27 gennaio 2014 – Il Giorno della Memoria

(0 commenti) | Commenta | Inserito il gen 27, 2014 in Blog, Dal mondo

Giornata-della-memoriaNo, non dimentico. Sicuramente oggi sono arrivato in ritardo nel pubblicare questo articolo, la giornata è quasi finita ma quel che conta non è tanto la giornata, è il ricordo, le sensazioni che provo e la tristezza sul mio viso.

Oggi è 27 gennaio. Oggi è il Giorno della Memoria. Una data, non solo una data e un giorno perchè l’atrocità compiuta non avrà mai una scadenza. Permane, si rinnova – purtroppo – e non va assolutamente accantonata o lasciata passare così, in silenzio, sottovoce, come se nulla sia accaduto.

Ogni anno da quando esiste Libera-mente in questo giorno è stato scritto qualcosa proprio per non dimenticare, per rendere omaggio a chi l’atrocità l’ha vissuta in prima in persona ed è e non è sopravvissuto.

Nei campi di stermino l’uomo ha raggiunto l’apice della sua crudeltà nei confronti dei suoi simili, di altri uomini che avevano tutto il diritto di vivere, di vivere il tempo ad ognuno concesso senza che ci fosse qualcun’altro che decidesse per loro quando farla finita e invece è successo.

La pazzia – si potrebbe definire in tanti altri modi – è stata compiuta con violenza, a volte, o con una lenta agonia. Privare l’uomo della più piccola libertà è il crimine più grande che i nazisti abbiano compiuto. Non essere certi di vedere nascere un nuovo giorno, di vedere il sole sorgere, è straziante. E’ accaduto.

Voglio ricordare il Giorno della Memoria con un passaggio tratta da uno dei cinque racconti contenuti in Prologo di uno stermino (Racconti yiddish dalla Polonia occupata) di Der Nister.

Cinque racconti, ne basterebbe uno solo per far rabbrividire e rivivere quegli atroci momenti.

Le truppe di Hitler, quando invasero la Polonia e giunsero al villaggio dove Rive Yosl Buntsyes viveva, intrapresero anche là, come ovunque, azioni contro la comunità ebraica. Innanzitutto promulgarono leggi speciali e imposero restrizioni umilianti, ad esempio gli ebrei non potevano camminare sui marciapiedi ma solo in mezzo alla strada e muniti di un segno in modo che fossero nettamente distinguibili dai non-ebrei; quindi emanarono decreti sull’autotassazione degli ebrei, di cui si doveva occupare direttamente lo Judenrat, all’inizio sembrava soddisfare solo i bisogni dei soldati, poi invece anche quelli del nuovo potere politico, rappresentato da personaggi locali, traditori del paese, con cariche più o mmeno importanti all’interno della dirigenza che facevano capo a funzionari delle cosiddette SS.

 

(pagina 106 – traduzione di Alessandra Luise)

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , ,

 

Informatica – Il tasto destro del mouse, questo sconosciuto (menù contestuale)

(2 commenti) | Commenta | Inserito il gen 22, 2014 in Blog, Informatica e Web

201-avvio-gestione-attivitaPrima di spiegare mi piace sempre raccontare perchè quello che scrivo, nella maggior parte dei casi, nasce da alcune esperienze quotidiane e dall’interazione con altre persone e con il computer.

Ebbene, alcuni giorni fa ho prestato aiuto ad alcuni amici che avevano problemi e che volevano risolvere piccoli problemi all’apparenza insormontabili; mi rendo conto che il pc possa far “spavento” quando si comporta in modo strano ma quello che mi ha fatto pensare è stato più che altro il rapporto con il mouse.

Il mouse non è un nemico, non è proprio indispensabile visto che tutte le sue funzioni posso essere riprodotte tramite combinazioni di tasti sulla tastiera, è più che altro un dispositivo per “sfaticati” perchè con un paio di click permette di eseguire comandi che richiederebbero vie più lunghe.

Non è il mouse nel suo complesso, bensì il tasto destro a far paura – è come se (da sinistra a destra) oltrepassata la rotellina ci fosse il vuoto e invece non è così.

Il tasto destro del mouse apre quello che in termini informatici viene chiamato menù contestuale ovvero una serie di comandi abbreviati e abilitati a seconda del programma che si utilizza, del file (o cartella) selezionato e del desktop.

Generalmente non si presta molta attenzione al tasto destro e invece quest’ultimo permette di copiare e incollare velocemente un testo, ad esempio, di scansionare un file scaricato, di aprire un determinato programma, di creare collegamenti e cartelle ecc.

Ma non è tutto. Già, perchè il menù contestuale che compare con il tasto destro può essere anche personalizzato e adattato alle proprie esigenze. Certo, non è facile questa operazione, bisogna agire e modificare una parte del registro di sistema ma alla fine la comodità si nota…e anche tanto!

Il tasto destro contiene in definitiva delle scorciatoie…vediamo come è possibile inserirle.

 

Procedura per inserire voci al menù contestuale:

- Premere Start e nella barra “Cerca programmi e file” scriviamo regedit oppure su Start -> Tutti i programmi -> Accessori -> Esegui e da qui eseguiamo regedit.
- Cercare la chiave HKEY_CLASSES_ROOT > Directory > Background > shell.
- Cliccare con il tasto destro (eccolo, ci serve!) su shell, quindi poi Nuovo > Chiave.
- Digitare a piacere il nome della Chiave da assegnare al programma o all’azione desiderata.
- Tasto destro del mouse – Creare una nuova chiave. Assegnare a questa chiave command (scritto tutto minuscolo).
- Selezionare il percorso del file eseguibile da aggiungere, copiarlo (tasto destro del mouse) e incollarlo al posto del valore iniziale denominato Predefinito

ed il gioco è fatto.

 

Perfetto, in questo modo abbiamo aggiunto un programma che non dobbiamo più cercare nel computer per mandarlo in esecuzione e tutto questo grazie al tasto destro.

Il programma comparirà ora nell’elenco quando abilitato altrimenti sarà nascosto e sostituito da altre azioni possibili.

Personalizzazione a parte, il menù contestuale contiene voci come:

- Copia
- Incolla
- Taglia
- Elimina
- Salva come
- Salva con destinazione (permette di cambiare la cartella dove salvare il file)

e tante tante altre, c’è solo l’imbarazzo della scelta…

Dubbi? Domande? Sono qui per qualsiasi chiarimento e sarà piacere rispondere.

Viva il tasto destro!

Scritto da Mac La Mente

P.s. Ho usato il mouse per copiare l’intero testo da OpenOffice qui sul blog, evidenziato tutto e poi tasto destro -> Copia, tasto destro -> Incolla nella posizione desiderata. ;)

Tags : , , , , ,

 

L’asinello Agostino è tra noi! (Secondo anno)

(0 commenti) | Commenta | Inserito il gen 15, 2014 in Blog, Comoda-mente

E’ incredibile come passi il tempo, è già trascorso un anno e…questo è il secondo! :)

Libera-mente.net, grazie all’Associazione Il rifugio degli asinelli O.N.L.U.S. di Biella, ha rinnovato l’adozione di Agostino l’asinello!

Sì, non potevamo farne a meno, abbiamo un debole per gli animali e nel nostro piccolo cerchiamo di aiutare, quando è possibile, con un piccolo contributo che sommato ai tanti altri aiuti il più possibile i nostri amici a quattro zampe.

Agostino è tra gli asinelli più anziani del Rifugio ma insieme ai suoi amici corre, gioca (piccolo video) e si prende cura di tutti i nuovi arrivati proprio come un papà.

La sua storia è singolare, qui riporto quello che Il Rifugio degli Asinelli ha scritto sul sito:

Agostino – Completamente abbandonato per mesi in una fattoria, ha visto morire di fame altri animali intorno a sé. Quando è arrivato era molto aggressivo con gli adulti: al contrario è sempre stato molto buono con i bambini. Ora ha imparato a fidarsi dell’uomo e ama le coccole.

Il rifugio degli asinelli O.N.L.U.S. (link al sito) è una delle tante Associazione che si prendono cura degli animali e spero vivamente che tutte, indistintamente, continuino con la loro missione negli anni a venire.

I nostri amici a quattro zampe sono dolcissimi, donano loro stessi per noi ed è giusto che si faccia altrettanto.

L’Associazione ha rilasciato un certificato di adozione a nome di Libera-mente.net ed io la ringrazio.

Immagine

Tags : , , , , ,

 

Poesia – Preghiera nostra a la Madonna de li Monti (Preghiera nostra alla Madonna del rione Monti di Roma) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il gen 12, 2014 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Ci sono due motivi quest’oggi, e in occasione della poesia che vado a segnalare, che mi rendono contento.

Il primo è che la traduzione in italiano di Preghiera nostra a la Madonna de li Monti di Cristiano Torricella è possibile trovarla solo qui su Libera-mente.net perchè l’autore l’ha realizzata dopo una mia richiesta; il testo originale è, infatti, in dialetto italo-romanesco del XXI° secolo, senza alcuna traduzione in italiano.

Il secondo è che la poesia è contenuta nel nuovo libro di Cristiano Torricella – Roma sparita di fine ’900 da Marino a Pechino – pubblicato a dicembre 2013 in cui ci sono anche miei commenti alle sue opere, scritti con piacere ed entusiasmo e al meglio delle mie capacità! :)

 

Preghiera nostra a la Madonna de li Monti

Zanta Madonna nostra, de li Monti e de li monticiani!

Regina de noantri peccator, grozzi e grazzi omaccion de Roma!

Che, proprio noi, qui, oggi, da azzai lontan giunti, fotografamo a te,
o Madonnina nostra bella, da ‘a via de le Serpi, qui, a li Monti!

O Madonnina nostra, proteggi, tu, allor, noi stanchi e delusi viandanti,
ch’oggi giungemmo qui, da lungi, con periglio, oggi, stragner foresti,
scavalcando tempi e luoghi, scioperi e caos e vane difficoltà e pretesti!

O Madonnina nostra, de li Monti, la fiammella tia accesa,
ch’oggi ondeggia lì, in strada, dapprezzo a via Cavour, lì, a quer vento,
sia luce, ovunque perzi e soli ar monno, si sia, via da Roma, tutti sparzi!

Prega per noi peccator, che, lupi nel buio del peccato, noi brancolanno,
gridiam, con fede aguzza e fortemente, a te, ovunque ner monno:

“aiutaci e proteggici tu, dal Mal, o nostra Madonnina de li Monti!

Aiutace a portà, cò onore e fede, ‘sta croce nostra, da oggi, più pesante!”

Proteggice, dunque, zempre tu, o pia Madonnina de li Monti,
da l’infami lupi a due gambe e da le turpi avverzità de la vita,
e nun lassà, mai, ch’il Mal più nero e torvo e bieco, zu de noi, prevalga,
a noi monticiani ed ex-monticiani tua,
de ‘sta antiqua Roma de li Monti!

(da “Roma sparita di fine ’900 da Marino a Pechino” di Cristiano Torricella autore, pag.117, Edizioni Simple, dicembre 2013)

 

Preghiera nostra alla Madonna del rione Monti di Roma

Santa Madonna nostra, del rione Monti di Roma e di tutti i monticiani!

Regina di noi (altri) peccatori, grossi, e grassi, omaccioni di Roma!

Che, proprio noi, qui, oggi, da così assai lontano giunti, ti fotografiamo,
o bella Madonnina nostra, da via dei Serpenti, qui, nel rione Monti!

O Madonnina nostra, proteggici tu, allora, a noi stanchi e delusi viandanti,
che, oggi, giungemmo qui da lontano, con pericolo, oggi stranieri forestieri,
scavalcando tempi e luoghi, scioperi e caos e vane difficoltà e pretesti!

O Madonnina nostra di Monti, la fiammella tua accesa,
che oggi ondeggia lì in strada, presso via Cavour, lì, in quel forte vento,
sia luce, ovunque persi e soli al mondo, noi si sia, via da Roma, sparsi!

Prega per noi peccatori, che, lupi nel buio del peccato, brancolando,
gridiamo, con fede profonda, e fortemente, a te, ovunque (noi si sia) nel mondo:

“aiutaci e proteggici tu dal Male, o nostra Madonnina di Monti!

Aiutaci a portare, con onore e fede, questa croce nostra, da oggi più pesante!”

Proteggici, dunque e sempre, tu, o pia Madonnina di Monti,
dagli infami lupi a due gambe e dalle turpi avversità della vita,
e non lasciare mai che il Male più nero, torvo e bieco, su di noi, prevalga,
a noi monticiani ed ex-monticiani tuoi,
di questa antica Roma del nostro rione Monti!

(Traduzione in italiano a cura dell’autore)

Grazie Cristiano! ;)

Tags : , , ,

 

Buona Epifania 2014! Buon 6 gennaio!

(3 commenti) | Commenta | Inserito il gen 6, 2014 in Blog, Comoda-mente

Scende dal camino quatta quatta,
ha il passo felpato, sembra una gatta,
ma non è un felino,
anche se come lui fa la felicità di ogni bambino.

Ha una scopa, un sacco pieno pieno
di dolci e caramelle
che travasa in un baleno…

Sei stato buono?
Sei stato cattivo?
Lei lo so e lascia un dono
intuitivo.

Se trovi carbone nero nero
non dovresti andarne fiero,
un po’ bricconcello lo sei stato
e questo è il risultato!

Se trovi dolci e caramelle,
evviva!, ce ne saranno a catinelle!

In ogni caso tu saprai,
ahi ahi,
che la Befana da te è passata
questa notte, nella nottata!

Tanti auguri a tutti quanti,
piccoli, vecchi e già grandi!

Buona Epifania a tutti! :)

befana-2011-finale-ridq

Tags : , , ,