2050 – I-taglia del futuro: “Grande Speranza” o “Grande Paura” del domani? (seconda parte) di Cristiano Torricella (2/2)

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 20, 2019 in 2050, Blog, Cristiano Torricella, Punti di vista

[Parte 1/2)]

Infatti, se veramente la vita di Roma “caput mundi” dipendesse da ciò che fanno oggi gli “ominidi” a Roma, si sarebbe già estinta da tempo immemorabile (spaccio di droga, “mafia capitale”, usura, racket, prostituzione, rumorosa movida alcoolica coatta e gratuito lancio di bottiglie di vetro contro ignari passanti incolpevoli, con corruzione dei costumi e “babele delle genti” e notturni incendi dolosi di impianti di trattamento dei rifiuti, di automobili e di motorini parcheggiati in strada, solo per citare qualche attività illecita che pare “andare alla grande” ultimamente anche da noi a Roma (e chi ne ha, più ne metta… ma Io mi fermo qui, per non infierire troppo sulla mia ex città natale…).

Così, per nostra fortuna, la fine del mondo odierno e delle nostre itale città – così come le vediamo e conosciamo oggi – è rimandata ad oltre il 2050, ad opera dell’imbecillità, della mancanza di senso civico e dell’avidità del fesso superuomo moderno – di fatto – “poco sapiens” ed, invece, “molto “avidus” (di questo statene certi…).

Ma fortunatamente – “Grande Speranza a Noi ed a Voi ” i boschi, le pinete, i monti, i fiumi, i laghi, le colline, i mari e le marmotte sopravviveranno lo stesso, visto anche che oggi le nuove centrali nucleari italiane, che volevano posizionare tra luoghi soggetti a segnalato dissesto idrogeologico, criminalità organizzata, vulcani e zone sismiche soggette a terremoti (che “noantri noi dell’italo popolino memore di Chernobyl” non facemmo loro costruire, votando compatti contro il nucleare al referendum popolare, in tempi non sospetti) di fatto e di grazia, non esistono.
La pioggia e la neve continuano – e continueranno – a cadere sull’Italia, anche se l’umanità futura si dimostrasse, spesso o a volte… – più imbecille, presuntuosa, arrogante ed avida di quella attuale (e ce ne vuole!)

E sulle note degli Edenbridge e del loro brano “Far Out Of Reach” scrivo di getto quanto segue: Roma “caput mundi” resterà per sempre – tra l’altro – fregandosene ampiamente di tutti noi!

Perché Roma è Roma ed i partiti politici no, solo banderuole temporanee mosse dal… Ponentino!

Resteranno sempre e comunque le Dolomiti, i quadri di Modigliani, i versi di De Scalzo, nonostante la diffusa ignoranza e la palese umana avidità e la grande presunzione – come genere umano – di essere, noi umani, assai superiori alle piante ed agli animali: e questa è proprio… la Grande Speranza, per il futuro prossimo venturo dell’uomo supertecnologico moderno che governerà il mondo, che sia proprio così (Amen!).

Il futuro farebbe invece certamente assai di più “Grande Paura”, se pensassimo – erroneamente, anche per un solo istante – che esso dipenda totalmente e soltanto dall’uomo supertecnologico moderno (fortunatamente per Voi e per Noi, non è affatto così, almeno fino ad oggi!)

La vita delle piante e di animali e batteri e virus continuerà – comunque – anche dopo di noi, anche se gli “imbecilli supertecnologici umani” fossero capaci di creare veramente, con la loro super-presuntuosa insipienza e follia, un reale disastro nucleare a Milano nel 2050 ed oltre (cerca su Google “2050 – disastro nucleare a Milano”, se vuoi tremare un poco e/o riderci su… ).

Il Mosè di Michelangelo – fortunatamente – non chiede mai il “permesso di esistere” (in doverosa carta bollata protocollata) – esiste di per sé e se qualche idiota tenta di distruggerlo, lo arrestano

Così, la mitica “Grande Paura degli U.F.O.” non impedirà che noi italiani si debba comunque andare a lavorare per vivere anche in futuro, né che la nostra vita quotidiana sia stravolta da strani “rapimenti alieni”, mentre viaggiamo in metropolitana, prendiamo l’autobus o l’automobile (a Roma, ultimamente, il problema vero è: quanti autobus s’incendiano da soli, mentre li… usiamo?).
Riusciranno a costruire, un domani, dei robot pensanti che sappiano governare decentemente la megalopoli di Roma del futuro, al posto degli inutili managers umani strapagati? (se non li vedo, questi robot intelligenti, Io, certamente, non ci credo…)

Il cervello umano si rivelerà, in futuro, troppo complesso per essere riprodotto in laboratorio dagli scienziati e la mappa genetica del cervello ricavata sarà ritenuta uno schema troppo elementare?

Potranno, gli imbecilli, imbelli, rozzi, beoti e decerebrati “Nani del Potere” rubare veramente i tuoi sogni più segreti, le tue più recondite fantasie, le tue radici storiche ed i tuoi migliori ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza, come suggerito da certi film di fantascienza esterofili, che anticipano tremendi e bui tempi futuri da brivido, che, per ora, non sono realizzabili a breve termine, almeno qui da noi, cioè in Italia, visto che, a Roma, hanno difficoltà persino a “tappare le buche stradali” ed a liberare le strade dai puzzolenti rifiuti civici?

Di cosa avere “Grande Paura”, dunque, se non dell’egoismo e dell’immutabile egocentrismo umano, che tutto sa, tutto capisce solo lui, tutto vuole gestire ed insegnare agli altri, a lui inferiori e quasi succubi di grado?

In cosa cercare, dunque, “Grande Speranza”, se non in ciò che è naturale, non umano e cosmico?

Per fortuna, all’ ”homo-faber” sono state date le chiavi della conoscenza del Bene e del Male ma non – ancora per poco? – l’Onnipotenza Supertecnologica, con cui creare “macchine a sua immagine e somiglianza”, altrimenti Egli le avrebbe già create per… schiavizzarci tutti quanti!

Lungi da noi il crederci – come umani – degli Dei Onnipotenti, manipolando DNA ricombinato, atomi ed embrioni umani-giocattolo, visto che la razza umana, spesso, è come “insensata” e che, nel corso di millenni di storia, del tutto documentata e documentabile, ha, di fatto, scatenato guerre mondiali, “roghi di streghe”, Inquisizioni tardo-medioevali, guerre di religione e disastri chimici, sociali e nucleari come niente fosse, quasi che un demone interiore divorasse l’anima umana rosicchiandola… da dentro!

Seveso, Chernobyl e Fukushima avranno insegnato qualcosa a questo “decerebrato sottotipo di uomo supertecnico”, che si pone al di sopra del Creato e che incolpa gli altri dei propri fallimenti?
Ma se l’uomo è rimasto più o meno lo stesso, psichicamente ed interiormente, dall’uomo di Neandertal ad oggi, in fondo non è anche perché, geneticamente, sono presenti – anche in moltissimi di noi – ancora i geni del… Pitecantropo e/o del “Lupo Mannaro” o… dell’Antropofago?

E quest’uomo qui, proprio questo, che ruba, uccide e fa prepotenze al prossimo, mirando al massimo guadagno ed alla minima fatica e sforzo, sia mentale che fisico, ma non ancora adeguatamente evoluto mentalmente e spiritualmente, proprio lui vorrebbe dirigere il necessario cambiamento futuro e controllare – lui stesso, tale infame – in futuro l’atomo, la fisica quantistica, i robot, i droni, l’ I.A. (l’Intelligenza Artificiale) e lo spazio cosmico, nonché la vita umana stessa e/o persino quella extraterrestre?

Pazzi umani supertecnologici, che non sanno quello che fanno!

Pentitevi e cospargetevi il capo di – medioevale, quaresimale e romanaccia – cenere di pentimento e di umiliazione! – grida il mio Savonarola Nero, mio fantasioso personaggio musical-teatrale!
Mano al “gatto a nove code” ed ai flagelli! – dicono i frati della Confraternita della Bona Morte!

Battetevi il dorso presso “Ponte Mollo”, o sinistri penitenti incappucciati! – dice il Frate Nero

Il “Sommo Pentimento di Dio”, vostro ed altrui, solo lui è foriero (portatore) di Grande Speranza!

Ed il 666 è già lì, che bussa e viene a rubarVi l’anima, a causa dei Vostri Umani e Recidivi Peccati Mortali!

La nostra fortuna è, però, che, probabilmente, questo sottotipo d’uomo (assai diffuso sulla Terra, peraltro) per fortuna non avrà forse mai né le capacità né i mezzi né il consenso popolare generalizzato per creare i disastri culturali, sociali, ambientali, economico-politici che ha in mente (lo spero anche per il futuro di Voi lettori…)

La demoniaca tentazione dell’uomo supertecnologico moderno sarebbe probabilmente quella di tentare di sostituirsi a tutto ciò che esiste, cioè sia a Dio che alla Natura, nell’umanissimo tentativo di “migliorare” – tentativo probabilmente fallimentare, per fortuna – ciò che, in realtà a molti di noi, più sensati di lui, va già “benone” e di ricreare il già perduto Paradiso Terrestre, mentre ciò che probabilmente riuscirebbe invece a creare sarebbe solo una sorta di nuovo Inferno su questa Terra, ben peggiore di quello odierno? (evviva i Lacuna Coil, il cui bel brano rock-melodico “The Ghost Woman And The Hunter” sto ascoltando in cuffia, con somma gioia, in questo momento).

E, sulle meravigliose note musicali metal-rock-sinfoniche dei Nightqueen del brano “Power Infusion” mi sembra doveroso premettere, per chiarità d’esposizione e d’intenti e sobria onestà verso i miei 4 lettori online, che, al momento, le mie particolarissime previsioni d’autore sul futuro prossimo venturo sono necessariamente limitate al 2050 ed oltre ed all’Italia in particolare, ma che, per ovvi motivi che immaginerete facilmente, dal 2100 in poi, Io stesso, scrivente autore, non posso prevedere nulla di preciso e perciò non saprei che dirVi in merito ad ulteriori sviluppi futuri, visto che, in quella lontanissima data (il 2100), probabilmente si saranno perdute anche le mie stesse tracce vitali ed anche questi stessi articoli pubblicati online su Internet, ai posteri ciò piacendo!

Premesso anche che, fino al 2050, il pianeta Terra esisterà ancora, anche se inquinato; che la fine del mondo – così come lo conosciuto oggi – sarà avvenuta silenziosamente, grazie ad epocali cambiamenti di stile di vita ed alle novelle scoperte scientifiche del futuro prossimo venturo; che gli extraterrestri alieni non saranno sbarcati alla conquista del pianeta Terra (magari, conoscendoci meglio, forse ci avrebbero caldamente… evitato) e che i robot e le macchine non ci avranno schiavizzato e resi mezzi umani e mezzi “macchine da soma”, (il termine “robot” deriva infatti, etimologicamente, dal cecoslovacco “robota”, che significa, per l’appunto, “lavoro forzato” e “lavoro di fatica”), che scrivere, allora ed ancora, del futuro 2050 ed oltre, in così poche righe?

Ma il tiranno spazio- tempo, anche questa volta, non mi è bastato per scrivere e narrare tutto ciò che avrei voluto dirVi, condividendolo con Voi sconosciuti online!
E, giacché, Io autore, scrivo perché ho cose importanti e distopiche da dire al mondo attuale,

(affinché poi non dica, in futuro, che Io non avevo avvertito chiaramente, ammonito, scritto e detto in tempo utile…) agli italiani intelligenti ed a tutti coloro che sono interessati a vivere nel futuro prossimo venturo su questo nostro così meraviglioso e così travagliato pianeta Terra, sulle note dell’ultima canzone power-metal, che sta passando in cuffia, adatta al commiato, “Immortal” degli Shadowlcon, Vi saluto con un latino “ad maiora” e Vi dò appuntamento al terzo seguito di questo mio insolito e distopico articolo sperimentale “sui generis” (che, invero, sarebbero dovuto finire qui ma che, invece, per mancanza di spazio-tempo e conseguenti ragioni contingenti, proseguirà online nuovamente su queste pagine appena sarà possibile.

“Non abbiate… Paura!” – non diceva così un “Grande Papa di Roma”, oggi ormai scomparso?

(continua nella terza parte dell’articolo, a Dio piacendo…)

Marino Laziale (RM) – Anno Domini 16/08/2019
“Qui l’ho immaginato e qui… l’ho scritto!”
Cristiano Torricella, futurologo del 2050 ed oltre

 

Cristiano Torricella futurologo italiano icona piccola da allegare ad articoloCristiano Torricella, futurologo italiano del 2050 ed oltre

Tags : , , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>