Poesia – Estate di Cesare Pavese

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 1, 2015 in Blog, In Libreria, Poesie della domenica

estateE il mese di Settembre è iniziato ma l’estate non è ancora finita; Estate di amori, di ritorni e di addii…Estate di bel tempo, mare, cielo sereno, pioggia – a volte -, vacanze e lavoro… e di tutto quello che può venire in mente quando si pensa alla bella stagione…

E alla bella stagione e all’amore che pensiamo con la poesia Estate di Cesare Pavese, versi che racchiudono la passione dell’autore per Fernanda Pivano e che fanno parte, insieme ad altre due opere – Mattino e Notturno –, di un trittico contenuto nella raccolta di poesie Lavorare stanca pubblicato un bel po’ di tempo fa.

Estate si trova in mezzo, è il pomeriggio di una giornata, il tramonto prima dell’arrivo della sera e rappresenta i sentimenti più forti provati da Pavese nei confronti del suo “prodigio d’aria” (Fernanda Pivano).

Sono versi armoniosi che scaldano il cuore e non poteva che esser così, è estate, è amore!

 

Estate di Cesare Pavese

C’è un giardino chiaro, fra mura basse,
di erba secca e di luce, che cuoce adagio
la sua terra. E’ una luce che sa di mare.
Tu respiri quell’erba. Tocchi i capelli
e ne scuoti il ricordo.

Ho veduto cadere
molti frutti, dolci, su un’erba che so
con un tonfo. Così trasalisci tu pure
al sussulto del sangue. Tu muovi il capo
come intorno accadesse un prodigio d’aria
e il prodigio sei tu. C’è un sapore uguale
nei tuoi occhi e nel caldo ricordo.

Ascolti.
Le parole che ascolti ti toccano appena.
Hai nel viso calmo un pensiero chiaro
che ti finge alle spalle la luce del mare.
Hai nel viso un silenzio che preme il cuore
con un tonfo, e ne stilla una pena antica
come il succo dei frutti caduti allora.

da Lavorare stanca di Cesare Pavese – edito da Einaudi – anno 1968

Tags : , , , , , ,

 

Poesia – Estate di Hermann Hesse

(0 commenti) | Commenta | Inserito il giu 19, 2011 in Blog, Poesie della domenica

L’estate è ormai alle porte, manca davvero poco al suo inizio ufficiale anche se in parecchie località è arrivata prima e la gente si sveste per affrontare il caldo, va in spiaggia, rallenta il suo ritmo per non stancarsi troppo.

Ed è così che per festeggiare il suo arrivo ci sembra giusto dedicare a lei una poesia nella nostra rubrica settimanale…

Il poeta è Hermann Hesse (2 luglio 1877 – 9 agosto 1962) e la poesia è Estate.

Estate

Improvvisamente fu piena estate.
I campi verdi di grano, cresciuti e
riempiti nelle lunghe settimane di piogge,
cominciavano a imbiancarsi,
in ogni campo il papavero lampeggiava
col suo rosso smagliante.

La bianca e polverosa strada maestra era arroventata,
dai boschi diventati più scuri risuonava più spossato,
più greve e penetrante il richiamo del cuculo,
nei prati delle alture, sui loro flessibili steli,
si cullavano le margherite e le lupinelle,
la sabbia e le scabbiose, già tutte in pieno rigoglio
e nel febbrile, folle anelito della dissipazione
dell’approssimarsi della morte
perché a sera si sentiva qua e là nei villaggi il chiaro,
inesorabile avvertimento delle falci in azione.

Tags : , ,