Poesia – Er ddivorzio dda lli libberi cittadini (Il divorzio dai liberi cittadini) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il mag 5, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Avevamo anticipato il mese scorso in Processo, poppolare, per arto tradimmento de lla Costituzzione (Processo, popolare, per alto tradimento della Costituzione) la pubblicazione di questa poesia che oggi andiamo a segnalare, una promessa è una promessa e cerchiamo sempre di mantenerle perchè importante, perchè in questo caso Er ddivorzio dda lli libberi cittadini (Il divorzio dai liberi cittadini) segna la chiusura di un ciclo e chi ci ha seguito in questi mesi, chi ha avuto il piacere di leggere le opere di Cristiano Torricella, le ha gustate, è giusto che sappia…

 

   
“er divorzio dda lli llibberi cittadini” “il divorzio dai liberi cittadini”
   
S’ Io mme vorria candidà, ccò lloro, a ‘lle prossime ellezzioni, a ffà, magara, er sindeco, Se Io volessi candidarmi, con loro, alle prossime elezioni, a fare, magari, il sindaco,
cor, nnovo, Ggran ppartito, lloro, poppollare, a mme, libbero poè, sti libber cittadin, con il, nuovo, Gran partito, loro, popolare, a me, libero poeta, questi liberi cittadini,
(mma quanto libberi, addaver?), sì bbravi e sì addemmocratici, ier, mm’ han chiesto! (ma quanto liberi, davvero?), così bravi e così democratici, ieri, m’ hanno chiesto!
Proprio a mme, sì allergico ar Poter, che, addentro a ‘sti ppartiti, Io, sso’, addavero, pperzo! Proprio a me, così allergico al potere, che, dentro a questi partiti, Io, sono, davvero, perso!
Eppur, j’avria ggià ddetto, ‘n mmijardo de vorte, ormai, ch’ Io, cittadin, sso’ onnesto! Eppur, gli avevo già detto, un miliardo di volte, ormai, che Io, cittadino, sono onesto!
E che, pperciò, ‘n ce so’ ppropio taijato, a coijonà, ‘n ppo’ quello, e qquesto, E che, perciò, non sono proprio tagliato, a prendere in giro, un pò quello ed un pò questo,
come sa ffà, assai bben, er vecchio ppolittico ppartittico, come sa fare, così bene, il vecchio politico partitico,
ccorotto, pparaculo e ddisonnesto! corrotto, “paraculo” e disonesto!
   
E che, addunque, è ppiù mmejio, assai, ppe mme stesso, a llivello poppolare, E che, dunque, è meglio, assai, per me stesso, a livello popolare,
er sonà a chitara, libera-mente poetà, cantà, bbeve er vino e cortivare! suonare la chitarra, libera-mente poetare, cantare, bere vino e coltivare!
E ‘ntanto cche vve pparlo, ‘n campagna, a lli Ccastelli, Rromani, ‘n do sto Io, Ed intanto che vi parlo, in campagna, ai Castelli Romani, dove sto Io,
er Zole stesso, rosseggianno, ll’occhi cchiusi, il Sole stesso, rosseggiando, con gli occhi chiusi,
(pecchè nun vò ppiù vvede ‘sta vvergognosa, e vvile, diatribba, ppolittica, ittagliana) (poiché non vuole più vedere questa vergognosa, e vile, diatriba politica italiana)
se ggetta, a ccapofitto, ggiù ggiù, ddall’orto mmio, ggiù, addentr’ ar mare, si getta, a capofitto, giù giù, dall’orto mio, giù, dentro al mare,
ed Io, libbero cittadin, che scrissi, nner lontan 2012, “2050 – ddisastro nnucleare”, ed Io, libero cittadino, che scrissi, nel lontano anno 2012, il censuratissimo romanzo, intitolato “2050 – disastro nucleare (a Milano)”,
sì ccensurato, come nner 458 A.C., a guisa di nnovel dittator, rrommano, “Cincischiato”, cittadin, come nel 458 A.C., a guisa di novello dittator romano, “Cincischiato”,
spojio dde ggloria, e onnori, me n’ aritorno, mmesto, ar ffreddo ccampo mmio, spoglio, di gloria, e onori, ritorno, mesto, al freddo campo mio, a rifare, di nuovo, l’orto,
a rifà, de nnovo, ll’orto, che, ahimè, ccor ttempo avverzo, ss’è agguastato, che, ahimè, con il tempo avverso (con il cambiamento climatico, in atto) si è rovinato,
ariportando ‘sta nnave, lletteraria, mmia, ffinnarmente de nnovo a casa, ‘n “quieto porto”. riportando questa nave, letteraria, mia, finalmente, di nuovo a casa, in “quieto porto”.
   
Proprio addentro a quer campo llà, tra ll’ammici ollivo, vvisciolo, ffico e mmelograno, Proprio in quel campo là, tra gli amici (alberi) olivo, visciolo, fico e melograno,
‘n mezzo ar campo, ce ‘o trovi, mò, er contadin scriba, a sfacchinà e ssudà, Ccristiano! in mezzo al campo, ce lo trovi, adesso, il contadino scriba, a faticare ed a sudare, Cristiano!
A ppericolo scampato, lle romanesche insegne e l’avito scudo ppoettico, mmio, A pericolo scampato, le romanesche insegne e l’avito scudo, poetico, mio,
dde ddissidente italo scrittor, oggi, infin, ‘n pace, Io, llibero ccontadin, addeppongo! di dissidente italo scrittor, oggi, infin, in pace, Io, libero contadino, depongo.
Abbasta parlà dde tutto e gnente, da lle tellevision, o ppolittici ppartiti! Basta parlare di tutto e niente, dalle televisioni, o politici partiti!
“Mmò, o ffate lli fatti, oppur, tutti, a casa, annate!”: – cciò cchiede ll’italo poppolo, scusate! “Adesso, o fate i fatti, oppure, tutti, a casa, andate!” – questo chiede l’italo popolo, scusate!
Vano richiamo, è, ormai, ppe’ mmme, llo chiamarmi, ancor, a sservir, sscrivenno, Vano richiamo, è, ormai, per me, il chiamarmi, ancor, a servir, il popolino mio,
lo popppolino mmio, dde vittorie, vvendette e dde ppatibboli, sì bbramoso e mmai domo! di vittorie, di vendette e di patiboli, così bramoso e mai domo!
Addio, polittica! Arritorno, libbero contadin! Arritorno, llibbero, e spirritual, libbero omo! Addio, politica! Ritorno libero contadino! Ritorno, libero, e spirituale, libero uomo!
L’italo poppolo mmio, allor, vessato e vinto, raggiunto ha, ormai, oggi, er Parlammento! L’italo popolo mio, a suo tempo, vessato e vinto, raggiunto ha, ormai, oggi, il Parlamento!
E cce sse siede, ggià, oggi, che nun ‘ vedi?, llì, lladdentro! E si siede, già, oggi – che non lo vedi? – lì, là dentro!
O libberi cittadin, ffateme, pperciò, a mme, rommanesco poè, O liberi cittadini, fatemi, perciò, a me, romanesco poeta,
scioije ‘sto voto, e ‘sto mannato! sciogliere questo voto, e questo mandato!
   
E aritornà, libbero, a scrive, addenovo, ciò che ppiù mme pare, e ppiace, spenzierato! E ritornare, libero, a scrivere ciò che più mi pare e piace, di nuovo, spensierato!
Ciò che ddovevo fà, ppè vvoi, dar 2011, ‘n poi, dd’empegno ccivil, ll’ho ddetto e ffatto! Ciò che dovevo fare, per voi, dal 2011, in poi, d’impegno civil, l’ho detto e fatto!
E mmo’, lassateme annà, che er ggioco ss’è ffatto ppesante, ed Io, mme so’ rotto! Ed adesso, lasciatemi andare, perchè il gioco si è fatto pesante ed Io, “mi sono rotto” (le scatole)!
Lassate libbero, dder tutto, dde grazzia, ar capo-rion de Monti, tutto er ppassaggio! Lasciate libero, del tutto, di grazia, al capo-rione del rione Monti, tutto il passaggio!
C’avemo da trattorà ‘a tera, ar campo, mmio, a metà dde pprimmavera, a mmaggio! Abbiamo da arare la terra, al campo mio, a metà primavera, nel mese di maggio!
Madre Natura mme chiama, ed Io, fforte, arrisponno! Madre Natura mi chiama, ed Io, forte, rispondo
Parlerò, addunque, Io, mmò, ‘n pace, co’ lli fior, co’ ll’arbusti mmia e ccor susino, Parlerò, dunque, Io, ora, con i fior, con gli arbusti miei e con il susino,
e scriverò er mio, novo, libbron, dd’agricoltura natural, “Io, libbero contadino”? e scriverò il mio, nuovo, libbrone, d’agricoltura naturale, “Io, libbero contadino”!
Sine o none? E cchi ‘o sa, e cchi può dillo? Sì o no? E chi lo sa? Chi può dirlo?
‘E stesse nnuvole, a mme, me chiameno: “a Cristià, a Cristià, ssei pronto?…..” Le stesse nuvole, mi chiamano: “Cristiano, Cristiano, sei pronto?…..”
   
L’anima mmia, chiara e fforte, “sì, nnuvole!”, così, issa, stessa, j’arisponne! L’anima mia, chiara e forte, “sì, nuvole!”, così, essa, stessa, gli risponde!
E ppuro er bboschivo vvento, fforte, ssu ddar mare, ssoffia, ssmovenno, ora, cco’ vviolenza, ffronne! E pure il boschivo vento, forte, su dal mare, soffia, smuovendo, ora, con violenza, le fronde!
Stà pp’ arivà ll’acqua! A contadì, ssmetti dde battaijà, e mmettite, mò, ar rriparo! Sta per arrivare l’acqua! O contadino, smetti di battagliare, e mettiti al riparo!
Perdonate, addunque, o libberi cittadin, er mio Gran Rifiuto, ar dorato Poter, a ppartecipare! Perdonate, dunque, o liberi cittadini, il mio Gran Rifiuto, al dorato Poter, a partecipare!
   
A mme, stà così, libbero, cco lli piedi a tera, tra nnuvole e vvento, sì meijo, assai, mme pare! Stare così, libero, con i piedi per terra, tra nuvole e vento, meglio, assai, mi pare!
E ppoi, ci hanno bbisogno, ppropio dde mme – nne ‘e senti cchiamà? – tutte ste’ piante! E poi, hanno bisogno, proprio di me – non le senti che mi chiamano? – tutte queste piante!
Addunque, ar poter, a lla ggloria et a ll’onnori, Io, libbero poeta contadin, Dunque, al potere, alla gloria ed agli onori, Io, libero poeta contadino,
cchioso qqui, ppe’ gnente, ambisco! chioso qui, per niente, ambisco!
   
E l”’esser me stesso, all’aver”, Io, qqui, dde mmio pugno, addichiaro, E “l’esser me stesso, all’aver”, Io, qui, di mio pugno, dichiaro,
e qqui, libbera-mmente, ‘o sottoscrivo, e ll’addico, qqui confermanno, e qui, libera-mente, lo sottoscrivo, e lo dico, qui, confermandolo,
Io, assai, prefferisco! Io, assai, lo preferisco!
   
Tags : , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>