Poesia – A li ggiardini de’ Frascati! (Ai giardini di Frascati) di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il ago 12, 2012 in Blog, Cristiano Torricella, Poesie della domenica

Tratta dall’ultimo libro pubblicato di Cristiano Torricella e intitolato “Poesie e testi di canzoni in dialetto romanesco dai Castelli Romani“, questa poesia è un po’ diversa dalle altre che abbiamo pubblicato in questi mesi all’interno della nostra rubrica Poesie della domenica perchè in realtà si tratta di una poesia-prosa tragico-umoristica in cui l’autore narra una vicenda realmente accaduta.

 

A li ggiardini de’ Frascati!

di Cristiano Torricella

 

Sò ito, a Frascati,
ieri l’artro, er due de ggiugno,
a ffà er mio primo “reading letterario”
spenzierato, dda local ppoeta,
a le ffamose Scuderie Ardobbrandini,
e mme faceva ride, a penzacce, oggi,
er fatto, vero!, che nell’anni ’90,
qqui, proprio su ‘sta storica piazza,
n’dò se fermeno li pullmanns der COTRAL,
coll’artri operai, proprio llì,
a mettece, c’ero anch’io, li ffiorellini,
proprio in quell’aiola, che ttu vvedi,
oggi, n’ fiore,
annando, poi, cor decespujatore,
a decespujà, ‘n tuta, mezza Frascati!

“a giardiniè!” – m’addomannò uno der luogo,
assai ccurioso, “ma ‘sti fiori chi li paga,
noi o er Commune?”

“scusi, ma che ne so?!” – j’arisponnevo io,
giardinier precario – “io nun sò fisso qqui,
magari ‘o fossi!, io sò pagato a orario!”.

“ah, ho ccapito!
Tu nun lavori fisso, qqui,
tu sii “munello”!”
(regazzetto de bbottega)
- m’arisponneva, soridenno, quello –
“che ppeccato, pperò!”
- aggiungeva – “er verde de Frascati,
ce ‘o sai, è ccosì bbello!”

“pijateme a llavorà qqui, allora”
– j’arisponnevo io –
“questo, de fà li ggiardinetti,
‘o sa? è “er mmestiere mmio!” “.

Ma lassù, dar terzo ciel, ereno, me sa, de parer
ccontrario, e, s’una bbianca nuvoletta, appollaiato,
er Bon Padre Cosmico predisponneva,
pe’ mmè, n’ guaio, e chiamanno, seco,
er fedele servo suo, Zan Pietro, accussì Ej ddecideva,
esprimenosse, ‘n rrional, dialetto, rromanesco:
“e nno, nun ze ppiù annà avanti, qqui,
n’ Paradiso, a ‘sta maniera!
Er poeta manca, er poeta c’è, er poeta nun c’era!
Ce vò ‘n poeta fisso, qqui, mma cche mmaniere!
Ma a cchi, mmò, m’arivorgo?
Eh, guardà dabbasso, Zan Piè, uno der volgo!
quello vva bbè? Ama ‘e rose? Ffuma? E’ ttranquillo?
Forza, ppijamolo, è ora dde finilla!
Qqui, ddovemo, da fà, stavorta, assai, ddiverzamente!
Scaduto er contratto suo, basta faje decespujà, a qquesto,
che nun è ccerto er destino suo,
quello de decespujà, de brutto, proprio pe’ gnente!
Artro che ggiardinà, dentro ar communal cimmitero,
ad aiutà er becchino, a scaricà e’ casse da
mmorto, er giardiniero!
Questo qqui, a Zan Piè,
mò, nnoi due, o’ famo addiventà,
addirittura, ppoeta eccelzo!
Questo, a mme me par, è er destino ssuo,
e mmò, daje, a Zan Piè,
damoce dentro!”.

“Va bhe! – disse l’arrennevole
Zan Pietro – come vvoi volete, Ssiggnoria!
damoje, mò, ‘n pò de piaghe e de gguai, a llui,
così, ppoi, ddopo,
a Vvoi, sicuramente,
isso, s’araccomanneria!”.

E ffu ccosì che m’ammalai,
de bbrutto, e che me venne, pure, fforte!, l’alergia,
e che nun potetti lavorà ppiù,
pè tanti anni,
che dentro ar ggiardinetto mio,
e, ccome tu vvedi, qqui, in breve, o lettor mio,
su ‘sta tera, de lacrime e dde ssangue:
“nun se move foja, o ggiardiniè mmio,
che nun lo voja Iddio!”.

 

Ai giardini di Frascati!

(traduzione in italiano, a cura dell’autore)

 

Sono andato a Frascati,
ieri l’altro, il due di giugno,
a fare il mio primo “reading letterario”
spensierato, da poeta locale,
alle famose Scuderie Aldobrandini,
e mi faceva ridere, a pensarci, oggi,
il fatto, vero!, che negli anni ’90,
qui, proprio su questa storica piazza,
dove si fermano i pullmann del COTRAL,
con gli altri operai, proprio lì,
a trapiantare, c’ero anch’io, i fiorellini,
proprio in quell’aiuola, che tu vedi,
oggi, in fiore,
andando, poi, con il decespugliatore,
a decespugliare, in tuta, mezza Frascati!

“giardiniere!” – mi chiese uno del luogo,
assai curioso, “ma questi fiori chi li paga,
noi o il Comune?”

“scusi, non lo so !” – gli rispondevo io,
giardinier precario – “io non lavoro, fisso, qui!
magari lo fossi, sono pagato ad orario!”.

“ah, ho capito!
Tu non lavori fisso, qui,
tu sei “munello”!” (ragazzo di bottega)
- mi rispondeva, sorridendo, quello –
“che peccato, però!” – aggiungeva -
“il verde de Frascati,
tu, sicuramente, lo sai, è così bello!”

“prendetemi a lavorare qui, allora”
– gli rispondevo io –
“questo, di far giardini, lo sa?
è “il mestiere mio!” “.

Ma lassù, dal terzo cielo, erano, mi sa,
di parer contrario, e, s’una bianca nuvoletta,
appollaiato, il Buon Padre Cosmico predisponeva,
per me, un guaio, e chiamando, con sé,
il fedele servo suo, Zan Pietro,
così Egli decideva, esprimendosi, in rionale dialetto,
romanesco: “e no! non si può più andare
avanti, qui, in Paradiso, in questa maniera!
Il poeta manca, il poeta c’è, il poeta non c’era!
Ci vuole un poeta fisso, qui, ma che maniere!
Ma a chi, adesso, mi rivolgo?
Eh, guardà in basso, Zan Piè, c’è uno del volgo!
Quello va bene? Ama le rose? Fuma? E’ tranquillo?
Forza, pigliamolo, è ora di farla finita!
Qui dobbiamo fare, stavolta, assai diversamente!
Scaduto il suo contratto, basta fargli decespugliare,
a questo, che non è certo il destino suo,
quello di decespugliare tanto, proprio per niente!
Altro che fare il giardiniere, dentro al cimitero
comunale, ad aiutare il becchino,
a scaricare le casse da morto, il giardiniere!
Questo qui, Zan Piè, adesso, noi due, lo facciamo diventare,
addirittura, un poeta eccelso!
Questo, a me pare, è il suo destino,
ed adesso, dai, Zan Piè, diamoci da fare!”.

“Va beh! – disse l’arrendevole Zan Pietro – come voi volete, Signoria!
Diamogli, adesso, un pò di piaghe e di guai, a lui,
così, poi, dopo, a Voi, sicuramente, si raccomanderà!”.

E fu così che m’ammalai,
seriamente, e che mi venne, pure, forte!,
l’allergia, e che non potetti lavorare più,
per tanti anni, che dentro al giardinetto mio,
e, come tu vedi, qui, in breve, o lettor mio,
su questa grassa terra, di lacrime e di sangue,
sulla quale viviamo: “non si muove foglia,
o giardiniere mio, che non lo voglia Iddio!”.

 

Tags : , , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>