Poesia: ddummilaeccinquanta – mmarcia ssu Rroma mmarcia (Duemilacinquanta – marcia su Roma marcia) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il set 1, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Chiedo scusa all’autore
ma che fame leggendo le sue parole,
tanti odori deliziosi,
per i palati più golosi…

In ddummilaeccinquanta – mmarcia ssu Rroma mmarcia (Duemilacinquanta – marcia su Roma marcia) di Cristiano Torricella assaporo i gusti antichi che non tutti sanno apprezzare, è tradizione anche questa che va conservata e tramandata…

L’arte culinaria in questa poesia gastronomico-letteraria – riportata in poche righe per ragioni di brevità – fa venire l’acquolina in bocca ed io degusto questi versi e spero piacciano anche a voi! :)

 

   
ddummilaeccinquanta – mmarcia ssu Rroma mmarcia Duemilacinquanta – marcia su Roma marcia
(nntroduzzione, ggastronnommica, dd’autore, a lla ppòèsia) (introduzione, gastronomica, d’autore, alla poesia)
   
‘nn ggelatino dda Ffassi o dda Ggiolitti, Un piccolo gelato, da Ffassi o da Ggiollitti,
o sseduti ar, pannorammico, bbar, dde Mmonte Mmario, o seduti al, panoramico bar, di Monte Mario,
kòme ffacevamo nnoantri, dder poppolin, a ffin ‘900, a Rroma? come facevamo noi altri, del popolino (romano), a fine ‘900, a Roma?
Nna, ddoverosa, ggrattachecca, sserale, Una doverosa granita, serale,
ppasseggianno ‘nn riva ar ffluido Tevere, passeggiando in riva al fluido (perché acqueo) Tevere,
o ‘nn ffila ppè ddue, ddar cocommeraro, o in fila per due, dal venditore di cocomero,
a ppijià nna ffettarella ffresca ffresca, ddìàccia, una piccola fetta fresca fresca, bella gelata,
kòme sse ffaceva, ‘nn ttempo, ttutti nnoantri, come si faceva, un tempo, tutti noi altri (del popolo),
dda Bborgo e dda Kàmpo dde lli ffiori ggiunti, a ssera, giunti lì da Borgo (Pio) e da piazza Campo de’ Fiori, di sera
dder Ccentro Historrico, dde Rroma, vvecchi abbìttanti? del Centro Storico di Roma, vecchi abitanti?
None? Nn’ vvòlete ggnènte? No? Non volete niente?
E nn’ ppezzettin dde ppizza ar ppòmmidoro, ammanco, a vvòlete? Ed un pezzettino di pizza al pomodoro, nemmeno, la volete?
Appen ssfornata ddar fforno nnostro, a Mmecennate, Appena sfornata dal forno nostro, di Via Mecenate,
llì vvicino, arr tteatro dder Bbrancaccio (ànghelo vvia Mmerullana), kalla kalla? vicino al teatro Brancaccio (angolo Via Merulana), calda calda?
E ammanco annà a mmagnà ar mmejo aristorante, ccinnese, dde Rroma, E, nemmeno, andare a mangiare al miglior ristorante cinese di Roma,
qquello all’ànghelo kò vvia Mmerullana, quello all’angolo con via Merulana,
addinnanzi a lle pposte, ssempr’affollate e llitiggiose? davanti alle Poste, sempre affollate (di gente) e così litigiose?
None? E cche d’è! Ammanco ggnente, vve ssta ppiù bbene! No? E che diamine! Proprio niente, a voi, vi sta più bene!
Alor, ddu bbiscottini ppolentini, ccò ll’uvetta, artiggiannali, Allora, (gradite) due biscottini polentini, (fatti) con l’uva (passa), artigianali,
ffatti, ffreschi ffreschi, a Ppollizziano, da Ccippriani, fatti, freschi freschi (di giornata, appena adesso), a via Poliziano, da Ccippriani (antica biscotteria rionale monticiana),
o nna kròstata kò ‘e vvisciole, ‘i ggraddite? oppure una crostata con le visciole, li gradite?
Oppure nna kàpatina llì, a lla, nnostra, historrica, ttrattorria rròmmana, Oppure una visita (di tipo gastronomico-mangereccio), lì, alla nostra, storica, trattoria romana,
ttra vvia dde Zàn Mmartino a lli Mmonti e vvia Ddòmmènìcchìno?, tra via di San Martino ai Monti e via Domenichino?
Ccchiacchera, alor, mmò, ttu, a sservaggio ! Parla tu, allora, adesso, tu, o selvaggio!
Arisponnime, armeno, qquarcosa dde zènzato! Rispondimi, almeno, qualcosa di sensato!
Nnun kàpisco, er llinguaggio fforesto, ke ttu pparli! … Non comprendo (il linguaggio forestiero), che tu parli! …
Mmah….k’addichi? Ma che dici?
Dde mmagnà rromanno, ppizza e ffichi, Di mangiare romanesco, (ad esempio), pizza e fichi,
a vvoi, bbarberi, ppè gnente, nn’ vve ppiace? a voi, barbari, per niente, vi piace?
E cche cce ssete, alor, vvennuti a ffà, qqui, vvoi, “ggens hostile”, E che cosa ci siete, allora, venuti a fare, qui, voi, “ggens hostile” (stirpe bellicosa ed ostile),
qqui, dda nnoantri, a Rroma, a ffà rreato vvile? qui, da noi altri, a Roma, a compiere (vili) reati?
Nn’ mme ppàrete nnè Zàbbini, nnè mmàli ettruschi, né Rromoletti… Non mi sembrate nè Sabini, nè odiosi Etruschi, né degni figli di Romolo…
‘nnn zàrete, mmica, addunque, ffammellici bbàrberi Ggalli Ccìsarpini? Non sarete, perciò, per caso, dunque, affamati barbari Galli Cisalpini? (Cisalpini, intesi qui, come “provenienti dal Passo della Cisa”, cioè emiliani, padani).
E qquelli, asce bbipenne ‘nn mman, E quelli, asce bipenne in mano,
a mme, rromman ppoè, ggnente arrisposte, a me, poeta romano, nessuna risposta (diedero),
mm’agguardeno ‘nn kàgnesco, e ppoi, isstan zzitti, (anzi) mi guardano in cagnesco, e poi, tacciono,
ggiacchè ss’avanza, addezzo, ssì zòlenne, er lloro kàpo… giacchè s’avanza, adesso, così solenne, il loro capo …
   
Ppoesia (zèguito) – [omissis – assente, qui] Poesia (seguito) – [omissis – poesia assente, qui]
   
Tags : , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>