e anche per me andrebbe bene ma il punto è un altro e forse si basa anche sulle prove (per me importanti) che abbiamo sulla Santa Figura.
Che io sappia non sono state trovate impronte tangibili diventate successivamente icone da adorare di Maria di Nazareth. Ed è questo il punto. Perché durante una lezione sulla carta d’identità alcuni catechisti mettono un’impronta digitale? Va bene scrivere nome, magari cognome, luogo di nascita e tratti somatici di come immaginiamo la Madonna, ma un’impronta digitale no, non mi sembra per niente giusto…e invece è successo proprio dalle mie parti. Ho visto il compito svolto e anche se in un primo momento ho riso, poi, sono sorti tanti e tanti interrogativi.

L’impronta non è della vera Madonna, naturalmente, ma di un altro essere umano e anche oggi, sulla carta d’identità, noi non abbiamo impronte digitali e non siamo schedati a meno di non avere avuto guai con la giustizia o altro…

Sì, è stato spiegato che l’impronta non era vera ma come può un bambino capire questo? Vista l’immagine la prima cosa che viene in mente è e si dice: “questo è il dito della Madonna”.
Falso, non esiste, non c’è e credo che per non far troppa confusione sia giusto non pensare neanche minimamente di mettere un’immagine del genere!

Personalmente ritengo il catechismo in generale una tappa importante ma dovrebbe insegnare cose giuste, distinguere il bene dal male, il bianco dal nero e non deviare (termine forte, mi rendo conto, ma voluto) o far credere altro come in questo caso.

Ecco, la riflessione è finita e spero si sia capito cosa ho cercato di dire e per non passare da “burlone” o per qualcuno che inventa, riporto le immagini che secondo me andrebbero riviste e corrette, per visualizzare meglio, basta cliccarci per ingrandirle:

 

Scritto da Mac La Mente

Tags : , ,