Foto – Una giornata di sole in inverno e sul mare

(1 commento) | Commenta | Inserito il dic 31, 2012 in 6 - Tempo libero, Blog, Tempo libero e Hobby

Ebbene sì, ne ho approfittato! E’ nato tutto per caso, da un giro non previsto ma che mi ha reso contento, mi ha fatto rilassare e mi ha dato l’opportunità di ammirare uno spettacolo – la natura è sempre uno spettacolo – che quasi sempre è sotto i miei occhi, così tanto che a volte non ci faccio caso. Questa volta però è stato diverso, mi son fermato, ho trattenuto il fiato e click! Sono nate queste foto.

Trenta dicembre 2012 ore 10:30 del mattino, il mare è un’emozione continua e nonostante il vento e il freddo, mi ha lasciato senza parole.

Queste foto le condivido volentieri e spero siano venute bene nella loro semplicità.

Altre sono qui: Foto – mare – 20/12/2012 (link), un piccolo album che mi ricorderà sempre questa giornata.

Sole e mare

Senza titolo-2

Tags : , , , ,

 

Auguri di Buon Natale 2012!

(5 commenti) | Commenta | Inserito il dic 25, 2012 in Blog, Comoda-mente

Il gran giorno è arrivato,
Gesù Bambino è tornato!

La grotta di Betlemme è illuminata,
da una stella cometa che brilla fatata,
intorno ci son le pecorelle
che scaldano il cuore, son come le stelle!

I pastorelli son lì ad ammirare,
la Pace nel mondo, universale.

Nelle case intorno risuonan canti,
di gioia, amore, per tutti quanti.

Babbo Natale ha fatto il giro,
s’è calato da ogni camino,
ha portato nel domestico focolare
doni immensi da scartare!

Di bianco e rosso è vestito,
e colorato è il suo invito…

Orsù dunque cominciamo
a ballar e danzare dovunque siamo!

“E’ Natale! E’ Natale!”
è il grido che si sente
e che sale,
dalle strade fin su ai tett(i),
nella rete e in internet!

Tanti Auguri di Buon Natale a tuttiiii!

:)

auguri1

Tags : , , ,

 

Poesia – Il Mago di Natale di Gianni Rodari

(0 commenti) | Commenta | Inserito il dic 23, 2012 in Blog, In Libreria, Poesie della domenica

Eh sì! Ci siamo quasi, mancano due giorni al giorno più atteso dell’anno e chi più, chi meno, è pronto a festeggiare e prepara l’albero, il presepe, addobba casa di rosso con ghirlande, palline, angioletti e aspetto lui: Babbo Natale!

Che sia vero e sia di plastica, l’albero è il simbolo che compare e con i festoni e le luci ci si sbizzarrisce per respirare ancor di più questa atmosfera magica che fa capolino.

In occasione dell’arrivo delle feste, abbiam pensato a Gianni Rodari e alla sua poesia Il Mago di Natale per cominciare a pensare al Natale.

 

Il Mago di Natale

di Gianni Rodari

 

S’io fossi il mago di Natale
farei spuntare un albero di Natale
in ogni casa, in ogni appartamento
dalle piastrelle del pavimento,
ma non l’alberello finto,
di plastica, dipinto
che vendono adesso all’Upim:
un vero abete, un pino di montagna,
con un po’ di vento vero
impigliato tra i rami,
che mandi profumo di resina
in tutte le camere,
e sui rami i magici frutti: regali per tutti.

Poi con la mia bacchetta me ne andrei a fare magie
per tutte le vie.

In via Nazionale
farei crescere un albero di Natale
carico di bambole
d’ogni qualità,
che chiudono gli occhi
e chiamano papà,
camminano da sole,
ballano il rock an’ roll
e fanno le capriole.
Chi le vuole, le prende:
gratis, s’intende.

In piazza San Cosimato
faccio crescere l’albero
del cioccolato;
in via del Tritone
l’albero del panettone
in viale Buozzi
l’albero dei maritozzi,
e in largo di Santa Susanna
quello dei maritozzi con la panna.

Continuiamo la passeggiata?
La magia è appena cominciata:
dobbiamo scegliere il posto
all’albero dei trenini:
va bene piazza Mazzini?
Quello degli aeroplani
lo faccio in via dei Campani.
Ogni strada avrà un albero speciale
e il giorno di Natale
i bimbi faranno
il giro di Roma
a prendersi quel che vorranno.

Per ogni giocattolo
colto dal suo ramo
ne spunterà un altro
dello stesso modello
o anche più bello.

Per i grandi invece ci sarà
magari in via Condotti
l’albero delle scarpe e dei cappotti.
Tutto questo farei se fossi un mago.
Però non lo sono
che posso fare?
Non ho che auguri da regalare:
di auguri ne ho tanti,
scegliete quelli che volete,
prendeteli tutti quanti.

Tags : , , , ,

 

Cortometraggio – Il ladro del tempo di Ila Bêka

(1 commento) | Commenta | Inserito il dic 17, 2012 in Blog, Cortometraggi

Come accennato nella presentazione della nostra nuova categoria: Cortometarggi, eccoci qui a presentare il prima di una lunga serie di film in miniatura.

Il ladro del tempo di Ila Bêka è un cortometraggio realizzato nel 2002 e vincitore di diversi premi.

Il ladro del tempo “ruba” in trenta secondi il bene più prezioso che noi abbiamo: il nostro tempo. Una volta rubato il tempo non torna più indietro e nessuno può ridarcelo, è andato.

Il “furto” avviene grazie a un timer truccato (in alto a sinistra nel video), sfasato rispetto al normale di pochi decimi che alla fine diventano ben cinque secondi!

Il filmato complessivamente dura due minuti e il “ladro” alla fine è ricco, ricchissimo.

Trenta secondi per ricordare quanto è prezioso il tempo quando è passato.

 

 

Informazioni:

Soggetto: Ila Bêka
Montaggio: Ila Bêka
Durata: 2′
Nazionalità: Italia – Francia
Anno di produzione: 2002
Formato: miniDV

Tags : , , , ,

 

Nuova categoria: Cortometraggi

(0 commenti) | Commenta | Inserito il dic 16, 2012 in Blog, Cortometraggi

Piccoli e grandi film concentrati in poco tempo, per qualcuno di essi si parla addirittura di secondi, che raccontano una storia, un’idea, un breve dialogo o scene di vita quotidiana e non, in una sola parola: cortometraggi.

A partire da oggi anche il blog dedica loro una categoria, per dar aria, farli conoscere e ammirare in tutta la loro intensità.

I cortometraggi sono divertenti, toccanti, sconvolgenti o divertenti, non c’è un unico termine per descriverli perchè tutti indistintamente hanno qualcosa di unico, di non catalogato o uniformato alla massa, a un determinato modo di fare film con trame preimpostate o storie già sentite da qualche altre parte.

Sono originali e offrono un intrattenimento diverso rispetto a quello che solitamente si è abituati a vedere.
Sono una forma d’arte, magari di arte in miniatura, ed è proprio per questo che vanno apprezzati. Non sono facili da realizzare, anche qui la tecnica è importante anzi, forse di più, perché durano meno di un film ma allo stesso tempo devono dire qualcosa.

E allora via ai cortometraggi! Ne segnaleremo tanti d’ora in poi.

Nel prossimo articolo partiamo, per il momento diciamo tutti insieme: Viva questi film in miniatura! :)

Tags : , , ,