Poesia – Lacrima di Arthur Rimbaud

(0 commenti) | Commenta | Inserito il feb 13, 2011 in Blog, Poesie della domenica

Questa domenica ci spostiamo in Francia per rendere omaggio a un poeta scomparso troppo presto (secondo me) che ha regalato tesori di inestimabile splendore: le sue poesie.

Dopo aver segnalato sul forum una sua poesia, Silenzio, dedico questo articolo a dei versi molto toccanti e profondi che fanno parte di Lacrima.

Il poeta, non l’ho ancora detto, è Arthur Rimbaud (1854 – 1891).

Lacrima

Lontano dagli uccelli, dai greggi, dalle villanelle, bevevo,
accoccolato in qualche landa circondata dai boschi di
nocciuoli, in una tepida e verde foschia pomeridiana.

Che cosa potevo bere in quella giovine Oise – olmi senza
voce, erba senza fiori, cielo coperto-, che cosa attingevo alla
zucca di colocasia? Qualche liquor d’oro insipido, e che fa
sudare.

Parevo una brutta insegna d’albergo. Poi l’uragano mutò il
cielo, fino a sera: furono paesi neri, laghi, pertiche, colonnate
sotto la notte azzurra, stazioni.

L’acqua dei boschi si perdeva in sabbie vergini, il vento
scagliava dal cielo ghiaccioli ai pantani… E dire che, come un
pescatore d’oro o di conchiglie, non mi sono dato pensiero di
bere!

Anche in questo caso, purtroppo, non sono riuscito a scoprire chi abbia tradotto l’opera.

Tags : , , ,

 

Commenta l´articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>