Poesia: Mille pè mille, dd’esclusi (Mille per mille, di esclusi) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il mar 3, 2013 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Al contrario dell’usuale, generalmente scrivo prima da un’altra parte l’introduzione e poi la ricopio, questa volta faccio un’eccezione perchè leggendo i versi di Mille pè mille, dd’esclusi (Mille per mille, di esclusi) di Cristiano Torricella mi è tornato alla mente quello che scrissi tempo fa in occasione di un testo di canzone – Sveglia ragazzi – Eugenio Finardi – e il motivo è semplice, mi è venuta voglia di gridare Basta!

Basta escludere chi merita. Basta far andar avanti chi non merita. Basta pensare in maniera uniforme e uniformata…viva il libero pensiero!

 

   
Mille pè mille, dd’esclusi Mille per mille, di esclusi
   
Dd’artisti, dde ttalento, semo pieni, Di artisti di talento, siamo pieni,
a questuà elemmosine, che chiedono l’elemosina,
sotto ‘a mmetroppolitana, dde Vittorio, sotto alla metropolitana, alla fermata metro di “Piazza Vittorio”,
a bussà a qquattrini. che ci chiedono soldi.
   
Ch’ avemo dda fà, addunque, Che dobbiamo farci, dunque,
cccò tutto sto mmerito, con tutto questo merito,
ch’annisciuno, oggi, più, vole? che, oggi, nessuno vuole più?
   
Ce n’avvemo mille pè mille, in Italia, oggi, Ne abbiamo mille per mille, (cioè un milione, di persone),
eppur, in tivù, ggiornali e rradio, eppure, in tivù, giornali e radio,
aritrovamo, sempre, qui, da trent’anni circa, ritroviamo, sempre, qui, da trent’anni, circa,
in Itaglia, er solito, politico, sommaro, ch’arto, raaaglia! in Itaglia, il solito, politico, somaro, che, con voce alta, e forte, raglia!
   
Ce l’ha messo, lì, er ciuco, apposta, er Gran Partito Lo ha messo, lì, il ciuco, apposta, il Gran Partito
   
Che je serva, de lezzione, a tutti quanti! Che serva, di lezione, a tutti quanti!
Non ze pò essere artisti libberi, ce ‘o sai Non si può essere artisti liberi, lo sai!
Se tu voi fà qquarcosa, hai da dà er voto! Se vuoi fare qualcosa, devi votarci!
Cor zolo mmerito, se sa, nun ze va avanti! Con il solo merito, si sa, non si va avanti!
   
Addeguate, puro tu, e fà come fanno l’artri! Adeguati, anche tu, e fai come fanno tutti gli altri!
Noi famo cantà, er ciuco, pure si ‘n cià ffiato! Noi lo facciamo cantare, l’asino, anche se non ha fiato!
‘O famo addiventà ppotente, fammoso, arispettato! Lo facciamo diventare potente, famoso e rispettato!
Ciuco che rajia, è, ma, assai, stimato! Asino che raglia, è, ma, assai, stimato!
   
E je famo fà, a lui, che ‘n za scrive, puro er poeta! E gli facciamo fare, a lui, che non sa, per nulla, scrivere, anche il poeta!
Ma dimme, te, se nun zemo bbravi! Dimmi, ora, se noi non siamo bravi!
Cchi, mmejo de nno, tte pò aiutà, o ppoeta? Chi, meglio di noi, può aiutarti, o poeta?
   
Tanto, oggi, cche ce capisce, ppiù,’sta pora ggente? Tanto, oggi, cosa vuoi che ci capisca, più, questa povera gente?
   
Sol servi der ppotere, sete! Solo servi del Potere, siete!
E, addunque, a nnoi, mmò, onnesti cittadin, orsù, sservite! E, dunque, a noi, onesti cittadini, ora, orsù, servite!
   
Ttanto, oggi, oramai, conta dde ppiù a ppolitica, ch’er ttalento! Tanto, oggi, ormai, conta di più la politica, che il talento!
Accussì, ‘a oscuri, emmarginnati ed emmigranti, Così, ad oscuri, emarginati ed emigranti,
hanno aridotto ‘n poppolo, hanno ridotto un intero popolo,
dde ppoeti, ggeni, mmusici e ccantanti, di poeti, geni, musicisti e cantanti,
ttutti, addefori, oggi, dda ‘sto circo, dde ll’incuria, tutti esclusi, oggi, da questo circo, dell’incuria,
mendiche menti libbere, e pori scienziati, resi pazzi, mendicanti menti libere, e poveri
dal Poter, senza ppiù, possibil, ccura! scienziati, resi pazzi, dal Poter, senza più, possibil, cura!
   
Vil ccirco mmediatico, strano, ccosì bborioso, sservil, Vile circo mediatico, strano, infido e vano, così borioso, servile, infido
così ppien, di se stesso, comm’è, e vano, così pieno, di se stesso, com’ Egli è,
e pien, perzin, de “Granne ppaura”! e pieno, persino, di “Grande Paura”!
Nun ce sta ppiù speranza, ormai, a ‘st’incurtura? Non c’è più speranza, dunque, a tutta questa “incultura”?
Cche cce voi fa? …. aribellate! Che ci vuoi fare? Ribellati!
   
Abbasta portà pazienza, ed abbozzà, o mia Roma! Basta portare pazienza, ed “abbozzare”, o mia Roma!
Nun c’è giustizzia, ppiù, ppè nnoantri, che ssia bbona! Non c’è più giustizia, per “noi altri”, del popolo, che sia “buona” (a noi favorevole).
   
Mille pè mille, oggi, dd’artisti, eccersi, nnoi, c’avemo! Abbiamo un milione di artisti, eccelsi, oggi!
Eppur, dde li nostri, der poppolo, ammanco uno! Eppure, dei nostri artisti, del popolo, nemmeno uno!
   
E qqui, co’ ‘ste raccomannazzion, polittiche, E qui, con queste raccomandazioni, politiche,
e cco’ ‘sta coruzzion, dde lli costumi, dde nnostri, e con questa corruzione, libberi, artisti, dei costumi, di nostri, liberi, artisti,
‘n ze nne vede, ‘n giro, ammanco uno! non se ne vede, in giro, neanche, uno!
   
Bhè, uno, ancor, fforze, ce stà: sò io, cch’anniscosto, scrivo! Bhè, forse, ancora, uno c’é: sono io che, di nascosto, scrivo.
   
E così, dar Poter, vvinto e ssolo, ammarammente, E così, dal Potere, vinto e solo, amamente,
cchioso: “Viva ‘a libbertà dd’espression! Viva L’Itaglia!” concludo: “viva la libertà d’espressione, viva l’Itaglia!”
   
Sonano ‘a ‘a porta, mmia: “cchi è?” – “ggendarmi dde ccenzura” Suonano alla mia porta: “chi è?” “siamo i gendarmi della censura”
Famme, apperciò, addistrugge, ssverto, sto fojo, mmio, dde ‘sta.mmia, nnova, ineddita, ppoesia! Fatemi, perciò, distruggere, in fretta, questo foglio, mio, di questa mia, nuova, ed inedita, poesia!
   
E vvoi, manime, asbrighete! E voi, mie stesse mani, sbrigatevi!,
Et abbuttetela, sì leste, vvia! Buttatela, lestamente, via! (questa poesia)!
   
Tags : , , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>