Libri – Le pubblicazioni di Cristiano Torricella

(0 commenti) | Commenta | Inserito il lug 31, 2012 in Blog, Cristiano Torricella, In Libreria

Dopo aver raccolto materiale a sufficienza, pubblicato in questi mesi poesie (vedi categoria Cristiano Torricella) e aspettato che il quadro fosse completo con la pubblicazione dei libri sia in formato cartaceo che in formato digitale – file .pdf – segnalo oggi la possibilità di acquistare, per vero piacere di lettura libera, proprio come piace a me, i tre lavori che lo scrittore-poeta Cristiano Torricella ha messo a disposizione di tutti noi.

I libri hanno visto la luce da un paio di mesi e regalano, oltre che il piacere della lettura, degli squarci di un tempo ormai andato e vissuto dall’autore, pensieri, immagini ed emozioni… Mi riferisco a due di questi tre lavori in particolare, ossia Poesie in dialetto romanesco di fine ’900 del Rione Monti di Roma e Poesie e testi di canzoni in dialetto romanesco dai Castelli Romani. Il terzo libro invece 2050. Disastro nucleare a Milano tratta un argomento diverso: parla dell’uomo, della sua stupidità nell’interpretare la tecnologia e voler, a volte, superare persino Dio e Madre Natura…il disastro in questo caso è assicurato!

I libri sono disponibili nelle maggiori librerie online e, naturalmente, sul sito della casa editrice Simple a questo indirizzo: Cristiano Torricella, dal quale estraggo per ognuno di essi la sinossi e la copertina.

 

2050. Disastro nucleare a Milano

“2050. Disastro nucleare a Milano” è il romanzo territoriale locale, made in Italy, che narra la cecità e la stupidità dell’uomo tecnologico moderno ed i disastri da lui provocati, quando Egli si mette in testa di superare, con la sua imperfetta tecnologia atomica, in modo del tutto irragionevole, persino Dio e Madre Natura, provocando, così, immani disastri, e soprattutto, “Grande Paura!”.

Edizione cartacea – brossura a 15,00 euro
Edizione digitale – pdf a 6,99 euro

 

Poesie in dialetto romanesco di fine ’900 del Rione Monti di Roma

Dalla Torre del Capocci alla basilica di san Martino al Monti, dal campetto della Polveriera al Colosseo ed a Colle Oppio, dal Museo Nazionale d’Arte Orientale a tutto lo storico Rione Monti e dintorni, un formidabile atto d’amore verso la città di Roma e verso il Rione Monti ed i suoi antichi e moderni abitanti è questo libro, una novità editoriale assoluta, nel panorama italiano e mondiale.

Edizione cartacea – brossura a 9,00 euro
Edizione digitale – pdf a 3,99 euro

 

Poesie e testi di canzoni in dialetto romanesco dai Castelli Romani

È raccolta, in questo libro, una piccolissima parte della vasta ed originale produzione poetica, teatrale e musicale, prodotta dall’autore, dal 1994 ad oggi, ai Castelli Romani. Dall’autore di “Poesie in dialetto romanesco di fine ’900 del Rione Monti di Roma” e di “2050-disastro nucleare a Milano”.

Edizione cartacea – brossura a 9,00 euro
Edizione digitale – pdf a 3,99 euro

Buona lettura!

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , , , ,

 

Poesia: Momenti di un’estate I di Fernando Pessoa

(0 commenti) | Commenta | Inserito il lug 29, 2012 in Blog, Poesie della domenica

Piccola premessa: inutile, non son stare fermo e “sperimentare” è una cosa che mi piace tanto perchè permette di scoprire quello che fino ad un certo momento si conosce solo teoricamente e non protaicamente, risultato ignoto, a volte ignorato. Ne approfitto oggi con la pubblicazione di questo articolo che se tutto va come deve andare apparirà sul blog alle ore 17:00 di questa ultima domenica di luglio.

Ok, sto divagando perchè lo spazio è dedicato alla poesia e alla nostra rubrica La poesia della domenica.

 

Veniamo a noi. Oggi presento una poesia che fin dalla prima lettura mi ha toccato nel cuore, una poesia del grande Fernando Pessoa (1888 – 1935), poeta e scrittore portoghese, e tra i miei preferiti per la sua capacità di catturare l’attimo, descriverlo e raccontare situazioni – immaginarie e non – con parole ricercate, raffinate, dure e delicate allo stesso tempo.

Siamo in estate e per rimanere in tema la poesia è la prima parte di una “trilogia di momenti” infatti si intitola Momenti di un’estate I. Le altre? Arriveranno con il tempo, di questo sono sicuro.

La poesia è contenuta nella raccolta Il violinista pazzo di Fernando Pessoa, pubblicata da Passigli editore e tradotta in italiano da Amina di Munno.

 

Momenti di un’estate I

di

Fernando Pessoa

 

Il cielo è blu, e gaia l’erba verde.
I miei occhi tristi blandiscono l’estraneo scenario.

Oh, potesse il mio cuore prendervi parte
e non sentire la dolorosa sensazione della vita che fugge!

Non ho dimora, né ore che mi preservino dal dolore.
Dolci brezze, accorrete alla mia mente!

Grande fiume, così calmo e vero,
insegnami ad andare incontro alla vita come te!

Io non ho tregue, i miei fiori sono appassiti.
Cos’era quel cercare che la mia volontà ha eluso?

Non m’importa neppure ciò che desidero.
Il mio cuore è ricco e il mio amore povero.

Oh, giorno dorato, penetra in me
e irradia la mia anima con la gioiosa luce del sole!

Lascia che io sia soltanto una finestra
attraverso cui tu passi con un chiaro, tiepido non-dolore.

Svengo e tremo nel sentire avvicinarsi la vita.
O fiume che scorri, dov’è la mia casa?

O liete ore che i prati consumano,
fresche piogge estive! O mia disperazione!

O felici orizzonti! O allegre colline!
Quale dolore imprigionano i miei struggenti desideri?

Cosa c’è tra me e me stesso?
Che cosa avrebbe dovuto essere perché così non fosse?

La mia vita non-dolore sarà
che una spiaggia solitaria colpita dal mare!

Quale fato, quale potere dell’oscura disperazione
fa sentire ogni ora allegra come se non lo fosse?

Oh, per un po’ di riposo! Dammi una dimora,
una speranza, un nido per non smarrirmi!

In qualche luogo nella vita deve pur esserci
qualcosa che non sia lotta ad aspettarmi.

Guidami fin lì, o giorno felice!
Lascia che il mio cuore sopporti la tua dipartita!

Sveglia in me le speranze almeno, anche se false.
Il mio spirito cerca a tentoni le mura di una prigione.

Lieve mormorio di ruscelli, dolce sposa dell’estate –
perché ho fatto di sogni la mia unica vita?

Da Il violinista pazzo di Fernando Pessoa, editore Passigli, pagine 71-74

Tags : , , , , ,

 

Libera-mente.net blog: 2007 – 2012, auguri!

(5 commenti) | Commenta | Inserito il lug 26, 2012 in Blog, Comoda-mente

E’ incredibile! A pochi giorni di distanza, il 16 luglio abbiamo festeggiato i sei anni del forum, ritorno con immensa gioia per un anniversario davvero significativo che riempie il mio cuore di gioia infinita perchè sono trascorsi cinque anni dalla nascita del blog di Libera-mente.net!

Il mese di luglio è tra i miei/nostri preferiti, si vede? Generalmente ci concentriamo per migliorare e quando tutti vanno in vacanza noi lavoriamo! ;)

Orsù dunque, tutti insieme, prendiamo fiato e soffiamo sulla quinta candelina sulla torta! I regali stanno arrivando e anche i festeggiati, unisciti a noi! :)

Tanti tanti auguri Libera-mente.net Blog!

Tags : , , , ,

 

Collana – Short Stories 2012 di Repubblica e L’Espresso

(0 commenti) | Commenta | Inserito il lug 22, 2012 in Blog, In Libreria

Alcuni giorni fa ho presentato un’iniziativa molto interessante realizzata da Repubblica e L’espresso che permette la scoperta di autori e libri di genere noir. Mondo Noir. Ora, con estrema felicità, torno a parlare di un’altra raccolta di grandissimi autori che oltre a regalare il piacere per la lettura permette anche di gustarsi il libro in lingua originale.

Tornano le Short Stories 2012 di Repubblica e L’Espresso. Una collana particolare perchè i libri presentati son divisi in due grazie: testo originale e versione tradotta in italiano a fronte.

L’iniziativa è cominciata il 20 luglio infatti il primo numero, Winter Dreams (Sogni d’inverno) di Francis Scott Fitzgerald è già in edicola e continuerà fino al 5 ottobre.

Tutte le Short Stories sono accompagnate da un file audio, scaricabile dal sito dedicato alla collana – Short-stories.it – dove tra le varie novità è possibile reperire non solo la versione in ebook del libro ma anche i file audio, fino a questo momento introvabili, di tutte le serie precedenti, dal 2008 ad oggi, fantastico!

Qui di seguito riporto la presentazione tratta dal sito Short-Stories.it e il piano dell’opera.

Short Stories è una raccolta di racconti di grandi autori in lingua originale – da James Joyce a Virginia Woolf, da Edgar Allan Poe a Joseph Conrad – con testo italiano a fronte e note linguistiche.

 

Uno strumento per riscoprire alcuni grandi capolavori della letteratura inglese e americana e migliorare la conoscenza della lingua inglese. I testi, in lingua originale con italiano a fronte, sono corredati da una serie di glosse linguistico/grammaticali, che accompagnano nella comprensione dell’inglese e del contesto culturale.

 

Per tutti i volumi (dal 2008 al 2012) sono disponibili anche lo streaming o il download gratuito dell’audio in lingua originale, per poter “rinfrescare” il proprio inglese leggendo il testo e ascoltando il racconto.

 

Sin dalla prima edizione la collana Short Stories ha raccolto uno straordinario successo editoriale, che ha conquistato centinaia di migliaia di lettori.

 

Dal 2012 Short Stories è anche in versione ebook, con la possibilità di ascoltare i testi in italiano e in inglese.

Piano dell’opera

20/07/2012 Francis Scott Fitzgerald: Winter Dreams (Sogni d’inverno)
27/07/2012 James Joyce: Counterparts – A mother (Una madre)
03/08/2012 Katherine Mansfield: The Daughters of the Late Colonel (Le figlie del defunto Colonnello)
10/08/2012 Joseph Conrad: Amy Foster
17/08/2012 Henry James: Mrs Medwin (La signora Medwin)
24/08/2012 Virginia Woolf: The Mark on the Wall – Kew Gardens – Haunted House (Il segno sul muro – Kew Gardens – Una casa stregata)
31/08/2012 David H. Lawrence: The Lovely Lady (L’amabile ragazza)
07/09/2012 Edith Warthon: Afterwards (Dopo)
14/09/2012 Rhodes M. James: A View from a Hill ( Una vista dalla collina)
21/09/2012 Saki (H. H. Munro): The East Wing – The Schartz-Metterklume Method – The Interlopers (The East Wing – Il metodo Schartz-Metterklume – Gli intrusi)
28/09/2012 Sara O. Jewett: Lady Ferry
05/10/2012 Edgar Allan Poe: The Tell-tale Heart – The Premature Burial (Il cuore rivelatore – La sepoltura prematura)

Non mi resta che dire: Buona lettura!

Scritto da Mac La Mente

Tags : , , , ,

 

Libera-mente.net (…secondo me!)

(7 commenti) | Commenta | Inserito il lug 16, 2012 in Blog, Comoda-mente

Al contrario degli anni passati e in maniera un po’ inusuale rispetto al solito – essere scontato non mi piace molto – vorrei raccontare, anche se brevemente, la storia di questo sito che proprio oggi compie sei anni. Certo, non sono tanti ma credetemi, non sono neanche pochi, internet è così veloce e mutevole che credo sia raro trovare dei punti fermi, dei luoghi generalisti come Libera-mente.net che parlano di tutto e non sono legati a un solo argomento ma spaziano a trecentosessanta gradi raccontando, o per lo meno cercando di raccontare, quello che ci circonda, che piace, che è giusto mettere in evidenza, preservare, conservare e tramandare, non solo come bene dell’umanità – peccherei di presunzione dicendo questo – ma come manifestazione del libero pensiero e della creatività che ci differenza da altre forme di vita.

In sei anni sono accadute molte cose, da piccola comunità virtuale ma con la sua dose di realtà, Libera-mente.net è cresciuto e continua a farlo, inarrestabile è il cammino, e la strada presa non è ancora giunta a termine, lunga, rettilinea, a tratti tortuosa, si va…

Tra campi e colline, monti e pianure, salite e discese, il percorso intrapreso quella lontana ma mai così vicina domenica di luglio del 2006, il 16 luglio per la precisione, prosegue ancora oggi e rinnova e rafforza le fondamenta sulle quali è costruito.

Difficile tirare le somme a questo punto perchè il discorso non è giunto a termine, molto altro c’è da dire e solo il tempo, nostro inarrestabile alleato, permetterà di farlo.

Nato come forum all’inizio e cresciuto come blog – ne parlerò tra qualche giorno – Libera-mente.net è ancora qui come luogo dove poter esprimere le proprie opinioni rispettando quelle altrui, come luogo d’incontro ed elaborazione del pensiero che non può essere limitato a poche parole, simboli, frasi, link o altro come accade oggigiorno: la sintesi è utile in alcuni casi ma in altri risulta antitesi del pensiero perchè comprime, dice tutto e niente e questo a volte non va bene.

Nell’era dei social network, il forum – forma “primordiale” di comunicazione – non può cessare di esistere ma svilupparsi sempre più e intraprendere nuove strade, adattarsi a volte, questo è normale, ma conservare il suo significato iniziale. Condividere informazioni, aiutare a risolvere problemi, sciogliere dubbi ecc… in un’unica parola: parlare, anzi, scrivere.

Scrivere anche se si può essere fraintesi, scrivere abbracciando la lingua e rispettandola, scrivere per sentirsi vivo e far girare i meccanismi mentali di espressione arricchendo contemporaneamente la propria conoscenza integrandola con le esperienze di altre persone.

E’ tutto questo che sta alla base della nascita di Libera-mente.net e che mai potrà venir meno.

Le rotelle girano…il cervello deve funzionare e non amalgamarsi a quello che spesso e volentieri – soprattutto in questo ultimo periodo, purtroppo – vogliono che sia pensato e viene fatto passare per verità assoluta. Non esiste verità assoluta ma infinite sfumature di uno stesso argomento, diversi punti di vista, tanti “se” “ma” “però” legati in qualche modo tra loro…

La testa è rotonda per permettere al pensiero di cambiare direzione“…non bisogna mai dimenticarlo!

 

Auguri Libera-mente.net! :)

 

Tags : , , ,