Punti di vista: Cristiano Torricella – sfratti di fine ‘900 nella Roma dei rioni – Parte 2

(0 commenti) | Commenta | Inserito il nov 27, 2017 in Blog, Cristiano Torricella, Punti di vista

Una promessa è una promessa anche se ci vuol tempo – sempre troppo poco e senza troppo lesto – per mantenerla ma l’importante è che si mantenga, no? ;)

E’ con infinito piacere che inserisco la seconda parte del testo scritto e inviatoci da Cristiano Torricella.

La prima parte è presente a questo link: Cristiano Torricella – sfratti di fine ‘900 nella Roma dei rioni – Parte 1

Buona lettura! :)

 

Titolo completo dello scritto è: Cristiano Torricella – sfratti di fine ‘900 nella Roma dei rioni (sfratti all’Esquilino, a via Merulana, a Monti, al Celio, a San Giovanni in Laterano ed a San Clemente dal 1970 al 1994) (seconda ed ultima parte di questa tragedia di popolo romano di fine ‘900)

Alla memoria degli sfrattati nostri concittadini romani
dei rioni del centro storico di Roma, dal 1970 ad oggi:
“ che, lasciar, così, tutto su due piedi: lasciar parenti e amici…
lasciar local dialetto (di rione) e luoghi cari e ricordi antichi,
gettando tutto quanto, per emigrare altrove, con buste e scatoloni, chissà dove,
a ricominciar tutto daccapo, fuori dal rione nostro e fuori Roma, è così… dura!”
(Cristiano Torricella – citazione citabile)

 

Noi ch’annavamo giù da Diavoli, a via Labbicana, a comprà corde e plettri pè chitara elettrica; antico pianto levasi ar Ciel de l’Oppio Colle, da ‘sta Romaccia vile, d’oggi; che viè su dritto dar basso, cò unghie e mordi e fuggi e strilla e rantolii venienti su dar popolin de Roma centro historico: “addannati Voi, Roma bojaccia!” – “lassame abbità qqui, che, tra ‘n istante… moro!”; ciò udivo venir su dar popolino irato, da li antiqui muri, da vicoletti bui e strade, da Santa Maria Maggiore ar Laterano ed ortre: maledizzioni vere, a questo o a quello affittator, che, pè fà profitti, abbutta fori!

Crepuscolare Ostessa Obesa Roma, che, cor cortellaccio ‘n aria, par ch’artrui vite sgarri, a l’abitator flemmatici de Roma de li palazzacci nostra, da via Giovanni Lanza a Monte Oppio e Merulana, cò ‘sti sfratti tanto bbrutti, che ‘n ce li meritavamo propio, noi de Monti e Celio e de tutti l’artri esimi rioni historici de Roma, mentre tu, Ostessa Roma, l’ossequi tutta, a li foristier venienti, appena ieri l’artro giunti a Roma, cò moine bbelle e llusinghiere, mentre ammanco, a noi romani, più ce guardi ‘n faccia, pè fà più de trenta bborze de quatrini… come si a te, er vil danar, ch’a noi ci hai preso pè decenni, cò ‘sti fitti, ‘n tanto ar mese, o Romaccia Gran Bojiaccia de ‘sto fin de zecolo feroce, er grano, a te, te fosse mai mancato p’addavero! Ch’ammanco irsuti barberi o li Lanzichenecchi fecerunt, ar rione nostro Monti, er sacco che tu fai! Vergognete, si puoi! Vergognete addavero!

Sacco che mette in scacco ‘sta pora ggente de famijia nostra! Nonni e zio Cammelo! Madre e fjia! Nerone, er debosciato greco, ir popolin de Roma, Lui, l’amava! Artro che daje foco, a Roma bbella!
Je diede, Lui, ar popolin de Roma, che l’applaudiva assai, ir circo granne e l’acquedotto ar Celio, e tanti de color, pennnelli e giocarelli bbelli! Pjiaveli pè ‘r cu? Forse.. ma ciò, Io nun zò dillo: ma mai Romaccia nostra, de sfratti, qui da noi, ne vedette così tanti e vari, com’oggi, qui, Io scrivo e narro esterefatto, che canto ‘sta perduta ggente nostra, de rione, spazzata via da Roma, e ciò che resta de ‘sta vinta Roma! Politikanti infami, cò ‘i faccioni ‘n strada! Pecchè nun difennete Nostra Gente?

O Posteri panciuti, nun addimenticà nostre veraci genti de rione e ‘st’ Ingiusta Diaspora Romana!
Qui recito, Io novello aedo e drammaturgo, ‘a conclude tutta ‘sta traggedia, l’urtimo atto a soggetto!
Sandro se n’è ito e pure Lei, che me regalò tropical farfalla sottovetro, ch’Io me porto appresso!
Vanno e nun ritorneno mai più! Roma li caccia e se ne frega! Romaccia dura e senza core ‘n petto!

Stò cò li sfrattati. Sò romano e giovine! Non servo l’affittuari! De Colle Oppio sono e me ne vanto!
Ma come se fa, a scrivelle, ‘ste dolorose cose, che te fanno piagne er core cò dolore? Ahia!
E meno male ch’annisciun conosce certe cose! Che figuraccia fai, o Roma Traditora, s’issi sanno?
Ria ch’ accogli, pè decenni, ‘n popolino ‘ntero, a Roma, a beve e a ride: e, addopo, abbasta?

Pianti de li sfrattati addisperati! A Monti rione! Li sento ancora, ‘n zogno! E sembran veri!
Pagaveno l’affitti a equo canon calmierato! Poi l’iniqui aumenti! La strada fredda! Auto o lo treno!
Pianto che vien su da ‘a Celimontana Villa, a guisa di fumo di comignolo di stufa, da li disabbitati borhi e popolar rion de Roma! Chi osò far questo a Roma? Chi l’ha offesa? Pianto sommesso e vero, ch’addolora er volgo ‘ntero! Ma li giornali vili mai ne parleno! Ammanco a televisione in bianco e nero! Sì l’ho solo sognati, dimmelo, o Pio Borgo! Nun credo! Nun ce credo! Io, lì, c’ero!

Si nun scrivessi Io, ciò nun esiste. Punto. Sfratti a via Merulana! A piazza Vittorio! Tutto dissolto!
Pianto de vecchi cupi, che perden sia radici che lor denti. Je cascheno capelli e, addopo, more.
Dispiacer sommesso de chi perde casa. Che nun va ammmanco su ‘i ggiornali, a fà clamore.
Che quelli sò solo pè ‘i ricchi e li Zignori. Quelli ch’han ‘a dommestica e ir ggiardino granne!

Pianto de rione nostro, che ‘n s’asciuga. Dispiacer e vergogna, che su viè dar gargarozzo, a strozzo.
Da ‘sta mia Roma d’hosterie, de cotiche e d’abbacchio, che nun je frega gnente de ‘sta ggente.
Famije che nun ci han più Zanti ‘n Paradiso. Che je se trasforma ‘n ghigno e maschera, er soriso!
Che perde fascino, er tramonto, a Roma! Via da ‘a città aeterna! Addio Coliseo! Fine der monno!

“a Roma ch’ho vissuto ‘n sacco d’anni” – dice ‘n vecchio der palazzo a fianco – “tacci tua, Roma… sì ‘o sapevo prima, ‘n ce venivo!” – e romane donne, panni stesi, aggrufolati cò mollette ar filo teso,
ch’ir Ponentino sbatte, pè l’urtima vorta, ‘n mezzo ar Sole; donne romane che smadonna, de levà tutti li tacchi e vesti pria de zubbito, che ‘a forza pubblica me sa che propio oggi ce… bastona!

Ch’ir Crono Iddio, pure mia Roma bbella, dei rioni, ogn’anno svota ‘sta città de ‘sia popolazzione,
come lo vidi fà, giovanotto, Io, già a Venezia centro, quanno che c’annammo ‘n gita cò ‘a scola!

Roma Sparita bbella pittata dar pittore! Roma da cartolina! Tetra commediante, che ce provi ancora!
Che fa er vuoto intorno a l’abbitanti! Pure ar “passetto de Borgo”! Pure a Botta via! Due a zero!
Crepuscolare Roma! Artro che “Incennio Granne” del ‘64! Nerone era, allor, mejo de Roma d’oggi!

Moderna Terza Roma de li Palazzinari! N’ era assai mejo – chiosa uno – Roma der Papa ‘Mperatore?
Pianto de li rion Esquilia e Monti, dall’avidità edilizzia aruvinati! Via popolino! Ristrutturamo case!
Che da li monummmenti antiqui lagrime a fiotti: albi, ner passato; oggi, anneriti de smog cittadino!

Roma de li m… cci – detti a ‘n cane – e de’ i coatti; de quelli seduti ar Parla-parla, a pjià poltrone; ‘st’artri quà, a sventrà muri e case, cò i Martelli Granni, pè guadagno; che, pè fa soldi zozzi, er popolino geme e scenne ‘n piazza, de sotto ar Campidojo de ‘a lupa e de’ i volatili, cò cartelli e fischi e zella granne; protesta che li guai nun scaccia, anzi, accresce er lor stato de bbisogno; “annamio dar sindeco e dall’onorevoli!” – e, poscia fatto, isso, peggio ch’annà de notte, i poverelli!

Protesti? Ma che protesti a fà? Che p’issi è uguale! Da Subburra a Vittorio piazza e a Merulana via,
te danno appoggio, pè politika e, pè ‘n poco, tu ce crede; ma poi, foco de paja spento, li sfrattati – er dritto – s’addimentica! Chiacchiere tante e case gnente! Bandieroni rubri ar vento! Votame e… ciao!

Empi ed ingiusti sfratti de popolo romano, ch’a oggi par, a li sfrattati nostra, cò difficili parole de politika, ‘i pijeno pè ‘r cù…; e giran soli, sguardi ner vuoto, assenti, come randagi cani, più de quarcuno, che qui c’abbiteva, cercanno lo conforto ‘n strada o chissà cosa, tra Colle Oppio, via Mecenate, Bonghi, via Domenichino e Termini stazzione, lavannose l’ascelle a le fontane; umano dramma, moderno nostro, dei falliti, che ze consuma e incennia vite solo ier tranquille e bbone, d’abbitator de Monti monticiano e de l’antri rion de Roma centro, che ‘n affitto ce se steva bbene, e mò, che sei tu qui er barbone, ammanco più pè gnente e ‘n te rassegni!

Facelie nun zò queste. Affatto. E Voi che cantate er Belli, Trans-Tiberim e Triluzza, lì, da quell’orecchio vostro, Voi, ‘n ce sente! Ma Io nun so qui pè Voi e ‘st’ artissime Accademie Io le scanzo. “Pozzin ammazzalli, a ‘ste carognacce! Padron de stabili fetusi e malandrini!” – c’aggrida uno de Lor, ch’oggi ruzza barbon pè strada, tra monnezza e machine, a noi pischelli – e noi ce resta amaro intra ‘a bocca. Resta, in me roman monello, er ricordo – tanto amaro – de Costoro. Pè questo scrivo, Io, poè, ‘sti verzia mia, che cantan poveracci e no Zignori. Cantannoli, cò‘ sti verzi duri, me libbero er cervello e, Spiritual Fenice, stacco e … rinasco!

Tardi capii lo mio prezioso ruol, di testimon narrante vecchie historie, Io, che de Roma fui poeta. Che ciò volli aresti scritto sopra a la mia tomba alba, ar cimmitero. Che pria ch’Io muoia, forse, in quarche modo, pubblico quarcosa. Cattiva coscienza de ‘sta MalaRoma Granne d’oggi e de domani!
Ch’ammanco quer pazzo de Caligola, je fece, a Roma, tagliagole Roma de quei tempi, ciò che hai fatto ar popolino nostro, sdradicanno aeternamente le nostre “gens romane” cò diaspore edilizzie.

Cristiano Torricella

 

…e continua con una nota fresca fresca dell’autore! Grazie! :)

 

————————————————————————————————————————
Nota odierna del 10/10/2017 – trascrizione da cartaceo ed invio al blog libera-mente.net

Seconda ed ultima parte del vecchio testo storico romano di fine ‘900 (testo inedito del 1994, tratto dall’archivio cartaceo A.L.T. – Archivio Letterario (privato) Torricella) che vado ad inviare via e-mail, dopo averlo trascritto da cartaceo, ad Andrea Macchia blogger, per una sua gradita pubblicazione nel blog libera-mente.net.

Ovviamente Io autore oggi non scrivo più testi drammatici e tragici come questo, testo storicamente appartenente al mio trascorso periodo giovanile romano, che andrà letto inquadrandolo nel suo giusto periodo storico, da cui è tratto, “letterariamente riciclandolo” e traendolo fuori dal secolo passato, il ‘900, così carico d’inquietudini giovanili e di fermenti politici di massa, ch’Io non rinnego ma che è o0rmai passato da tempo, risultandooggi, anacronistico e, forse, anche bizzarro.

Ciò nonostante, veggo che ciò che scrissi allora, a Roma, poco mi appartiene, oggi, ed è inattuale, facendo ormai parte del mio storico retaggio di passato di cittadino romano rionale monticiano di fine ‘900, che oggi più non ha ragion d’essere, visto che da decenni ormai vivo ed abito, da quasi vent’anni, “fuori porta” ai Castelli Romani (e che non sono nemmeno più tanto romano, oggi…).

Perchè pubblicare, allora, oggi, dopo decenni, tale mio vecchio testo inedito giovanile, tratto dal mio archivio letterario, quando Io stesso m’interesso, oggi, di tecnologie, ambiente, computergrafica ed in special modo… del futuro?

Che tale testo, ieri censurato dal Potere di fine ‘900, abbia, oggi, scopo arte-terapico-catartico?

Che, forse, pubblicando tale mio testo, avvenga un’alchimistica trasmutazione del Recente Passato, una sorta di “psicanalisi interiore del Me Stesso Oscuro d’Ieri”, da cui catarticamente liberarsi per sempre?

Una sorta di mia e nostra rivincita etico-morale sui danni sociali fatti dal Potere, anche economico, a Roma, a fine ‘900, che paga tutti i debiti morali contratti coi fantasmi d’ieri e coi vecchi emigranti dei rioni nostri, estraendo fuori da me stesso, liberandoli in Cielo e in Terra, finalmente e per sempre, antichi terrifici e pesanti Orchi e Oscuri Mostri, fuoriusciti dal Recente Passato Romano?
Si posson cancellare, dunque, dalla mente umana tali brutti ricordi, auto-liberandosene per sempre, per mezzo dell’arte di scrivere e rivivere nuovamente ciò che si è scritto allora, con l’arte, da soli?

Catarsi psichica sia fatta, allora, come un bel lavaggio del cervello dai parassiti pensier di fine ‘900!
Immenso e magico potere della Mente Umana, che demolisce e crea nuovi neuroni utili a “ben vivere” la vita, formattando via dalla memoria a lungo termine vecchi ricordi antichi di fine ‘900!

Grazie allora, o Andrea, che pubblicando tale testo apotropaico sul tuo blog online, contribuisci a stimolare, in me scrittore, una catarsi momentanea, nel momento in cui trascrivo tale testo a video, dovendo leggerlo per forza, nel digitarlo a video, riprovocando in me una valanga di vividi ricordi che ritornan fuori dal Passato, trauma “rivissuto” oggi, da adulto, che libera la mente dal.. Passato!

L’autore di tale storico testo di protesta contro i danni sociali compiuti a Roma centro a fine ‘900.

Tags : , , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>