“Tre cervelli… e finalmente esce il libro!” di Colangeli, Macchia, Torricella (II parte)

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 11, 2017 in 3 - La penna e la tela, Blog, Cristiano Torricella, In Libreria, Incipit

trecervelli1E come annunciato nel precedente articolo: “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!” di Colangeli, Macchia, Torricella (I parte) in cui ho affermato di andare al contrario, continuo a salire e a presentazione l’antologia “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!”.

Certo, ho saltato parecchio perchè c’è molta roba in queste duecento e più pagine e non vorrei mettere troppa carne sul fuoco come si suol dire ma un pezzettino preso qua e uno preso là spero abbiano l’effetto di incuriosire sul contenuto e su quello che tre cervelli, sei mani, hanno da dire…non nascondo niente, questo è certo, il libro c’è, è tutto nero su bianco e noi autori siamo qui, lì, tra Roma e Bari e oltre…

E allora cosa riportare ancora? Beh, prima di fare un bel salto in avanti vorrei segnalare la pagina dedicata sul sito dell’editore – Edizioni Simple – a questo link:

Edizioni Simple – “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!” di Colangeli, Macchia, Torricella

è il minimo che possa fare, oltre che la presenza su IBS, Libreria Universitaria e Amazon:

insomma, come ho detto prima, il libro c’è e non è niente male, eh? ;)

Ma ritorniamo e facciamolo questo salto…

Verso le prime pagine e con tanta emozione, c’è la dedica che ho scritto, è la prima che leggerete e in tutta onestà ci tengo tantissimo, è qualcosa che sento e in cui credo veramente…dai, forza, seguitemi! ;)

Dedica, a cura di Andrea Macchia (“Andrea Z Mac”)

Ed eccomi qua, nell’auto-produzione di questo libro scritto a sei mani, quelle di Cristiano Torricella e di Danilo Colangeli – ai quali mi rivolgo con il “tu” perché li sento molto vicini, anche se non ci siamo mai incontrati – oltre alle mie, naturalmente…

Abbiamo deciso di ritagliarci un piccolo spazio per dediche, prefazioni e molto altro che, per la prima volta nelle pagine che seguono, prendono vita e si affacciano, facendo capolino, come un gatto affacciato al balcone verso il mondo esterno, quello che vediamo ogni giorno e che qui raccontiamo, ognuno con il suo stile, tenendo presente il passato e imparando da esso…come è giusto che sia.

Credo sia pensiero comune, tra noi tre coautori, quello di non voler peccare in presunzione e di non aspettarsi vendite altissime… non lo facciamo per questo… non lo faccio per questo… ma, invece, collaboro all’auto-produzione editoriale per proteggere uno dei beni più preziosi che il pensiero produce e la mano realizza, mettendo nero su bianco: la scrittura, la bella scrittura in Lingua Italiana!

Nel caos, che ormai predomina nelle nostre giornate, ritagliarsi spazio per scrivere lo considero un valore aggiunto a questo lungo percorso, che va dal cammino a quattro zampe (un bambino con una matita colorata e un foglio) alle due zampe (uomo adulto) ed ai pensieri che dovrebbero essere più complessi, articolati, pensati e sentiti (potrebbe sembrare un gioco di parole (pensiero-pensato) ma non lo è).

Dedico alla scrittura senza fronzoli, naturale e spontanea, poetica, romanzesca e critica, il libro che avete a portata di mano e che Tu Lettore ti accingi a leggere.

Solo per essere arrivato a questo punto, ti dico Grazie!

E ti invito ad andare avanti, non te ne pentirai! ;)

Personalmente non sono nessuno, sono uno dei tanti, ma non per questo meno importante di altri.

Unico sicuramente sì e, come Muzio Scevola, potrei metterci la mano sul fuoco, non perché ritenga di sbagliare o perché troppo sicuro, ma per esprimere la certezza che provo, in questo momento, ripensando a quello che ho scritto: pensieri precedenti a questa dedica, che non fanno altro che rafforzarsi in questa dedica, diventando un tutt’uno inscindibile ed inseparabile, proprio come le frasi, i periodi ed i capitoli di un libro.

È l’unione che fa la forza: in questo lavoro, “tre volte forza”, perché tre sono le persone del “N.L.C. 2050 d’Italia” in questo libro.

Danilo Colangeli ho avuto modo di “conoscerlo” con “Legame indissolubile” … e mai titolo di romanzo è risultato più azzeccato, come apertura a questa raccolta… sarà stato il caso?

Non so… so solo che una volta cominciato a leggerlo, sono arrivato alla fine e che, nei primi periodi di “Legame indissolubile”, ho pensato che avesse voluto descrivere me, Andrea, abbastanza simile, (ma non uguale) al protagonista, che si ritrova a guardare la Juventus, a buttare carte delicate ed a fare confusione con la raccolta differenziata (io lo faccio sempre… non si dovrebbe dire, ma siamo umani e sbagliare è una delle doti naturali che abbiamo, così come il rispetto, il pensiero e tanto altro…).

E Cristiano?

Beh, Cristiano Torricella lo “conosco” da un po’ – “ne è passato di tempo dalla prima volta, vero, Cristia’?” – ma siamo ancora qui, andiamo avanti e fino a quando ci saremo le diremo – le cose come erano e come stanno – cavolo!

Se qualcuno sbaglia è giusto farglielo notare ed alzare la voce, a volte come suggerimento, a volte come rimprovero, perché noi su questa terra ci viviamo e perciò abbiamo tutti il diritto di ricordarla e renderle omaggio; bella come la Roma degli anni precedenti, e ricca come Roma ed i suoi abitanti dei rioni prima, e dei quartieri poi…

Sono dieci anni che su Libera-mente.net inserisco testi di varia natura e non intendo smettere per nessun motivo, fino a quando qualcuno continuerà a leggerli, ed anche solo una visita al sito è, per me, già una vittoria!

Ora, parte di questi testi sono messi nero su bianco e contribuiscono a difendere la scrittura, con meno errori grammaticali possibili ed in una lingua che è nostra e che è la più bella al mondo: l’italiano, quello che una volta – sapientemente – si imparava e si insegnava a scuola e che adesso viene maltrattato anche dove dovrebbe essere rispettato e fatto crescere, inculcato nelle giovani generazioni…

Dedico allora a Cristiano Torricella, Danilo Colangeli e Libera-mente.net questo libro, che per noi rappresenta una piccola fetta di un grande e storico monumento, quale è la scrittura.

Siamo la dimostrazione di un cammino – percorso tutti insieme – partendo dal largo, fino ad arrivare alla riva, di un’onda in moto perpetuo, che non si ferma mai…

Dedico dunque questo libro ai liberi pensatori e proprio come ho in firma nel mio profilo su Libera-mente.net, ribadisco qui che “pensare non è reato!” o (in alternativa) “pensa, è gratis!”.

Grazie!

Con affetto…

Andrea Macchia

Tags : , , , , , , ,

 

Pensierino su “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!” di Colangeli, Macchia, Torricella (I parte)

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 8, 2017 in 3 - La penna e la tela, Blog, Cristiano Torricella, In Libreria

A volte è più facile partire al contrario, a volte capita, questo volta è successo a me, è una rara occasione: quando conosco un argomento, un teorema matematico utile alla soluzione di un’equazione o di un esercizio, un linguaggio di programmazione oppure ogni singola parola contenuta nel libro che vorrei segnalare.

Ogni singola parola? E quante volte l’hai letto? Come fai? Queste domande sarebbero più che giustificate in certe situazioni ma ora è diverso perchè uno dei “tre cervelli” sono proprio io…o per lo meno spero sia così! ;)

Già, è vero, avrei dovuto scrivere tanto tempo fa il pensierino, poco prima dell’arrivo dell’estate ma è come se fossi andato in una specie di “letargo estivo”, chiedo scusa, sono veramente una lumaca – la prima da destra nella copertina, quella più in basso – ma credo che ogni cosa debba arrivare a suo tempo, ed è questo il tempo giusto, tre mesi dalla pubblicazione di “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!”.

Pubblicato tre mesi fa, pensato ancor prima (si parla del 2016) da Cristiano Torricella – motore coautore del libro – il quale mi propose un libro a sei, mai fatto in vita mia!
Cosa fare? Rimandare? E perchè? E’ un’esperienza che mi ha visto protagonista o comparsa, a seconda dei punti di vista – e per come son fatto – personalmente parlando – sono sempre pronto a mettermi in gioco ed ecco il libro: “Tre cervelli… e finalmente esce il libro!”.

Mai conosciuti dal vivo Cristiano e Danilo, pardon, Cristiano Torricella e Danilo Colangeli, a volte mi dimentico questo ma è come se li avessi sempre conosciuti e altrettanto stimati per lo loro poesie e racconti e romanzi…c’è dell’alchimia in questo progetto e sono fiero di farne parte anch’io e spero tanto la provino anche loro nei miei confronti. L’antologia è descritta alla perfezione già nelle prime righe della quarta di copertina che estrapolo, non trascurando il resto del testo, ma celandolo volutamente affinchè cresca ancor di più la curiosità e la voglia di “sapere come va a finire” ;)

trecervelli1


Quarta di copertina dice:

Questo libro di carattere antologico-sperimentale, collettivamente creato da alcuni autori del “N.L.C 2050 d’Italia”, raccoglie in queste pagine, in comune unità d’intenti, per la prima volta in assoluto, testi di autori molto diversi tra loro per genere, stile e contenuto letterario, che si “aiutano” a vicenda.


Niente di più vero, ve l’assicuro! Siamo riusciti a metter insieme stili diversi, totalmente, non sono uno scrittore di professione, con caratteristiche ed esperienze diverse ma punti in comune tra i più importanti per quanto mi riguarda: rispetto per la nostra lingua, l’italiano, voglia di comunicare e di condividere nel vero senso della parola e liberi pensieri in Libera-mente…noi ci guardiamo intorno, elaboriamo ma alla fine decidiamo con la nostra testa, con il nostro cervello…e nessuno mai riuscirà a cambiarci.

E visto che qualche riga sopra ho detto che cominciavo al contrario, continuo inserendo in questo primo breve articolo, la prima appendice del libro a cura di Danilo Colangeli – romanziere.
In seguito arriverà altro ma non preannuncio cosa…non mi resta che dire: “state con noi, ad maiora! Sempre!”

DANILO COLANGELI Biografia dell’autore

Danilo Colangeli nasce a Genzano di Roma (RM).
 
Dopo aver conseguito la maturità scientifica con un alto punteggio, s’iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza (studi che tuttavia non porterà mai a termine), dedicandosi nel frattempo a corsi supplementari (inglese, tedesco, informatica…) nonché a saltuari lavori.
 
Si trasferisce a Pescara per frequentare un corso biennale in Lingua dei Segni Italiana (L.i.s.), acquisendo la qualifica di interprete generico.
 
Finalista premio “Farnesi – città di Prato”, anno 2012.
Finalista premio “Terni Horror Fest – città di Terni“, anno 2016. Dal  2014  in  poi  ha  collaborato alle  iniziative  del  “Libero Centro 2050” di Marino e dei Castelli Romani, fondato da Cristiano Torricella autore, e, dal 2015 in poi, a quelle del “N.L.C. 2050 d’Italia”
  
Bibliografia dell’autore
 
“Tramonti in fiamme”, AltroMondo Editore, 2011, 456 pag.
 
“L’angelo e la maschera”, AltroMondo Editore, 2012, 399 pag.
 
Altri testi dell’autore si possono trovare nei seguenti libri:
 
“Roma  sparita  di  fine  ‘900  da  Marino  a  Pechino”  di
Cristiano Torricella, Edizioni Simple, 2013, pag. 261-262
 
- Collana “Quaderni – Castelli di Scrittori” n. 4 e n. 5 del B.A.S.C. di Frascati (RM), 2012, 2014 (relativamente alla propria partecipazione a “Castelli di Scrittori”) 
 

Dice l’autore Danilo Colangeli:
  
“Se durante gli anni trascorsi al liceo scientifico qualcuno mi avesse detto che avrei scritto un libro, probabilmente gli avrei riso in faccia. Solo dopo la maturità nacque in me la passione per la scrittura. Da quei tempi ho scritto moltissimo, soprattutto racconti brevi che spaziano tra fantasy, thriller, surreale e fantascienza. Nonostante ciò, la maggior parte dei lavori da me cominciati sono tutt’ora da ultimare. La scrittura per me è un gioco divertente attraverso cui si plasma un mondo che altrimenti non esisterebbe ed è utilissima quando ci si vuole distrarre per un po’ dai problemi della vita di tutti i giorni.”

Bravo Danilo!

(…seguirà una seconda parte…)

Tags : , , , , , , ,

 

10 Agosto 2017 – Giornata Mondiale del Leone

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ago 10, 2017 in 9 - Per tutto il resto..., Blog, Comoda-mente

Sono nato il giorno in cui è stata istituita la Giornata Mondiale del gatto (17 febbraio) e non posso fare a meno oggi di rendere omaggio al cugino un po’ più grande dei nostri amatissimi amici felini: il leone, il Re!

Il 10 Agosto infatti è La Giornata Mondiale del Leone (World Lion Day).

Questa Giornata è stata lanciata nel 2013 dall’African Lion and Environmental Research Trust e ricade proprio al centro del segno zodiacale del Leone e vuole sensibilizzare tutti noi affinché il Re venga protetto dal pericolo di estinzione.

Il video che segnalo è un frammento di un lungo documentario dedicato ai leoni in cui Kevin Richardson (soprannominato “uomo leone”) spiega il mondo del re della foresta e il suo rapporto con questi fantastici esseri viventi.

Viva il Leone!

Tags : , , , , ,

 

Buon compleanno Libera-mente.net! Undici anni!

(3 commenti) | Commenta | Inserito il lug 16, 2017 in Blog, Comoda-mente

In questi anni è accaduto qualcosa, qualcosa che non so spiegare, primo perchè non sono un fisico, filosofo o altro, oltre e non averne, il fisico intendo, secondo perchè la sensazione è comune a molte persone con cui interagisco quotidianamente o ad intervalli di tempo…già, di tempo, è proprio questo che è cambiato: il suo incedere, procedere, scorrere, andare avanti e tornare indietro ecc…

Ho l’impressione di aver scritto solo ieri e invece l’intervallo è di ben trecentosessantacinque giorni, un giro completo della Terra intorno al Sole, una rivoluzione, un anno! Incredibile!

Un anno fa ero qui, eri qui, eravate qui e festeggiavamo tutti insieme il decimo compleanno di Libera-mente.net e oggi? Oggi dieci più uno, undici, il numero di cornuti, dicono, lo sono! Questo sì, a differenza del “fisico”! Ehhhehe…

Mi piace pensare al “dieci più uno” perchè dopo un po’ di anni, di tempo – ari-eccolo l’amico tempo, torna sempre – i giorni che formano i mesi e i mesi che formano gli anni non si contano più o per lo meno sarebbe bello se così fosse…

“Quanti anni hai? Mah, saranno trenta e alcuni mesi…” – ne ho trent’otto e questo significa che Libera-mente.net è nato nel 2006, wow! Sembra un’eternità!

Spero che citando l’anno di nascita a qualcuno siano tornati alla mente un vortice di ricordi non solo legati alla nostra piccola comunità ma a un discorso più ampio che è la vita.
Undici anni rappresentano una buona fetta di vita se riferiti all’universo “internettiano” – parola che ho scoperto non esistere…mah come?! Petaloso sì e internettiano no? Va bene, lasciamo stare… – e ancor di più se si pensa a tutti i cambiamenti avvenuti del mondo tecnologico, sociale, politico… sono tanti sì, undici.

Eeeeh stop!

Rileggo un attimo e mi correggo su una piccola cosa: l’espressione “dieci più uno” è simpatica da dire ma non mi rispecchia, preferisco undici anni perchè, come dissi tempo fa, sono fiero di tutti i capelli che non ho e di tutti i peli bianchi della mia barba che ho.

Non c’è niente di “vergognoso” nell’età che avanza, non si può fermare, è così, prendere o lasciare. Ed io, questi undici anni me li tengo ben stretti, conservati in un preziosissimo scrigno della mia mente magari non più “libera” (spensierata, meglio) come un tempo ma di sicuro arricchita di momenti, esperienze e conoscenze che grazie a tutti voi, attraverso Libera-mente.net, avete contribuito a far fluire in un posto solo, a non perdersi nello spazio (“internettiano”) e così facendo a far crescere, sviluppare e soprattutto pensare (è giusto che la mente pensi) che di un oggetto, di un determinato argomento, non esiste il giusto e lo sbagliato, non ci sono solo fronte e retro ma che la parte superiore, inferiore e il/i lato/i a volte contano di più e sono indispensabili al fine di una visione completa e non frammentata, chiara e non scura (mi viene in mente un episodio: la materia oscusa e non oscura…ahahahah – scusate, so che molti non capiranno, è un ricordo che mi porto dentro legato ad un errore di battitura! ;) ).

[…]

Eccomi, può sembrare che non mi sia mosso e invece a titolo informativo quello che state per leggere è arrivato dopo, non c’è andata senza ritorno, torno indietro e riprendo il filo (intricato) del discorso.

Libera-mente.net ha compiuto undici anni.

Ne è passata di acqua sotto i ponti, quante volte è stata girata la clessidra eppure la sabbia continua a scorrere e continuerà ancora e ancora… Non è una minaccia questa, ve l’assicuro, è la voglia di andare, di raccontare storie, impressioni, fatti e soprattutto di scrivere e parlare…

Libera-mente.net è un forum, un blog, ok, si scrive per comunicare ma se prestate bene attenzione potete sentire la sua voce, fatta di mille voci di tutte le persone che ci sono (o sono passate) anche se per un semplice “Ciao!” e che in quel momento hanno pensato di scrivere…è questa la benzina che alimenta Libera-mente.net: il pensiero e come diceva Lucio Dalla:

“E’ chiaro / Che il pensiero dà fastidio / Anche se chi pensa / E’ muto come un pesce / Anzi un pesce / E come pesce è difficile da bloccare / Perché lo protegge il mare / Com’è profondo il mare…”

Io sono un tonno, tu? :D

Buon compleanno Libera-mente.net!
Augurissimissimi!
Auguri a tutti noi!

:)

(Grazie a Officine080 FabLab Monopoli per incisione e taglio laser del logo)

Tags : , , , , , ,

 

Aiuta anche tu l’Associazione di volontariato Baffi Randagi

(0 commenti) | Commenta | Inserito il giu 26, 2017 in 9 - Per tutto il resto..., Blog, Comoda-mente

Son felice e son contento e spero davvero tanto e di tutto cuore di poter contribuire quanto più possibile e di dare ulteriore visibilità a tutto il gruppo di volontari dell’Associazione no-profit Baffi Randagi che si prende cura dei nostri amici a quattro zampe: i gatti!

Incrocio le dita affinché i piccoli e pelositti ospiti dell’Associazione possano trovare il prima possibile una casa e veder ricambiato l’amore infinito che solo loro sanno donare…forza amichetti miei! :)

Riporto qui di seguito parte del contenuto della pagina Sostienici presente sul sito www.baffirandagi.it dove son segnalati ulteriori metodi per sostenere l’Associazione, alcuni davvero a “costo zero”, basta utilizzare i banner presenti nella pagina…

condivisione

L’Associazione no-profit Baffi Randagi che salva, cura e accudisce i gatti randagi, abbandonati, rifiutati e maltrattati, rischia di non riuscire più nei suoi scopi principali: la salvaguardia felina e la lotta contro il randagismo.
L’attuale stato di emergenza è dovuto a un’alta quantità di gatti adulti che nessuno vuole adottare e che occupano gli stalli i quali sono già pochi. E poi le spese e i debiti ci stanno facendo affondare.
Per questo abbiamo bisogno di voi, per non dover chiudere la porta ai gatti che hanno bisogno di cure e di una famiglia.
Abbiamo bisogno di una ZAMPA da voi per per poter continuare.
Qui sotto trovate tutti i modi per donarci la vostra ZAMPA.


Caro amico,
se stai leggendo questa pagina è perchè stai cercando un’anima pura da aiutare. Qui sei nel posto giusto!
Ogni giorno, ogni volontario s’impegna a dare il massimo e il meglio per ogni anima che salviamo dalla strada o da chi le maltratta, ma per fare ciò abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Puoi scegliere di adottare un gattino e regalargli una vita, oppure puoi scegliere un figlioccio a cui garantire cure e cibo; puoi fare una semplice donazione nel modo per te più comodo oppure contattarci direttamente se vuoi spedirci qualsiasi genere di prima necessità (cucce, coperte, tiragraffi, ciotole o giochini che non usi più, crocchette o scatolette).
Presto online troverai anche il nostro mercatino, una semplice vendita di beneficenza di oggetti nuovi e usati, utile a raccogliere le donazioni di tutti per aiutare le anime senza ancora una famiglia o ancora in terapia.


Bonifico
Iban: IT65O0760116300001035833993
Banca: Poste Italiane Spa
Intestato a: Baffi Randagi
Causale: Donazione

Tags : , , ,

 

4 giugno 2017 – Anticipo d’estate

(0 commenti) | Commenta | Inserito il giu 5, 2017 in 6 - Tempo libero, Blog, Tempo libero e Hobby

Prima di lasciare la parola alle foto che sto per inserire, e spero possano far piacere, due parole di presentazione spontanee sono il minimo che possa fare…

Sottotitolo dell’articolo potrebbe essere “A volte ritornano” perchè è passato del tempo dall’ultima volta che mi son fatto un giro dalle parti del mare – qui dove abito è a due passi due – e nonostante il “famoso primo bagno” personalmente manca da circa cinque anni, trovo rilassante invece camminare, osservare l’acqua, il sole e naturalmente il mare…e allora click! Foto!

Ehmmm…che altro dire?! No, niente, tutto qui, due parole giusto per scrivere qualcosa…favello, sfarfallo, bofonchio, son fuori di sicuro…fate finta che non abbia scritto niente, meglio le foto, sì sì! ;)

Altre fotine di una domenica molto molto calda sono sull’album caricato su Flickr a questo indirizzo: Scatti Vari… (link)

Ciaoooooo! ;)

34978887160_7ff122aab0_o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

34978886500_440e032ffe_o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

34978885050_2613c442b7_o

Tags : , , ,