Incipit: La musica provata di Erri De Luca – parte 1/3

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 21, 2014 in Blog, In Libreria, Incipit

Prima di cominciare mi sembra giusto fare una piccola premessa: non sono impazzito, o per lo meno credo di non esserlo del tutto, ma chi mi conosce bene sa che sono pazzo dei libri e di tutti gli scritti di Erri De Luca ed è per questo che negli articoli che seguiranno (tre in totale) riporto alcuni frammenti tratti dalla sua ultima pubblicazione “La musica provata” – in particolare l’incipit e un passaggio che trovo significativo – per poi spostarmi, rimanendo sul posto, a sensazioni provate, pensieri e quant’altro durante la lettura del libro che ho praticamente divorato con fame famelica…l’aspettavo da tempo, come un sommozzatore aspetta il ritorno in superficie per riprendere a respirare dopo aver finito l’ossigeno nella sua bombola…

 

Questa è la premessa che riporterò in tutte e tre le parti. Altro arriverà, in seguito…

 

71hSEjkJdFLIncipit de La musica provata di Erri De Luca

Cantami, o Diva, del Pelìde Achille/ l’ira funesta. Inizio così l’Iliade nella traduzione di Vincenzo Monti, che ho studiato al liceo. Monti non conosceva a sufficienza il greco e si servì di traduzioni in latino. A scuola s’imparava pure la strofetta ironica del rivale Pindemonte, che lo definì: Vincenzo Monti cavaliero/ gran traduttor dei traduttor d’Omero.
La memoria ha dei puntigli irritanti: perché non posso disfarmi di questa cianfrusaglia scolastica? Perché sono costretto a ricordare perfino Finché la barca va lasciala andare?
Non c’è modo di premere il tasto “cancella”.
Ho ripreso in mano il vecchio vocabolario di greco del liceo, pietosamente rilegato da mia madre prima che perdesse altri fogli allentati. Ho voluto controllare l’attacco dell’Iliade nella lingua di Omero e ho potuto verificare che, almeno con il primo verso, Vincenzo Monti cercò una fedeltà, senza aggiunte o mancanze.
Mi piace il verbo Cantami messo in apertura di poema, anche se in greco è la seconda parola, àeide.
Cantami: è un bel tu, schietto, come si usa tra divinità e mortali.
E’ commovente per me che Omero si dimetta subito dal rango di autore: Cantami dea. E’ lei l’autrice del canto. Lui sarà il copista, il redattore. Lui sarà il ripetitore. Di fronte all’umiltà di Omero ogni vanagloria d’autore è uno sberleffo. Il porta è chi si mette all’ascolto di un canto.
Ne può trascrivere le parole, ma la melodia? Il greco di Omero s’incarica della supplenza, fa sentire la musica, riesce. All’origine della comunicazione c’era il canto e la replica di un coro.
In queste pagine la musica è muta, un ricordo mischiato alle cose domestiche e selvatiche della vita svolta.

da La musica provata di Erri De Luca – pagine 13-15, edito da Feltrinelli

Dati del libro:

Titolo: La musica provata
Autore: Erri De Luca
Editore: Feltrinelli
Pagine e anno: 98 – 2014

Tags : , , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>