Cronaca – Bambini e chiodi

(5 commenti) | Commenta | Inserito il set 1, 2012 in Blog, Cronaca

Per scelta ma non per importanza tratto poco e scrivo poco su quello che avviene in generale in Italia e in particolare nel paese in cui vivo, Monopoli – Bari – Puglia, e non perchè non sia informato o non mi interessi, anzi, al contrario, sono particolarmente sensibile ai fatti, alle iniziative e a tutti quello che il vivere comune, il senso civico, il benessere del cittadino – spesso dimenticato e calpestato, chissà da chi, eh?! – comportano, ma questa volta non riesco proprio a resistere e improvvisandomi “giornalista” vorrei mettere in evidenza proprio questo ultimo aspetto: il benessere del cittadino. Non è dell’adulto che paga le tasse per intenderci ma di colui/colei che deve ancora formarsi, che va difeso con qualsiasi mezzo possibile e in qualsiasi modo possibile proprio perché non ancora in grado di difendersi: i bambini.

Bambini e chiodi. Come mai questo titolo? Lo spiego subito e lo racconto nel miglior possibile per far aprire gli occhi e per dovere perché lo sento; in questo mondo ci vivo e di cose assurde ne ho viste e sentite tante e continuo, purtroppo, a vederle.

Prima di tutto vorrei che osservaste questa foto scattata ieri pomeriggio a Monopoli in Piazza Vittorio Emanuele con il cellulare.

 

 

 

Si commenta da sola, vero? Già, ci sono chiodi sparsi ovunque che andrebbero rimossi il prima possibile. I bambini in questa piazza ci giocano, corrono, si inseguono e se mai qualcuno di loro dovesse cadere potrebbe farsi male sul serio, finire in ospedale e chissà che altro visto che i chiodi sono acuminati, lunghi e alcuni anche arrugginiti! E se dovessero raccoglierli? Aiuto!

Sono giorni che nessuno fa niente, che i vigili non intervengono nonostante le diverse segnalazioni dei cittadini e che il materiale ferroso giace inerme e (quasi) abbandonato.

Sono finiti lì a seguito dello smantellamento del chiostro costruito per le diverse manifestazioni musicali-bandistiche che si sono alternate questa estate e che ora sono finite. Sono finiti lì perché gli operai che han smontato la struttura sono stati poco accurati – e mi dispiace dirlo. Sono ancora lì perché nessuno si sforza di rimuoverli…domani (domenica 2 settembre) lo faccio io e spero che altri vedendomi mi aiutino.

E’ davvero inaccettabile una situazione del genere e prima che avvenga qualcosa di serio, e solo in questo caso poi si farà qualcosa, meglio eliminarli definitivamente.

Perchè deve essere sempre così? Prima l’incidente e poi il rimedio. Non lo capirò mai.

I bambini vanno tutelati e protetti, e spero che molti siano d’accordo su questo, e se non ci pensano gli adulti, chi? Da non-genitore mi sento male al sol pensiero di un incidente, figuriamoci se lo fossi, vedrei rosso e mi arrabbierei tantissimo e questo è il minimo che farei.

Ok, il fatto è diventato un piccolo sfogo, scusate! Ma ci sono cose che non tollero e mai tollererò.

Spero di aver dato voce a chi di parole e suoni ne pronuncia tanti e ci fa sorridere con la sua tenerezza: i bambini.

E’ vero, il discorso si potrebbe estendere per altri casi ma questa volta ho voluto parlare “in piccolo” poi…si vedrà.

Scritta da Mac La Mente (Andrea, dalla parte dei più piccoli)

Tags : , , , , , ,

 

Ambiente – Dalla parte degli animali e degli asini

(1 commento) | Commenta | Inserito il ago 26, 2012 in Blog, Dalla terra alla luna

Un po’ di tempo fa, per chi non ricorda segnalo l’articolo: Gli asini danno una mano, ho parlato di una iniziativa che nel comune in cui vivo – Monopoli, Bari – è in atto per rivalorizzare il territorio a impatto ambientale zero e senza spendere cifre folli. Già, perchè con l’aiuto dei nostri amici animali questo non solo è possibile ma anche realizzabile.

Diventati delle vere e proprie mascotte, gli asini “comunali” devo dire che hanno fatto davvero un bel lavoro e fatto risplendere un’area verde che ora è visitabile, vivibile e bella!

Ma poteva andare tutto liscio? Assolutamente no, perchè gli asinelli – in questo caso, ma anche tutti gli altri animali – purtroppo non hanno fatto i conti con il loro più temibile nemico: l’uomo.

Certo, per fortuna non tutti sono così e fare di tutta l’erba un fascio non sarebbe giusto, io per primo ho molta più fiducia degli animali che delle persone, e non mi viene da chiamarle “persone” perchè chi cerca di fare del male agli animali non merita niente né tanto meno questa definizione. Ladri! – questo va bene.

Dei ladri infatti hanno tentato un paio di giorni fa di rapire i nove asini caricandoli su un furgone.
Per fortuna gli abitanti del posto sono intervenuti chiamando immediatamente le forze dell’ordine e il tentativo è stato sventato.

Ma come si fa a fare una cosa del genere? Non lo concepisco. Bisognerebbe vergognarsi e far pagare pesantemente l’azione compiuta…ed io, di fronte a queste cose vedo rosso e mi arrabbio tantissimo…

Qui di seguito riporto un articolo che parla dell’accaduto.

Tentano di rubare gli asini di Lama Belvedere
Il tentativo di furto sventato dall’intervento delle forze dell’ordine

 

Ora, i nostri lettori temono che gli asini vengano spostati da Lama Belvedere per portarli in un luogo più sicuro

 

Non c’è pace neanche per gli asini. Qualcuno nella notte ha tentato di rubare gli asini della Lama Belvedere di Monopoli. A fornirci la segnalazione sono stati direttamente i nostri lettori, alcuni dei quali testimoni oculari dell’accaduto.

 

Si chiamava “Asini nel verde” il progetto avviato dall’Amministrazione Comunale con la delibera di giunta n.10 del 27 gennaio 2012. Si trattava di un programma organico di gestione del territorio per la sistemazione e la manutenzione delle aree pubbliche, di salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, di cura e mantenimento dell’assetto idrogeologico attraverso l’utilizzo di animali e, in particolare, asini.
Il progetto, partito su iniziativa del consigliere comunale Alberto Minoia e condiviso dal Comitato per il Parco della Lama Belvedere, vedeva l’impiego di alcuni asini nell’area della Lama Belvedere dove insiste il “Sentiero Beato Pier Giorgio Frassati”.

 

Stanotte hanno cercato di rubare questi splendidi animali. I nove asini di Lama Belvedere erano stati stipati all’interno di un furgone per essere trasferiti altrove. Ci auguriamo che gli animali non fossero diretti verso qualche macello clandestino della zona. Per fortuna, il rapido intervento delle forze dell’ordine, probabilmente allertate dai vicini, ha permesso di sventare il furto e cogliere i ladri sul fatto.

 

Singolare il commento del nostro lettore, presente all’accaduto.

 

“Assurdo salvati 9 asini; roba da guinness dei primati vedere uscire da un furgone 9 asini. Sembrava di assistere ad un parto…cose che non penseresti mai di vedere.…”.

 

Già, purtroppo a Monopoli ci siamo abituati sin troppo a vederne e sentirne di tutti i colori!

 

fonte: Monopolilive.com

Lasciate stare gli asinelli! Amate gli animali, fa bene al cuore e regala vera gioia!

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , , ,

 

Ambiente – Gli asini danno una mano

(2 commenti) | Commenta | Inserito il ago 5, 2012 in Blog, Dalla terra alla luna

Sono trascorsi alcuni mesi dalla notizia che riporto integralmente qui di seguito e presente sul sito del Comune in cui vivo – Monopoli, provincia di Bari ma è arrivato il momento, dopo aver letto tanto a riguardo, aver toccato con mano e di visto con i miei occhi in questi giorni, l’aiuto importantissimo che i nostri amici animali, in questo caso gli asini, stanno dando ad una parte del territorio prima incolta, trascurata e ora invece bellissima, curata e valorizzata e riscoperta non solo dai cittadini ma divenuta in questi mesi un’ulteriore attrazione – turistica e non – per tutti coloro che vogliono conoscere meglio ciò che la nostra terra ha da offrire e che spesso e volentieri è trascurato.

Spero che questo articolo possa servire a diffondere l’iniziativa anche ad altri Comuni perchè a volte basta veramente poco per aiutare l’ambiente a costo zero, direi, e in maniera assolutamente naturale, come è giusto che sia.

Facciamo parte di un ecosistema, siamo tutti coinvolti e credo che qualsiasi cosa possa aiutare a migliorare deve essere non solo segnalata ma incentivata, appoggiata e sostenuta il più possibile.

L’ambiente è la nostra casa, è la casa dei nostri amici animali e loro, più saggi di noi, sanno prendersene cura sicuramente meglio…grazie asinelli! :)

 

 

Notizia dal sito del Comune di Monopoli (Ba)

Gli asini ripuliscono la Lama Belvedere
Nei prossimi giorni si terranno visite guidate con le scolaresche

È partito a inizio settimana il progetto “Asini nel verde” avviato dall’Amministrazione Comunale con la delibera di giunta n.10 del 27 gennaio 2012. Si tratta di un programma organico di gestione del territorio per la sistemazione e la manutenzione delle aree pubbliche, di salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, di cura e mantenimento dell’assetto idrogeologico attraverso l’utilizzo di animali e, in particolare, asini. Il programma rivolto a imprenditori agricoli professionali, coltivatori diretti e cooperative agricole è stato assegnato al sig. Leonardo Tinelli.

Il progetto, partito su iniziativa del consigliere comunale Alberto Minoia e condiviso dal Comitato per il Parco della Lama Belvedere, vede l’impiego di alcuni asini nell’area della Lama Belvedere dove insiste il “Sentiero Beato Pier Giorgio Frassati”. Gli asini, dotati di passaporto, si chiamano Graziella, Raissa, Margherita, Rosetta, Giovina, Filomena e Ghedafi. Sono presenti anche due puledri: uno di 20 giorni e un altro di 30.

Nei prossimi giorni, in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, si terranno visite guidate con le scolaresche cittadine tese alla valorizzazione del territorio.

fonte: Comune di Monopoli

Tags : , , , , ,

 

Tempo libero: L’estate si avvicina – Monopoli (Bari)

(1 commento) | Commenta | Inserito il mag 11, 2012 in Blog, Tempo libero e Hobby

Le belle giornate in questo periodo sono sempre più frequenti, e anche se ci sono degli alti e bassi, dei giorni di vento e maestrale, il sereno e il caldo tornano e si fanno sentire.

Mai come quest’anno devo confessare di trovare piacere e di rilassarmi tanto anche solo guardando il mare, mi lascio cullare dal suo moto lento e dalla sua calma.

Pubblico con piacere un paio di fotografie che ritraggono un mare quasi addormentato, quieto e rilassato pronto ad accogliere tutto e tutti così come viene.

(Tutte le foto si possono ingrandire, basta cliccarci su!)

Mare – 01

 

Mare – 02

 

Mare – 03

 

Mare – 04

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , ,

 

Tempo libero – Click, fotografie scattate da noi: Polignano a Mare

(0 commenti) | Commenta | Inserito il mag 9, 2009 in Blog, Tempo libero e Hobby

Nata più di due secoli fa e di paternità incerta – la nascita si attribuisce a Thomas Wedgwood scienziato o a Joseph Nicéphore Niépce fotografo – la fotografia è una tra le forme d’arte che al giorno d’oggi continuano a svilupparsi e catturare l’attenzione di sempre più persone. Tra gli hobby che appassionano è sicuramente il più diffuso perchè è facile possedere una macchina fotografia, è alla portata i tutti e, anche se non in maniera professionale, tutti ci dilettiamo a fare degli scatti per catturare oggetti, persone, situazioni che in qualche modo ci colpiscono e di cui vogliamo portare un ricordo.

La tecnica fotografia in questi anni è cambiata, dai vecchi ma ancora affascinanti rullini fotografici con un numero di scatti limitati, si è passati a macchine digitali in grado di creare effetti mozzafiato e immagini che grazie all’enorme sviluppo della tecnologia possono essere manipolate, arricchite, migliorate e rese uniche. Lo scopo iniziale però non è cambiato: ricordare qualcosa per noi stessi.

E’ per questo motivo che giorni fa ho scattato un paio di immagini di un luogo davvero incantevole vicino al mio paese: il panorama che si vede da una balconata di Polignano a Mare in provincia di Bari.

Polignano a Mare è una cittadina vivace e caratteristica che ogni anno attrae turisti con il suo programma ricco di eventi musicali, culturali e sportivi. A Polignano una manifestazione degna di nota è la gara di tuffi da trampolino che non si svolge in piscina ma direttamente dalla scogliera sul mare Adriatico: questo è possibile perchè, a differenza dei paesi limitrofi, la scogliera e tutto il paese antico sono situati a più di venti metri sul livello del mare.

Già, perchè caso abbastanza uico sulla costiera adriatica Polignano si affaccia a strapiombo sul mare e l’amministrazione in questi anni ha valorizzato questa sua caratteristica rimodernando tutto il centro storico nel pieno rispetto delle caratteristiche originarie e restaurando antichi accessi al mare. Questi accessi prima di diventare le odiene “balconate” il luogo di passaggio e di ritrovo nell’antichità venivano utilizzati per osservare e proteggere il paese da attacchi di pirati e predoni del mare.

Un giro a Polignano a Mare naturalmente non è solo questo, la cittadina offre mostre di quadri che si rinnovano periodicamente, visite a chiese con bellissimi affreschi e locali dove trascorrere le serate.

Le foto riportate sono state scattate il I maggio 2009 a Polignano a Mare (Bari).

 

Foto scatta dalla balconata, panorama del centro storico di Polignano a Mare.

Centro storico di Polignano a Mare

 

Foto scatta dalla balconata, scogliere di Polignano a Mare.

Scogliere di Polignano a Mare

Altre foto sono inserite sul forum nel topic: Click – fotografie scattate da noi!!!

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , ,