Citazione – Sarò sabbia nel deserto di Claudia Lorusso

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ago 23, 2013 in Blog, In Libreria, Una frase, un rigo appena

sabbiaFolgorato da questo libro che ho letto tutto d’un fiato e che ha generato nella mia mente immagini, profumi, suoni di un paese lontano e di un popolo che vive in un territorio arido, difficile, che non offre comodità ma che mette ogni giorno alla prova, una prova di sopravvivenza.

Sarò sabbia nel deserto di Claudia Lorusso è un diario di un viaggio che la protagonista affronta alla scoperta, non solo di luoghi mai visitati, ma di se stessa.
Trovarsi nel deserto è in certo modo ritrovare qualcosa che s’è perso altrove, che manca e rende incompleti…

In questa breve pagina di diario è riportata la frase che dà il titolo al libro e che trovo bellissima.

 

Citazione:

E’ pomeriggio, inoltrato, abbiamo lasciato Jaisalmer, e su una jeep ci inoltriamo nel Deserto del Thar.
Ancora una volta, l’India ci stupisce per la violenza cromatica dei contrasti.
Dalla sabbia nascono piccoli villaggi di case dipinte di giallo e azzurro.
Fra le rocce e gli arbusti, file disciplinate di donne, con vasi metallici, come turbanti d’argento, in equilibrio sul capo, si recano ai pozzi. Indossano saree di tessuto rosso, viola, rancio e grossi bracciali a cingere l’avambraccio.
Diligenti e sfacciate, sfidano l’aridità in cerca d’acqua.
La vegetazione è ormai scomparsa quando arriviamo dove i cammellieri ci aspettano per la passeggiata.
Il cammello avanza pigro.
Lento, il sole comincia ad infiammare la linea dell’orizzonte.
Cullata dal movimento ondeggiate, dall’alto, avanzo nel tramonto immenso di sabbia che si apre davanti a me.
Il deserto non ha misure e non ha condizioni, come la verità.
A Jaisalmer ho scoperto che la mia verità è selvaggia e primitiva, senza misure e condizioni.
Sarò sabbia nel deserto, tenace e duttile, arroventata dal sole e modellata dal vento, determinata e possibile, sempre nuova, viva e vera.
Nel Deserto del Thar sono sola.
Per lungo tempo la mia solitudine è stata quella delle quattro mura, chiusa e vuota, la solitudine dell’abbandono, della vertigine che costringe, contrae e annienta.
Questa del deserto non fa paura.
E la vertigine piena e aperta dell’infinito, quella in cui il pensiero si espande sconfinando da se stesso, cercando all’infinito altri spazi ed altri limiti da varcare.
È la solitudine della scoperta e della conquista, della scelta e della libertà.
Oggi la luce del crepuscolo che accarezza a perdita d’occhio le dune silenziose ha i colori del commiato dal dolore e il suono della nascita.

da Sarò sabbia nel deserto di Claudia Lorusso – pagine 48-49

 

Dati del libro:

Titolo: Sarò sabbia nel deserto (Diario al femminile di un viaggio e di un riscatto)
Autrice: Claudia Lorusso
Casa Editrice: Gelsorosso
Pagine e anno: 64 – 2012

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , ,

 

Buon Ferragosto 2013! Vacanza!

(2 commenti) | Commenta | Inserito il ago 15, 2013 in Blog, Comoda-mente

Guarda fuori che bel tempo,
è Ferragosto e son contento!

Tutti pronti a festeggiare,
a far onore alla tavola, a ridere e scherzare,
in questo giorno tanto atteso
dove il divertimento è compreso!

Che tu sia al mare o in montagna,
o in una bella casa in campagna,
l’importante è rilassarsi,
lasciar i pensieri e il da farsi,
lontani lontani ad arrangiarsi…

Orsù dunque tutti fuori,
c’è un mondo di colori
che aspetta solo noi!

Libera-mente.net è in vacanza
oltre le mura di questa stanza
e lancia un grido a distanza:
“E’ 15 agosto, vai con la danza!”

Buon Ferragosto a tutti!!! :)

ferragosto2013

Tags : , , ,

 

Nuovo vestito per Libera-mente.net!

(1 commento) | Commenta | Inserito il ago 13, 2013 in Blog, Comoda-mente

nuovoliberamentenetCi piace cambiare? Non tanto in verità, la coerenza è più importante, ci piace migliorare, questo sì e infatti dopo aver aggiornato la struttura del sito (in particolare del blog, per il forum arriverà presto) all’ultima versione disponibile, ci siamo fatti un regalo ovvero un’homepage chiara, semplice e soprattutto di facile navigazione.

Strutturalmente l’homepage ha un menù orizzontale con le pagine e le sezioni principali del sito, una slide con gli ultimi articoli inseriti e tre colonne più in basso.

- La prima colonna offre la possibilità di iscriversi alla nostra newsletter mensile, come segnalare e richiedere una recensione del proprio sito e visualizzare gli articoli di una determinata categoria o di un determinato mese.

- La seconda colonna riporta un elenco degli ultimi articoli inseriti sul blog per un accesso diretto ai contenuti.

- La terza colonna è dedicata invece alla nostra mascotte, al grande asinello Agostino e all’Associazione Il Rifugio degli Asinello O.N.L.U.S. che si occupa dei nostri amici a quattro zampe.

I colori principali, come potete notare, sono il bianco, il nero, un po’ di arancione, verde e blu per i link. Tutti diretti, senza fronzoli che potrebbero appesantire la lettura o la permanenza sul sito.

Libera-mente.net è anche pienamente responsive, ovvero può essere letto su tutti i dispositivi mobili e non, questa caratteristica era già stata introdotta in passato e mantenuta in questo caso alla luce anche dell’aumento del traffico con cellulari, tablet, smartphone ecc…

Che dire…i lavori non finiscono mai, la strada da percorrere è lunga e spero che la nostra compagnia vi piaccia! :)

Buona navigazione!

Tags : , , ,

 

Il Rifugio degli Asinelli ONLUS: una buona notizia

(1 commento) | Commenta | Inserito il ago 10, 2013 in Blog, Comoda-mente

E continuando con le notizie che arrivano direttamente da Il Rifugio degli Asinelli ONLUS, dopo aver segnalato un aggiornamento su Colleferro, arriva una bella notizia: la famiglia cresce! Sono nate due asinelle e due asinelli! Augurissimi! :)

Due fiocchi rosa e due azzurri…

 

Filly_Carmela
Torniamo a parlare di Colleferro, ma, finalmente, con una bella notizia: Carmela, Gelsomina, Moretta e Cristina, salvate insieme ad altri 11 asini, 5 muli e 2 bardotti, hanno dato alla luce quattro puledri.

 

La figlia di Carmela è nata a mezzogiorno del 1° maggio, poco prima del Grooming Day: una situazione insolita, visto che, di solito, per partorire le fattrici prediligono i momenti più tranquilli della giornata (di solito il mattino presto). Il parto, nel bel mezzo del recinto, è stato vissuto in diretta dai tanti visitatori presenti, che lo hanno immortalato con fotografie e video, diventati subito di culto sulla rete e che hanno diffuso in tutto il mondo questa bella notizia. Purtroppo, dopo qualche settimana dal parto, Carmela è stata colpita da mastite, un’infiammazione alla mammella che rende impossibile allattare adeguatamente: la sua puledra viene così nutrita con uno speciale biberon dai Groom. La piccola ha subito imparato a ricevere il cibo in questo modo insolito e anche Carmela è tranquilla durante l’allattamento da parte degli umani.

 

AllattamentoManualeIl secondo puledro nato al Rifugio, figlio di Gelsomina, si è dimostrato subito una piccola peste: già dopo poche ore dal parto (avvenuto nella prima mattinata del 14 maggio) correva felice nel recinto, alla massima velocità consentita dalle sue lunghe zampe! Il piccolo, di colore grigio come la mamma, ama le attenzioni degli umani e non ha alcun timore nei loro confronti; a pochi giorni di vita seguiva già i Groom durante le pulizie quotidiana delle stalle, osservandoli incuriositi e approfittando di ogni occasione di gioco.

 

Due puledri sono nati a Giugno: il 20 è nata la piccola di Moretta, una deliziosa asinella di dimensioni più piccole rispetto ai suoi coetanei ma altrettanto vitale e curiosa. Il più timido è l’ultimo nato: il puledro di Cristina, nato il 27, passa la maggior parte del tempo attaccato alla mamma e, per ora, sembra un po’ intimidito dagli altri puledri. È solo questione di tempo prima che si unisca ai loro giochi scatenati!

Sito dell’associazione: http://www.ilrifugiodegliasinelli.org/

Tags : , , ,

 

Il Rifugio degli Asinelli ONLUS: aggiornamento su Colleferro

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ago 10, 2013 in Blog, Comoda-mente

CF_Rescue_July_4-002E’ passato un po’ di tempo dall’ultima volta che abbiamo segnalato una notizia giunta direttamente dall’Associazione Il Rifugio degli Asinelli ONLUS e saltata ai nostri occhi alla quale abbiamo voluto dedicare spazio perchè ci ha rattristato molto, perchè è giusto dare spazio a chi si prende cura degli animali e si denuncino tutte quelle realtà abominevoli e disumane che gli asinelli (in questo caso) si ritrovano a vivere…

Nel precedente articolo – Il Rifugio degli Asinelli ONLUS: Cartolina da Colleferro – Roma – la situazione a Colleferro (Roma) era drammatica e in questi mesi si è andati avanti a soccorrere, insieme ad altre Associazioni, i puledri coinvolti nella vicenda.

Qui di seguito riportiamo un resoconto che la Presidente de Il Rifugio degli Asinelli ONLUS, Sig.ra Barbara Massa, ha inviato per email e che noi ringraziamo di cuore perché rimanere informati ci interessa tantissimo!

Ciao amici del Rifugio,
torno a raccontarvi gli sviluppi della situazione a Colleferro (RM).

 

Come molti sanno, a gennaio siamo stati coinvolti insieme ad IHP (Italian Horse Protection) e ad ENPA nel più grande e grave sequestro di equini mai avvenuto in Italia. In concerto con le due associazioni, con la Task Force Tutela Animale del Ministero della Salute e i NAS di Roma, al momento abbiamo salvato e affidato quasi 200 animali tra cavalli, pony, asini, muli e bardotti. La situazione è tutt’altro che risolta ed in questi 6 mesi ci siamo trovati ad affrontare momenti paradossali e difficili, complici anche la lentezza burocratica e la totale assenza di fondi per garantire le dovute cure agli animali posti sotto sequestro.

 

La seconda parte del sequestro è avvenuta ad aprile: sono stati identificati e spostati una trentina di animali, di nuovo in condizioni di salute precarie e gravemente denutriti. Un puledro di cavallo di appena pochi giorni di vita è morto tra le braccia dei veterinari di IHP e del Rifugio. Tra gli animali salvati ad aprile ci sono anche due bardotti (incroci sterili tra asina e cavallo) maschi.

 

Pochi giorni fa, invece IRDA è stato di nuovo protagonista con IHP dell’ultima parte del sequestro: altri 50 animali sono stati trasportati verso affidatari sicuri. Ma abbiamo trovato altri 9 animali non presenti in giugno durante le operazioni di cattura ed identificazione. Attualmente sono in stallo temporaneo. Il 26 luglio sono quindi giunti al Rifugio altri 7 animali (6 muli e un asino), portando a 30 il numero di animali di Colleferro accolti dalla nostra Fondazione. Come gli altri arrivati prima di loro, anch’essi erano infestati da parassiti esterni ed interni, erano deboli e, soprattutto, molto spaventati dalle persone. Dai primi di giugno, a quattro membri del nostro staff è stato affidato un programma specifico per riuscire a risolvere questa diffidenza da parte di quasi tutti gli animali di Colleferro: secondo i preziosi insegnamenti del Training centre del Donkey Sanctuary, i ragazzi hanno come obiettivo la conquista della loro fiducia e la disponibilità al contatto fisico, ovviamente nella maniera più rispettosa ed empatica possibile.

 

Le indagini sull’uomo che ha causato tutto ciò sono tuttora in corso, ma è ancora libero di acquisire nuovi animali. Torno quindi a chiedere il vostro sostegno, soprattutto morale: continuate a seguire e a diffondere gli sviluppi di questa vicenda sui nostri Social Media! In casi come questo, l’attenzione pubblica ha un peso fondamentale sulle decisioni delle autorità incaricate.

 

Senza il vostro aiuto e sostegno economico non saremmo mai stati in grado di portar fuori da quella situazione drammatica quasi 200 animali, né, tantomeno, dare la possibilità ai puledri che stanno nascendo ora in tante case italiane – e al Rifugio, come leggerete – di avere ciò che ogni cucciolo merita: le attenzioni di una mamma sana e serena.

 

Un sentito grazie a tutti voi che ci permettete di aiutarli.

 

Barbara Massa

Tags : , , ,