Poesia – Noi non ci bagneremo di Rocco Scotellaro

(0 commenti) | Commenta | Inserito il mag 1, 2011 in Blog, Poesie della domenica

In occasione del Primo Maggio, della festa del lavoro e approfittando anche che sia domenica, e quindi è arrivato il nostro appuntamento fisso con la poesia, propongo in questo articolo dei versi che parlano del lavoro, che fanno immaginare determinate situazioni e ambienti.

La poesia scelta è di Rocco Scotellaro (1923 – 1953) e si intitola Noi non ci bagneremo.

Noi non ci bagneremo

Noi non ci bagneremo sulle spiagge
a mietere andremo noi
e il sole ci cuocerà come la crosta del pane.
Abbiamo il collo duro, la faccia
di terra abbiamo e le braccia
di legna secca colore di mattoni.
Abbiamo i tozzi da mangiare
insaccati nelle maniche
delle giubbe ad armacollo.
Dormiamo sulle aie
attaccati alle cavezze dei muli.
Non sente la nostra carne
il moscerino che solletica
e succhia il nostro sangue.
Ognuno ha le ossa torte
non sogna di salire sulle donne
che dormono fresche nelle vesti corte.

Tags : , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>