Poesia: ‘e gravi colpe dder poppolo bbue (Le gravi colpe del popolo bue) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ago 4, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Questa poesia-sonetto ha aspettato un po’ per essere pubblicata, la domenica in particolare, per rientrare nella nostra rubrica di Poesie della Domenica dove l’autore – Cristiano Torricella – ha il suo giusto e meritato spazio.

Ho contattato Cristiano il mese scorso dopo aver pubblicato questo articolo C’era una volta… l’Italia (link) chiedendogli una risposta, cosa ne pensava e che sensazioni abbia provato durante la lettura del mio articolo, e a lui è venuto in mente questo componimento ‘e gravi colpe dder poppolo bbue (Le gravi colpe del popolo bue) che qui riporto…

 

‘e gravi colpe dder poppolo bbue

E’ stato isso stezzo, er poppolo bbue, ssenza arcun mmerito, ppè vvoto ‘n zu lla scheda, e ppè raccommannazzione, a volelli, llui sstezzo, ttutti llì, ppè ‘nteresse, a tutti ‘sti ‘ncravattati ppecoroni,a commannacce, a nnoantri, bboni, dall’arto dde ‘st’arta sscala (ssociale),
qquello cche sse deve fa, e qquello cche, ‘nvece, zzitti e bboni, ggnente dde ggnente!Ccomm’è ppotuta accadè, addunque, ‘sta ttraggico-kommedia,
ppuro a nnoi, ommaccion, ttruci e bborgatar, dde Rroma?Seguenno, polittiche, cclientele ed emmozzioni, er ppovero poppolin nostro, ppio et illuso, poro poppolin nostro, ss’è cconfuso,
ed ha cconfuso vannità, kùrtùràl ppovertà, e ppoter, ccò a rricchezza!E mmò, cche vvò, isso, allor, da issi, cche ffa sì tennerezza,
ppropio ‘sto poppolino nnostro, ssuddito oggi, sschiavo e pprono,
ppoppolin nostro, ‘nn tempo, ssì vallorroso e bbono, avvezzo, ppurtroppo, oggi, ‘a ogni sschifezza?Ma sì, allor, bbevemo et ariddemoce zòpra, ‘a ‘sta traggedia!E ccoijonamose, oggi, ccosì, compiangennoce, nnoi dder poppolo, a vvicenna!
Cche er ggioco era ttruccato, allor, ‘o zi zapeva, addavero, ‘nn ppochi!
Mò, pperò, agguardammose nne ll’uocchi, ttra dde nnoi. ommini rrommani,
mmò cch’annisciuno cce ssente, ddimoselo cchiaro cchiaro, qqui, ttra nnoi, ssegretammente:”ddimme ‘n ppò, ttu, o mmammolo, mma ttu, a qquali dde ‘sti pporci qqui, dder 2050 nnostro, je llo ddesti, ‘n ccambio dde qqual pprommessa ffattati, er ttuo vvoto?”"shhh….. zzitto, mmorè, cche ppassa ‘o ssbirro….
Shhh…. zzitto, cche tte ll’addico addopo!”

 

Le gravi colpe del popolo bue

E’ stato lui stesso, il popolo bue, senza alcun merito, con il proprio voto sulla scheda elettorale, e tramite raccomandazioni, a volerli, lui stesso, tutti insieme lì, per interesse,
a tutti questi incravattati pecoroni,a comandarci, a noi altri, buoni, dall’alto di questa alta scala sociale,
ciò che si deve fare, e ciò che, invece, ziti e buoni, non si deve fare, per niente!Com’è potuta accadere, dunque, questa tragico-commedia,
anche a noi, omaccioni (uomini grandi e grossi), truci e borgatari, di Roma?Seguendo, politiche, clientele ed emozioni, il povero popolino nostro, pio ed illuso, povero popolino nostro, si è confuso,
ed ha confuso vanità, cultural povertà e potere, con la ricchezza!Ed adesso, allora, che vuole, esso, il popolo, da essi, che fa, quasi, tenerezza,
proprio questo popolino nostro, suddito oggi, schiavo e prono,
popolino nostro, un tempo, così valoroso e buono (bravo), avvezzo, purtroppo, oggi, ad ogni schifezza?Ma sì, allora, beviamoci su e ridiamoci sopra, a questa tragedia!E prendiamoci ancora in giro, oggi, così, compiangendoci, noi del popolo, a vicenda!
Che il gioco era truccato, allora, lo si sapeva, davvero, in pochi!
Adesso, però, guardandoci negli occhi, tra di noi, uomini romani, ora che nessuno ci sente, diciamocelo, qui, chiaramente, tra di noi, segretamente:”dimmi un pò, mammolo (soprannome romano, dato a chi usciva di galera ravveduto) ma tu, a quali di questi maiali qui, del 2050 nostro, glielo desti,
in cambio di quale promessa fattati,
il tuo voto?”"shhh….. zitto, moretto, che passa lo sbirro (la guardia)….
shhh…. zitto, che te lo dico dopo!”

Traduzione a cura di Cristiano Torricella

Tags : , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>