Testimonianze: una Signora anziana, la pensione e la “riforma fornero”

(1 commento) | Commenta | Inserito il nov 22, 2013 in Blog, Società e politica, Testimonianze

Basta. Non vado per il sottile questa volta e se c’è ancora un minimo di libertà di espressione, di pensiero e di parole, sono qui a testimoniarlo – per conto “terzi”, direi – e a gridarlo quasi ad alta voce per farmi sentire il più lontano possibile e far aprire gli occhi a chi ancora li tiene chiusi e continua a fidarsi (ingenuamente) di coloro che fanno il nostro (?) bene.

Sono indignato, anzi, incazzato (non ho mai scritto parolacce sul blog e in verità ne dico poche anche nella vita di tutti i giorni, ma questa volta s’è andati al di sotto del fondo!).

Pubblico qui una testimonianza di una mia conoscente – la mia vicina di casa – che questa mattina ci ha fatto visita con in mano una carta perché voleva capire e soprattutto farsi spiegare da mio padre cosa lo Stato – Inps le ha chiesto.

La mia vicina di casa è una persona anziana, vive da sola in casa piccolissima e percepisce una pensione minima racimolata dopo anni e anni di sacrifici e di duro lavoro. Noi la rispettiamo e quando possiamo l’accompagniamo dove da sola non può arrivare per via dell’età e della distanza: in posta, in banca, dai parenti e a svolgere qualche altro servizietto che non ci pesa affatto perché ci piace renderci utili, perché NOI questa Signora la rispettiamo.

Ho visto questa signora anziana, quasi una nonna per me che non ce l’ho più, piangere.

Ebbene, vi posso assicurare che la tristezza mi ha invaso e osservando quella carta che sventola la rabbia cresceva.

Ho letto con attenzione il documento e sono rimasto esterrefatto. E’ questa sarebbe una riforma? Ebbene sì, non è uno scherzo, le riforme dei “soliti sapientoni” vanno sempre a discapito del popolo e delle tasche del popolo…mica le loro tasche, no? Sempre troppo vuote secondo il loro punto di vista o se non proprio vuote per lo meno piene del giusto perché quello che fanno va ricompensato a dovere, quello che svolgono è di altissimo livello…certo, certo…e io ho vinto il Nobel come persona più intelligente sulla faccia della Terra. Fantasia da parte mia, realtà la prima parte di questo discorso, purtroppo.

Come dicevo, noi la rispettiamo mentre lo Stato – Inps no, e perché? Perché secondo i “favolosi e indispensabili” conteggi che hanno fatto, la mia vicina di casa ha percepito soldi in più (più della metà della pensione mensile) che deve restituire in 24 “comode” rate tramite trattenute sulla sua pensione a partire da febbraio 2014.

Ora, mi sta bene che le si augura di vivere altri due anni (spero moti molti di più e con tutto il cuore) ma non mi sta bene per niente quello che le hanno fatto o stanno per fare.

Non mi sembra per niente giusto, lei alla pensione è arrivata con immensa fatica e sacrificio e sembra – sempre grazie ai “sapientoni” – che quello che le si dà con la destra lo si ritira con la sinistra togliendo anche qualcosa in più. Già, visto che ci siamo, togliamole un po’ di più, può sempre servire!

Pubblico la lettera che vorrei leggeste, dalla quale ho cancellato gli importi e il nome per privacy.
Pubblico questa lettera anche se son sicuro che molti di voi l’avranno già vista…non è una novità.

Scritto da Mac La Mente

Lettera

Tags : , , , , , ,

 

Alluvione in Sardegna, un gesto di solidarietà

(0 commenti) | Commenta | Inserito il nov 20, 2013 in Blog, Cronaca

Un’altra catastrofe ha colpito l’Italia, dopo il terremoto in Emilia Romagna, è la Sardegna ad aver bisogno d’aiuto.

Colpita da un’alluvione devastante che ha provocato la morte di decine di persone e stravolto le vite di chi è sopravvissuto, i nostri concittadini ora si ritrovano senza niente, senza beni di prima necessità e senza un posto sicuro dove stare. Hanno bisogno d’aiuto!

Libera-mente.net è vicino alla popolazione e vuole contribuire divulgando il più possibile le iniziative di solidarietà che in queste ore si stanno diffondendo.

Diversi sono i conti corrente e i numeri di emergenza che si possono chiamare.
Qui di seguito alcuni informazioni utili per tutti coloro che vogliono e desiderano dare una mano…è importante!

 

1. Emergenza alluvione. Attivato un Conto Corrente per solidarietà

Vista la calamità che si è abbattuta sul territorio del Comune Olbia, l’Amministrazione comunale ha attivato un conto corrente bancario dedicato alla raccolta di fondi per garantire un aiuto concreto al territorio ed alla popolazione colpita dalla terribile ondata di maltempo.

Coordinate per i versamenti:

Conto Corrente n. 0540 – 070361388
IBAN IT72U0101584980000070361388
BIC (codice swift) BPMOIT22XXX
Causale: Comune di Olbia Emergenza Alluvione

Il Sindaco On. Giovanni Maria Enrico Giovannelli

 

2. Emergenza alluvione

I cittadini colpiti dall’alluvione e in necessità di reperire indumenti, materassi e coperte possono recarsi in Via Canova presso il Centro Umanitario (fronte ospedale vecchio). Referente la Sig.ra Anna Maria Chessa tel.339/6427655.

 

3. Emergenza alluvione

Gli esercenti e le ditte private che volessero offrire gratuitamente biancheria intima per uomo, donna e bambino/a possono consegnarla presso il Centro Umanitario in via Canova (ex ambulatorio ASL) referente Sig.ra Annamaria Chessa tel. 339/6427655, oppure presso i Servizi Sociali del Comune sede Poltu Quadu tel. 0789/52172.

 

fonte: Comune di Olbia – Sardegna

Tags : , , , ,

 

Il codice è poesia. Libera-mente.net rispetta le regole W3C.

(2 commenti) | Commenta | Inserito il nov 17, 2013 in Blog, Comoda-mente

Non sono smanettone, credo di averlo detto diverse volte, ma tengo tantissimo a far le cose bene anche se a volte ci vuole tempo. E impiego tanto tempo, l’importante è il risultato e quando si tratta di Libera-mente.net, in particolare, ci tengo ancora di più non solo perché il sito esiste da sette anni ma per un motivo ancora più profondo: è parte di me e spero lo sia anche di tutte le persone che quotidianamente contribuiscono alla sua esistenza.

Ma veniamo al motivo di questo breve articolo.

Dopo un po’ di tempo e soprattutto perché il codice è poesia – motto di WordPress -, in questo caso il codice di programmazione e visto che il Blog di Libera-mente.net si basa su WordPress, è giusto che rispetti questa regola e non solo…

Il blog rispetta gli standard di programmazione W3C! Evviva! :)

Tra non molto infatti nella parte bassa compariranno questi due banner:

CSS Valido!

Valid XHTML 1.0 Transitional

che indicano chiaramente il rispetto delle regole – e scusate se è poco!

Non tutti i siti li hanno, ci sono sempre errori da correggere, ma noi l’abbiamo fatto e ora siamo molto molto più contenti.

Assicuriamo sicurezza durante la navigazione del blog, non ci sono trabocchetti o infezioni, è tutto pulito, chiaro e ottimizzato affinché chiunque visiti le nostre pagine possa star tranquillo.

Ma quanto adoro quei due banneri? Tantissimo! Sarà una “stupidata” da parte mia, una piccola cosa di sicuro, ma son felice! :)

Viva Libera-mente.net!

Scritto da Mac La Mente – Mac, se preferite – meglio ancora Andrea oppure “Dio”, fate voi! :D

Tags : , , , , ,

 

Manifesto (personale) a favore della matematica

(4 commenti) | Commenta | Inserito il nov 10, 2013 in Blog, Personal-mente

gufo che leggeAvrei dovuto scriverlo tempo fa, ho aspettato, aspettato con la speranza che la situazione migliorasse – sono un illuso!

Il tempo passa e ora credo di essere anche un po’ più maturo per parlarne perchè quel che vedo ogni giorno non mi piace per niente; la responsabilità penso non sia né degli alunni (sfaticati a volte e disinteressati all’argomento, vero) né dei professori (rassegnati in alcuni casi e costretti a fare i conti con qualcosa più grande di loro, purtroppo) ma della disintegrazione del sistema scolastico attuato dai “soliti noti” – “beoti”, meglio – che non si rendono conto (bugia, lo sanno benissimo) di fare esperimenti sulla pelle degli altri attuando riforme (attenti a questo termine, il più delle volte non porta a niente di buono) perchè loro san tutto e si prendono cura di noi, hanno a cuore la nostra sorte, tante grazie eh? Ci vuole davvero impegno per peggiorare qualcosa che funziona(va), non è per niente facile, ma loro riescono benissimo in questo e il disastro si nota subito, è immediato, repentino, e rovina intere generazioni che perdono curiosità, voglia di imparare, e vivono il tutto come qualcosa di obbligato e fine a se stesso, che non serve a niente ed è limitato solo all’ambiente scolastico e di studio.

Grazie di tutto, continuate così “sapientoni” – non c’è cosa peggiore di voler dimostrare agli altri la propria superiorità nei confronti di argomenti che non si conoscono, estranei, argomenti di cui si parla solo per sentito dire, improvvisandosi esperti e saccenti. Bleah, che schifo!

Ora basta però. Manifesto (personale) a favore della matematica e di tutte le materie fondamentali e importanti alla formazione di una identità e cultura personale, di un pensiero autonomo e libero grazie al quale è possibile relazionarsi con gli altri, confrontarsi e apprendere.

Mentre scrivo penso alla matematica solo perchè è una delle tante materie che adoro e che conosco meglio e che ritrovo in tutte le arti: pittura, letteratura, musica, informatica e via dicendo…, vale anche il viceversa naturalmente, tutto è collegato.
Penso alla matematica e ai grandi scienziati del passato e del presente, ai teoremi, agli studi, ai trattati, alle applicazioni giornaliere che richiedono l’uso della matematica e delle sue operazioni – elementari o più complesse – e all’analisi e alla soluzione di problemi che altrimenti rimarrebbero irrisolti e in sospeso… ma soprattutto penso alla capacità di ragionamento e allo stimolo che regala: caratteristica da non sottovalutare per il nostro cervello che altrimenti si atrofizza e muore a causa del non-uso.

Manifesto (personale) a favore della matematica, dei logaritmi, degli esponenziali, degli integrali e derivate, dello studio di funzione e degli insiemi di esistenza, dei numeri reali complessi immaginari, delle forme geometriche – dalle linee ai quadrati, dalle superfici ai solidi – e di tutte le funzioni esistenti o non ancora scoperte, belle e affascinanti sia se studiate in superficie che in profondità.

Manifesto perchè studiare un certo argomento non è “a tempo”, non è concepibile una cosa del genere!

Tra l’oggi e il domani l’unica differenza è quel qualcosa in più appreso e immagazzinato, sommato al precedente e fuso con esso.

La continuità è una curva infinita tracciata senza staccare la penna dal foglio, è un’andata e un ritorno, è lo scorrere del tempo in avanti e l’alternarsi del giorno e della notte, non si può invertire.
La continuità nell’apprendere non è un insieme discreto ma casuale e aleatorio, non si finisce mai di apprendere, c’è sempre qualcosa di nuovo ed è per questo che manifesto.

Tra di noi ci sono persone più portate alla matematica (materia che prendo sempre come esempio) di altre ma non bisogna mai e poi mai partire prevenuti. E’ la fine se accede ciò. E invece, sempre troppo spesso oggigiorno, quando si trova un ostacolo ci si arrende… e invece “No, ca**o!”, insistere e non darla vinta a nessuno alla fine porta a grandi, grandissime soddisfazioni!

Manifesto (personale) a favore della matematica perchè sono triste e ho voglia di gridare quando vedo cancellato un argomento dal programma scolastico e lasciato un altro strettamente correlato. Come capire il secondo se non si conosce il primo? Così facendo la continuità è spezzata e la voragine nella quale cadere aperta.

Studiare è bellissimo, è qualcosa che nessuno mai e poi mai potrà portarci via, è nella nostra natura la curiosità, imparare.

Quanto altro avrei da dire, ma mi fermo qui e spero che il messaggio e ciò che ho voluto metter nero su bianco si sia capito…

Concludo con una citazione:

Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza, in profondità, succhiando tutto il midollo della vita, [...] per sbaragliare tutto ciò che non era vita e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto.” (Walden, vita nei boschi di Henry David Thoreau)

Studiare, apprendere, imparare, per sentirsi vivi!

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , ,

 

Poesia: Ode all’inventore della doccia di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il nov 3, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Che il rilassamento abbia inizio! A volte ci vuole, a volte è necessario per sentirsi meglio, e tra le tante forme che ci sono, Cristiano Torricella ha scelto la carezza dell’acqua sulla pelle grazie a una doccia bella, calda e rigenerante.

Ode all’inventore della doccia: una poesia tiepida e carezzevole, dall’incedere elegante e delicato, un ringraziamento a chi, la doccia, ha inventato, regalandoci così un momento di serenità.

 

Ode all’inventore della doccia

 

Ode eterna,
ad imperitura memoria,
di chi inventò la doccia.

Doccia ove conduco,
bianchi cavalli stanchi,
all’acqua calda, fumante,
le dolenti, e stanche, membra,
così abbrutite,
da li, faticosi, e duri,
e, necessari,
lavor de la campagna.

Membra mie,
tutte piegate, e vinte,
e, dal sudor, di sete, arse,
dalla nostra, castellana,
ed aspra, terra genzanese, e vigna!

A risuscitante, e catartico, riposo,
or, a la corroborante doccia, ite!

Grazie a te, dunque,
o inventor de la doccia,
giacchè, sol grazie a te,
calda, acqua calda, a fiotti,
or, su di me, libero contadino,
dalla testa ai piè, giù, dal rubinetto,
or, giù, giù, generosa, lava e scorre.

Dall’acqueo telefono,
che, mai, e poi mai, telefona,
a rinvigorir, quasi “a nova vita”
le disarticolate, e ferite, membra,
offese dalle, tante, battaglie de lli campi,
e dall’acuminati, odiosi, e nerboruti, spini,
e da scintille, ardenti, e “zanze”*.

E così, addisotto al “caldo effluvio”,
par d’esser tornati giovini, addennovo,
senza più traccia, alcuna,
di campestre fatica.

Ominide, addenovo, aritornato cittadino!

E piove acqua calda,
dallo scaldabagno nuovo,
e piove, e piove!

* “zanze” = forma poetica, che significa zanzare.

 

Nota dell’autore:

Poesia in lingua italiana, scritta a Marino (RM) – ai Castelli Romani, il 21 settembre 2013, uscendo dalla doccia, al ritorno dalle fatiche della coltivazione dei campi. Ventun settembre, non a caso, primo giorno d’autunno e giornata nazionale dell’orto sinergico e della permacoltura ovunque nel mondo. Poesia scritta appositamente per essere pubblicata su www.libera-mente.net.

Tags : , , ,